Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Mafie News Cosa Nostra Cupola 2.0: in 54 scelgono rito abbreviato, Comune di Palermo non si costituisce parte civile

Mafie News

Cupola 2.0: in 54 scelgono rito abbreviato, Comune di Palermo non si costituisce parte civile

di AMDuemila
Al processo nato dalla maxi operazione contro Cosa nostra denominata Cupola 2.0, avvenuta lo scorso 5 dicembre, si costituiranno parte civile, insieme a 20 imprenditori vittime di estorsioni e 5 associazioni antiracket, anche i comuni di Villabate, Ficarazzi e Misilmeri, ma non quello di Palermo che a quanto risulta non avrebbe nemmeno avanzato richiesta.
Su 63 indagati, 54 hanno scelto il processo con rito abbreviato mentre soltanto in 6 hanno optato per quello ordinario infine per gli altri 3 ieri, durante l’udienza preliminare tenutasi ieri davanti al Gup Rosario Di Gioia, la scelta del rito è stata rinviata per questioni tecniche alla prossima udienza. Gli imputati rispondono di mafia, estorsione, danneggiamenti e intestazione fittizia di beni. Secondo il procuratore aggiunto Salvatore De Luca e i sostituti Amelia Luise, Francesca Mazzocco, Dario Scaletta e Bruno Brucoli, a fine maggio 2018 si sarebbe tenuto un importante vertice istituito al fine di riorgaizzare tutto il Gotha di Cosa nostra palermitana dopo la scomparsa del Capo dei Capi. All’incontro avrebbero partecipato il capomandamento di Pagliarelli, Settimo Mineo, insieme a Gregorio Di Giovanni e Leandro Greco (nipote di Michele Greco, detto “il papa”), rispettivamente capimandamento di Porta Nuova e Ciaculli. Insieme a loro anche i capi clan di Villabate Calogero Lo Piccolo e Francesco Colletti, quest’ultimo si è poi pentito dopo il suo arresto con Filppo Bisconti, boss di Belmonte Mezzagno.

ARTICOLI CORRELATI

Processo ''Cupola 2.0'': 64 richieste di rinvio a giudizio

''Cupola 2.0'', così la mafia torna ad essere palermocentrica

Una ''Cupola 2.0'' per Cosa nostra. Blitz dei carabinieri

Blitz alla nuova Cupola

Arresto capo mafia Settimo Mineo, parla il pentito Di Carlo

Le recensioni di AntimafiaDuemila

LE MENTI DEL DOPPIO STATO

LE MENTI DEL DOPPIO STATO

by Mario José Cereghino, Giovanni Fasanella

L’inchiesta condotta dagli autori, basata su anni di...

L'AMORE NON BASTA

L'AMORE NON BASTA

by Luigi Ciotti

Don Luigi Ciotti parla di se stesso attraverso...


CRISI DI CIVILTA'

CRISI DI CIVILTA'

by Noam Chomsky, C. J. Polychroniou

Gli interventi del grande linguista sulla pandemia.«Il più...

LA NOTTE DELLA CIVETTA

LA NOTTE DELLA CIVETTA

by Piero Melati

Leonardo Sciascia pubblicò "Il giorno della civetta" nel...


INTORNO A PEPPINO

INTORNO A PEPPINO

by Salvo Vitale

Peppino Impastato, assassinato a trent'anni dai mafiosi di...

COSA NOSTRA S.P.A.

COSA NOSTRA S.P.A.

by Sebastiano Ardita

Nell'ultimo libro di Sebastiano Ardita il ritratto della...


HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

La confessione di Giovanni Brusca Il pentito della trattativa...

LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa