Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Mafie News Cosa Nostra Omicidio Sciacchitano: il boss Profeta cantava ''Volare'' mentre i sicari uccidevano il giovane

Mafie News

Omicidio Sciacchitano: il boss Profeta cantava ''Volare'' mentre i sicari uccidevano il giovane

di AMDuemila
Per i giudici si trattò di una punizione esemplare
La dinamica del delitto riportata nelle motivazioni di sentenza

Canticchiava “Volare” di Modugno, il capo mafia Salvatore Profeta, mentre i suoi uomini crivellavano di colpi Salvatore Sciacchitano (deceduto nell’agguato) e Antonino Rizzi (rimasto ferito). A scriverlo sono i giudici della corte d’Assise di Palermo presieduta da Alfredo Montalto (a latere Giulia Malaponte) nelle 479 pagine di motivazione della sentenza del 25 novembre scorso, quando sono stati condannati all’ergastolo Natale Giuseppe Gambino, Antonino Profeta, Francesco e Gabriele Pedalino, Lorenzo Scarantino e Domenico Ilardi, e a 22 anni e mezzo di carcere Giuseppe Greco. Imputato era anche lo stesso Salvatore Profeta per il quale, però, si è deciso il non luogo a procedere per morte del reo (è deceduto nel settembre 2018).

profeta salvatore da palermo repubblica it

L'arresto del boss Salvatore Profeta


Il delitto avvenne la sera del 3 ottobre del 2015 davanti ad un centro scommesse di via della Conciliazione, nel quartiere palermitano Falsomiele. L’omicidio del giovane, spiegano i giudici, avvenne perché i due, quel pomeriggio, avevano partecipato, assieme a Francesco Urso (già condannato in via definitiva), alla gambizzazione di Luigi Cona (soggetto ritenuto vicino a Cosa nostra), rendendosi artefici “di iniziative contrarie all’ordine prestabilito e garantito sul territorio dalla famiglia mafiosa di Santa Maria di Gesù”. Non lontano dal luogo in cui si stava consumando “la punizione esemplare”, si trovava il boss Salvatore Profeta a bordo di una Volkswagen Polo con Natale Giuseppe Gambino. I due boss, osservano i giudici, “pur avendo modo di udire il rumore degli spari, sono rimasti in religioso silenzio. Solo Profeta, solito, come si evince dal profluvio di intercettazioni in atti, intonare motivi canori, aveva, in concomitanza dei primi spari, smesso di canticchiare, per poi riprendere subito dopo, senza spendere nemmeno una parola, in merito all’accaduto”. Quindi, secondo la Corte, la “mancata reazione” è una “evidente anomalia da parte di due dei soggetti di maggiore spessore criminale del clan, in quanto tali sempre solerti all’intervento ed alla gestione delle vicende afferenti e ricadenti nel territorio di competenza”. Pertanto, concludono i giudici, “il loro silenzio sarebbe indicativo della loro condivisa conoscenza di quanto occorso in quei frangenti” essendone i mandanti.

ARTICOLI CORRELATI

Omicidio Sciacchitano: 6 ergastoli per esecutori e mandanti

Le recensioni di AntimafiaDuemila

INTORNO A PEPPINO

INTORNO A PEPPINO

by Salvo Vitale

Peppino Impastato, assassinato a trent'anni dai mafiosi di...

LA SCOPERTA DI COSA NOSTRA

LA SCOPERTA DI COSA NOSTRA

by Gabriele Santoro

Questa è la storia di un mafioso e...


PAPA FRANCESCO. LA DITTATURA DELL'ECONOMIA

PAPA FRANCESCO. LA DITTATURA DELL'ECONOMIA

edited by Ugo Mattei

"Così come il comandamento 'non uccidere' pone un...

COSA NOSTRA S.P.A.

COSA NOSTRA S.P.A.

by Sebastiano Ardita

Nell'ultimo libro di Sebastiano Ardita il ritratto della...


LO STATO ILLEGALE

LO STATO ILLEGALE

by Gian Carlo Caselli, Guido Lo Forte

La mafia è storia di un intreccio osceno...

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

La confessione di Giovanni Brusca Il pentito della trattativa...


LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...

UN APPASSIONATO DISINCANTO

UN APPASSIONATO DISINCANTO

by Antonio Bonagura

La vita in maschera di un uomo dei...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa