Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Mafie News Cosa Nostra ''Our Godfather: the man the mafia could not kill'' domani sera in anteprima su La 7

Mafie News

''Our Godfather: the man the mafia could not kill'' domani sera in anteprima su La 7

our godfather copertina filmdi AMDuemila - Trailer
La famiglia Buscetta si racconta con un inedito docufilm sulla storia del "boss dei due mondi". In uscita anche su Netflix

Dopo il successo de “Il Traditore”, il film sulla storia del capo mafia Tommaso Buscetta del regista Marco Bellocchio, la figura del “Boss dei due mondi” torna nuovamente sui grandi schermi. Questa volta però non sarà un ottimo Pierfrancesco Favino ad interpretarlo ma la famiglia Buscetta stessa la quale, attraverso i vissuti di alcuni dei suoi componenti, racconterà con un documentario la storia dell’uomo che, dopo aver visto morire 11 dei suoi famigliari sotto i colpi di pistola dei boss, prese per mano i magistrati e mostrò loro tutti i meandri di Cosa nostra. Dai volti più o meno noti, alle cariche, alle strutture, fino ai legami con il mondo della politica e dell’imprenditoria da cui si sferrò un colpo imponente a tutto il gotha, o quasi, di Cosa Nostra con il Maxi processo. “Our Godfather: the man the mafia could not kill”, (“Il nostro Padrino: l’uomo che la mafia non poté uccidere”), questo è il titolo del documentario che andrà in onda domani sera in anteprima mondiale su La 7 alle ore 21.15 e a breve anche sulla famosa piattaforma Netflix. Per realizzarlo i due cineasti statunitensi Max Franchetti e Andrew Meier si sono dovuti armare di molta pazienza in quanto, solo per rintracciare Roberto Buscetta, figlio del boss, e la madre Cristina, brasiliana, la terza moglie del super pentito vissuti sotto falso nome e in varie località per oltre trent’anni, ci hanno dovuto impiegare due anni di tempo. I due registi, dopo vari tentativi, per ottenere un contatto diretto con madre e figlio, hanno dovuto far affidamento ad ogni mezzo, anche scrivendo a vecchi indirizzi mail. Ed è stato proprio scrivendo ad uno di questi che dopo tre settimane di totale silenzio Cristina, incuriosita, si è fatta sentire. L’incontro tra Cristina e Roberto Buscetta e i due cineasti è avvenuto nel maggio 2015 in Florida, alla presenza dell’agente della Dea Anthony Petrucci che per anni era stato uno degli angeli custodi della famiglia.

Nel documentario, la moglie del pentito racconta quanto sia stata difficile la scelta di don Masino di rompere il codice dell’omertà di Cosa nostra e chiudere quindi col passato. Quella è stata “la decisione più sofferta della sua vita” ha commentato la donna, una circostanza testimoniata anche da Lisa, sorellastra di Roberto che appare nel documentario, la quale ha raccontato di aver pronunciato il cognome Buscetta per la prima volta nella vita solo in questa occasione: “Ne andava la sicurezza della famiglia”.
Alla fine Cristina ha accettato di farsi riprendere, mentre Roberto, che sotto falso nome ha fatto il militare in Iraq e Afghanistan, ha chiesto che non venissero rivelati i suoi alias e che il suo volto fosse ripreso in ombra: “C’è sempre un rischio, la mafia non perdona” ha spiegato Buscetta jr.

Le recensioni di AntimafiaDuemila

INTORNO A PEPPINO

INTORNO A PEPPINO

by Salvo Vitale

Peppino Impastato, assassinato a trent'anni dai mafiosi di...

LA SCOPERTA DI COSA NOSTRA

LA SCOPERTA DI COSA NOSTRA

by Gabriele Santoro

Questa è la storia di un mafioso e...


PAPA FRANCESCO. LA DITTATURA DELL'ECONOMIA

PAPA FRANCESCO. LA DITTATURA DELL'ECONOMIA

edited by Ugo Mattei

"Così come il comandamento 'non uccidere' pone un...

COSA NOSTRA S.P.A.

COSA NOSTRA S.P.A.

by Sebastiano Ardita

Nell'ultimo libro di Sebastiano Ardita il ritratto della...


LO STATO ILLEGALE

LO STATO ILLEGALE

by Gian Carlo Caselli, Guido Lo Forte

La mafia è storia di un intreccio osceno...

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

La confessione di Giovanni Brusca Il pentito della trattativa...


LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...

UN APPASSIONATO DISINCANTO

UN APPASSIONATO DISINCANTO

by Antonio Bonagura

La vita in maschera di un uomo dei...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa