Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Sostieni AntimafiaDuemila con Pay Pal

Back Sei qui: Home Mafie News Cosa Nostra Per ex senatore D'Alì tre anni di ''obbligo di dimora''

Mafie News

Per ex senatore D'Alì tre anni di ''obbligo di dimora''

di AMDuemila
La decisione del Tribunale Misure di Prevenzione di Trapani

L'ex senatore Antonio D'Alì sarà sottoposto all'obbligo di dimora a Trapani per la durata di tre anni. A deciderlo è stato il Tribunale Misure di Prevenzione di Trapani presieduto dal giudice Roberta Nodari che, accogliendo le richieste della Dda di Palermo (pm Pier Angelo Padova), ha riconosciuto la pericolosità del politico trapanese tuttora a processo per "concorso esterno in associazione mafiosa" dinanzi alla Corte d'Appello di Palermo. Per lui la Procura distrettuale Antimafia di Palermo ha chiesto l'applicazione del soggiorno obbligato a Trapani, in virtù delle accuse emerse nel corso del processo da cui è stato assolto - prescritto per le accuse precedenti al 1994 - dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa. La richiesta risale al maggio 2017, quando D'Alì era candidato a sindaco di Trapani e i pm della Dda avevano chiesto l'obbligo di dimora per 5 anni a Trapani. Intanto i legali di D'Alì annuncino di voler presentare appello. "Mi lascia certamente sgomenta e perplessa la decisione di accoglimento della proposta avanzata dalla Procura nei confronti del senatore D'Ali' - ha scritto in una nota l'avvocato Arianna Rallo - per il semplice fatto che una lettura attenta e completa di tutte le prove documentali e testimoniali di persone altamente qualificate, offerte al Tribunale a fronte di illazioni e congetture di pentiti sedicenti, gia' delinquenti che continuano a delinquere, avrebbe dovuto indurli ad una diversa valutazione. L'assoluta estraneita' del senatore D'Ali' dai fatti contestatigli sarà fatta valere con il ricorso in appello".

Foto © Imagoeconomica

Le recensioni di AntimafiaDuemila

IL PEGGIO DI ME

IL PEGGIO DI ME

by Ismaele La Vardera

Cosa succede se il candidato sindaco di Matteo...

GASPARE MUTOLO

GASPARE MUTOLO

by Anna Vinci

“Sono un sopravvissuto. Sono la memoria orale della...


LE MAFIE NELL'ECONOMIA LEGALE

LE MAFIE NELL'ECONOMIA LEGALE

by Rocco Sciarrone, Luca Storti

Le mafie continuano a prosperare sia nelle zone...

LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...


HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

La confessione di Giovanni Brusca Il pentito della trattativa...

SALVATORE CANCEMI: RIINA MI FECE I NOMI DI...

SALVATORE CANCEMI: RIINA MI FECE I NOMI DI...

by Giorgio Bongiovanni

Le particolarità di questo libro 1. E’ la prima...


PIAZZA FONTANA. IL PROCESSO IMPOSSIBILE

PIAZZA FONTANA. IL PROCESSO IMPOSSIBILE

by Benedetta Tobagi

Il racconto rigoroso e appassionante del grande processo...

DEPISTATO

DEPISTATO

by Giuseppe Lo Bianco , Sandra Rizza

In queste pagine è raccontato il depistaggio di...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa