Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Mafie News 'Ndrangheta ‘Ndrangheta: arrestato a Dubai Matacena, ex deputato di Forza Italia

Mafie News

‘Ndrangheta: arrestato a Dubai Matacena, ex deputato di Forza Italia

matacena-amedeo-webdi AmDuemila - 30 agosto 2013
Non è durata molto la latitanza di Amedeo Matacena, ex parlamentare, resosi irreperibile dal 6 giugno scorso, ovvero da quando la Cassazione lo aveva condannato a 5 anni e 4 mesi di reclusione per concorso esterno in associazione mafiosa. L’ex rappresentante di Forza Italia aveva pensato bene di non farsi trovare al momento dell’arresto fuggendo all’estero.
I carabinieri di Reggio Calabria che hanno condotto l’operazione, coordinati dalla Dda reggina e in collaborazione con l’Interpool, lo avevano individuato alle Seychelles.  E da alcuni giorni , gli uomini della Catturandi reggina non potendo intervenire nelle isole dell’arcipelago dell’Oceano Indiano, per vari motivi, lo tenevano sott’occhio monitorando ogni spostamento e movimento.In questo modo sono riusciti a scoprire la sua partenza verso Dubai (secondo gli investigatori forse tappa intermedia per un'altra destinazione) e a catturarlo. Infatti, appena sceso dall’aereo, il latitante ricercato in ambito internazionale è stato fermato e privato del passaporto dalle autorità degli Emirati Arabi avvisate, appunto, dalle forze dell’ordine Italiane.

Amedeo Matacena, figlio dell’armatore che diede inizio al traghettamento nello Stretto di Messina, tra il 1994 e il 2001 è stato deputato con Forza Italia per ben due legislature. E’ passato alla storia come uno dei tre deputati che nel 1995 votò contro la conversione in legge del decreto che istituì il carcere duro (il 41 bis) per i boss di Cosa Nostra, 'Ndrangheta e Camorra.
Nei primi anni ’90 venne coinvolto, assieme a Paolo Romeo (altro deputato poi condannato), nella maxi-inchiesta “Olimpia”. Inchiesta che permise di scardinare le cosche di Reggio, protagoniste della guerra di mafia che in quel periodo provocò quasi mille morti ammazzati.
Da quell’indagine scaturì il processo “Olimpia” dal cui stralcio iniziò la lunga vicenda giudiziaria di Matacena. Venne condannato in prima istanza nel marzo 2001 dal Tribunale reggino, a 5 anni e 4 mesi di carcere per associazione mafiosa, concorso esterno. Nel marzo 2006 in corte d’Appello a Reggio venne assolto per annullamento della sentenza, quattro anni dopo la stessa Corte d’Appello confermò la prima disposizione assolutoria. A quel punto intervenne l’impugnazione dell’avvocato generale Scuderi che chiese l’annullamento dell’assoluzione e il rifacimento del giudizio in secondo grado. Così il 18 luglio 2012, l'ex deputato accusato di aver favorito consapevolmente la cosca dei Rosmini, venne condannato a cinque anni di reclusione con l’aggiunta dell'interdizione perpetua dai pubblici uffici per concorso esterno in associazione mafiosa dalla Corte d'appello di Reggio Calabria.  La sentenza è stata poi confermata dalla Cassazione il 6 giugno di quest’anno.
“Evidentemente – si legge nel dispositivo - non si può stringere un accordo con una struttura mafiosa, se non avendo piena consapevolezza della sua esistenza e del suo modus operandi. Tanto basta per ritenere che Matacena ben sapesse di aver favorito la cosca dei Rosmini”.
Nella sentenza c'è spazio anche per la “rapida carriera politica di Giuseppe Aquila: da manovale a bordo dei traghetti Caronte della famiglia Matacena a presidente della Provincia di Reggio. Considerato politicamente vicino a Matacena, infatti – scrivono giudici di Cassazione – Aquila “era uomo che faceva parte della famiglia (di sangue e mafiosa) dei Rosmini”.

Le recensioni di AntimafiaDuemila

DOSSIER BOLOGNA

DOSSIER BOLOGNA

by Antonella Beccaria

"Quando, alle 10:25, da quella valigia si sprigionò...

U SICCU

U SICCU

by Lirio Abbate

Lirio Abbate ci spiega perché la cattura di...


A UN PASSO DA PROVENZANO

A UN PASSO DA PROVENZANO

by Giampiero Calapà

Bernardo Provenzano, detto ’u Tratturi dai nemici, zu...

LA MAFIA CHE HO CONOSCIUTO

LA MAFIA CHE HO CONOSCIUTO

by Alfredo Galasso

Dall’incontro con Rocco Chinnici, Falcone e Borsellino al...


PAOLO BORSELLINO PARLA AI RAGAZZI

PAOLO BORSELLINO PARLA AI RAGAZZI

by Pietro Grasso

Una testimonianza civile per le nuove generazioni. Un...

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

La confessione di Giovanni Brusca Il pentito della trattativa...


LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...

COSA NOSTRA S.P.A.

COSA NOSTRA S.P.A.

by Sebastiano Ardita

Nell'ultimo libro di Sebastiano Ardita il ritratto della...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa