Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Mafie News Cosa Nostra ''Hanno fatto bene ad ammazzare u parrinu''. Minacciato il presidente del Centro Padre Nostro

Mafie News

''Hanno fatto bene ad ammazzare u parrinu''. Minacciato il presidente del Centro Padre Nostro

di AMDuemila
Aggredito Maurizio Artale davanti alla Casa museo dedicata a Padre Puglisi
"Hanno fatto bene ad ammazzare u parrinu". Così un uomo si è rivolto a Maurizio Artale, presidente del centro "Padre Nostro" fondato da don Pino Puglisi, assassinato dalla mafia, durante una accesa discussione per strada. Il fatto è avvenuto davanti alla Casa museo del beato, a Palermo, visitata poche settimane fa da Papa Francesco. A riferire i contenuti dell'animato diverbio, al quale hanno assistito alcuni giovani volontari del centro di Brancaccio, è lo stesso Maruzio Artale in un lungo post su Facebook. "Capita che sabato, alle 13, dopo aver partecipato al convegno dal titolo "Crisi e rigenerazione", svoltosi presso la Missione Speranza e Carità, io vada a Casa museo del beato Giuseppe Puglisi: lì ci sono ad attendermi i volontari del Centro e il gruppo dei giovani promotori dell'iniziativa "Le vie dei tesori", in quanto per la prima volta la Casa museo è stata inserita in questa iniziativa cittadina - ha raccontato Artale - Capita che, appena sceso dall'auto, un "energumeno", venuto fuori dal portone del civico n.3 di piazzetta Beato Giuseppe Puglisi (già piazzale Anita Garibaldi), a torso nudo, con barba folta e nera così come la sua capigliatura alla moda, si diriga verso di me con un fare pari a quello di un rinoceronte che carica la sua preda".
Un "energumeno", come lo definisce Artale, uscendo dal portone della propria abitazione, proprio vicino alla Casa museo, si è scagliato contro il presidente del Centro, sostenendo che da quando c'è lui nella piazza non c'è più pace e che per colpa sua non può più posteggiare la moto sotto il balcone perché la sosta è vietata, prima non lo era. "L’energumeno" aveva poi aggiunto che, non appena avesse visto una moto dei volontari del Centro sul marciapiede, ci avrebbe pensato lui. "Capita che io, con molta calma, gli chieda per quale motivo se la stia prendendo con me, invitandolo eventualmente a reclamare, per il divieto di posteggio sui marciapiedi, direttamente alle forze dell’ordine - ha proseguito nel racconto il presidente del Centro Padre Nostro -. Aggiungo inoltre che anche nel caso in cui avesse visto una moto appartenente a un volontario del Centro posteggiata sul marciapiede, avrebbe dovuto chiamare sempre le forze dell'ordine”.
E ancora: "Capita che lui mi risponda di non essere sbirro come me e che queste cose posso farle io ma di certo lui no. Capita che io ribadisca, sempre con molta calma, che qualora fosse stata sua intenzione offendermi non ci stava riuscendo, visto che per me l'epiteto "sbirro" non rappresentava una offesa. Mi limito ad aggiungere che continuavo a non comprendere la sua agitazione. Così gli chiedo se non fosse contento della visita del Papa in quel luogo e se non fosse contento di affacciarsi al balcone e vedere la piazza sgombra di auto, risistemata, pulita e con le aiuole fiorite. Capita che lui mi risponda che non gliene fotte niente del Papa e che io gli avevo tolto "l'identità" facendo persino cambiare nome alla piazza, aggiungendo che non solo avevo precluso l'accesso delle auto su metà marciapiede, ma che ora stavo esagerando e me ne stavo approfittando".
Parlando dell’omicidio di don Pino Puglisi, assassinato il 15 settembre 1993 davanti alla casa del parroco di Brancaccio, quel soggetto ha poi inveito contro Artale e gli grida: “Hanno fatto bene ad ammazzarlo". "Capita che io a quel punto gli risponda urlando, così come lui aveva fatto con me sino a qual momento - ha raccontato ancora il presidente del Centro Padre nostro - Gli chiedo: "Quindi hanno fatto bene ad ammazzare padre Pino Puglisi? Devi darti una controllata nel parlare, devi decidere da che parte stare, dalla parte della mafia o degli 'sbirri', come li chiami tu. E sempre con toni accesi gli chiedo perché queste cose non le ha dette quando la piazza pullulava di forze dell'ordine. Incalzante, continuo e gli chiedo se è capace di dire queste cose davanti agli 'sbirri' e se, nel caso in cui io li avessi chiamati, lui davanti a loro, in quell'istante, avrebbe ripetuto le stesse parole che aveva appena rivolto a me. Capita che lui mi risponda che avevano fatto bene ad ammazzare 'u parrinu e che lui non si spaventa di nessuno e che di tutto questo movimento a lui non gliene fotteva niente. Capita che io lo inviti a tornarsene a casa, spiegandogli che se avesse continuato con quell'atteggiamento e quel comportamento, gli sbirri, come li chiamava lui, se lo sarebbero di certo prelevato".
Con sgomento, Artale ha poi constatato: "Dopo l’incontro mi sono chiesto: Ma dove erano le centinaia di persone che hanno esposto lenzuoli bianchi ai balconi in occasione della venuta del Papa? Come mai nessuno è sceso dalla propria abitazione per cercare di condurre alla ragione l'energumeno? Come mai, quando ho alzato lo sguardo verso le finestre e i balconi prospicienti la piazzetta, non c'era nessuno? Questo non deve capitare. Quei lenzuoli bianchi devono diventare lo specchio della coscienza".
L’attuale presidente del Centro Padre Nostro ha infine concluso: "Non è possibile ancora oggi, dopo 25 anni dal martirio del beato Giuseppe Puglisi, trincerarsi dietro la paura di metterci la faccia, di dimostrare all'energumeno che non la pensiamo come lui e che la mafia non fa bene quando "ammazza" una qualsiasi persona. Non è possibile che nessuno degli abitanti di quella piazza non ripudi con fermezza il comportamento dell'energumeno".

A Maurizio Artale l’abbraccio e la piena solidarietà di tutta la redazione di ANTIMAFIADuemila

Foto © Paolo Bassani

Le recensioni di AntimafiaDuemila

IL CORAGGIO DI DIRE NO

IL CORAGGIO DI DIRE NO

by Paolo De Chiara

È la drammatica storia di una fimmina ribelle...

ONG

ONG

by Sonia Savioli

Nel Medioevo si cercavano di unifi care territori...


CIAO, IBTISAM!

CIAO, IBTISAM!

by Serena Marotta

"Ibtisam" è la traslitterazione della parola araba che...

LA REPUBBLICA DELLE STRAGI

LA REPUBBLICA DELLE STRAGI

edited by Antonella Beccaria, Salvatore Borsellino, Federica Fabbretti, Giuseppe Lo Bianco , Stefano Mormile, Nunzia Mormile, Fabio Repici, Giovanni Spinosa

La storia occulta del nostro Paese viene scritta...


SULCIS IN FUNDO

SULCIS IN FUNDO

by Chessa Paolo Matteo

Il "giallo del pozzo" di Carbonia con l'assassinio...

MAFFIA & CO.

MAFFIA & CO.

by Andrea Leccese

Mafia è la parola italiana più famosa al...


IL VOTO DI SCAMBIO POLITICO-MAFIOSO

IL VOTO DI SCAMBIO POLITICO-MAFIOSO

by Mario Michele Giarrusso, Andrea Leccese

''La norma sul voto di scambio politico-mafioso nasce...

UNA SPECIE DI VENTO

UNA SPECIE DI VENTO

by Marco Archetti

Una storia che è un canto di vita:...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa