Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Mafie News Cosa Nostra Scarantino: a ''farmi mafioso'' fu lo Stato

Mafie News

Scarantino: a ''farmi mafioso'' fu lo Stato

scarantino vincenzo eff 610di AMDuemila
Fu indotto a dire il falso dal gruppo d'indagine della strage di via d'Amelio

Fu lo Stato ad avermi “fatto mafioso”, assicura Vincenzo Scarantino nell'intervista al Fatto Quotidiano, parlando di come e quando fu indotto a riportare fin nelle aule del tribunale una falsa ricostruzione sulla strage di via d'Amelio. Oggi il falso pentito del processo Borsellino quater (il cui reato di calunnia è stato dichiarato prescritto in quanto riconosciuta l'“induzione”) conferma che furono in primis l'ex capo del gruppo investigativo Falcone-Borsellino Arnaldo La Barbera – deceduto – e i poliziotti Bo e Ricciardi – il primo nuovamente indagato per calunnia, il secondo indagato e successivamente archiviato – a “combinarlo” nel giugno 1994, quando inizia la sua “collaborazione”. “Sono stato 'combinato' da poliziotti – dice l'ex picciotto della Guadagna – La Barbera che era il mio padrino, da Bo e da Riccardi”. Quindi rievoca il periodo trascorso al carcere di Pianosa, dove “mi hanno riempito di bastonate. Nel cibo mi mettevano i vermi da terra, le mosche” fino ad arrivare a perdere 50 chili. “Sulla strage io non sapevo niente. – ribadisce – Niente di niente, non sapevo neanche dove era via D’Amelio”. “A La Barbera gli dicevo che non sapevo niente, ma loro mi spiegarono che dalle loro indagini risultavano alcuni soggetti che mi indicavano in foto e io iniziai a dire sì e confermare quello che loro volevano che confermassi”. Secondo Scarantino, a un certo punto “il cervello diventa come la carta: fragile”. Fu così che, aggiunge, “ho ceduto a fare l’infame”, tanto che “a un certo punto credevo veramente di aver ucciso Borsellino”. E ancora: “Io andavo ai colloqui piangendo, non sopportavo Pianosa”.
Parlando di La Barbera, Scarantino riferisce che l'ex capo del gruppo d'indagine “aveva carta bianca” persino “coi magistrati”, tanto che “se andavo dal magistrato a dire 'non so niente', mi ammazzavano”. In un confronto con il gruppo Falcone-Borsellino, prosegue, “un magistrato e i poliziotti mi dissero 'tranquillo' nessun pentito potrà smentirti”.
Ma secondo Scarantino, oltre al gruppo Falcone-Borsellino, a dover pagare sono anche “i garanti”, vale a dire “chi gli ha dato carta bianca” perché “tutti sapevano che era una farsa”. E se la mafia che “vuole eliminarti, ti spara in testa”, è la sua considerazione, lo Stato invece “fa come i polli alla brace che si devono cuocere lentamente”. “Non smetterò mai di chiedere scusa” conclude Scarantino, agli innocenti che ha accusato, perché “ho rovinato la mia vita e la loro”.
Secondo la sentenza del processo Borsellino quater, Scarantino ha effettuato la calunnia perché "determinato a commettere il reato" dagli apparati di Polizia. Calogero Montante, legale difensore del falso pentito, ha già annunciato che farà ricorso per puntare all'assoluzione. Le motivazioni dei giudici, che evidenziano “zone d'ombra” e “incongruenze” sulla bomba che uccise Paolo Borsellino insieme agli agenti di scorta Emanuela Loi, Vincenzo Li Muli, Walter Eddie Cosina e Claudio Traina, attestano nero su bianco che “le dichiarazioni di Vincenzo Scarantinosono state al centro di uno dei più gravi depistaggi della storia giudiziaria italiana”, facendo quindi riferimento “ad alcune emergenze che dimostrano il coinvolgimento diretto del Sisde, al di fuori di qualsivoglia logica e regola processuale, nelle prime indagini sulla strage di via D’Amelio, orientate verso la falsa pista di Vincenzo Scarantino”. Oggi c'è un nuovo processo dove ad essere imputati sono proprio tre poliziotti del gruppo investigativo guidato da La Barbera.

In foto: Vincenzo Scarantino in uno scatto di repertorio

ARTICOLI CORRELATI

Borsellino quater: ''Su via d'Amelio il più grave depistaggio della storia''

Via d'Amelio: restano ''zone d'ombra'' e ''incongruenze''

Le recensioni di AntimafiaDuemila

LA GIUSTIZIA E' COSA NOSTRA

LA GIUSTIZIA E' COSA NOSTRA

by Attilio Bolzoni, Giuseppe D'avanzo

Un libro di cui non si sa nulla...

GIORNALISTI IN TERRE DI MAFIA

GIORNALISTI IN TERRE DI MAFIA

by Attilio Bolzoni

Ci sono notizie che fanno male e ci...


IL BENE POSSIBILE

IL BENE POSSIBILE

by Gabriele Nissim

Secondo il Talmud ogni generazione conosce trentasei zaddiqim...

CORRUZIONE E ANTICORRUZIONE

CORRUZIONE E ANTICORRUZIONE

by Raffaele Cantone, Enrico Carloni

Ogni volta che un politico o un funzionario...


I NUOVI POTERI FORTI

I NUOVI POTERI FORTI

by Franklin Foer

Google, Amazon, Facebook, Apple, ormai note con l’acronimo...

PRIMA CHE GRIDINO LE PIETRE

PRIMA CHE GRIDINO LE PIETRE

by Valentina Furlanetto, Alex Zanotelli

Questo libro racconta il razzismo di ieri e...


GESU' E' PIU' FORTE DELLA CAMORRA

GESU' E' PIU' FORTE DELLA CAMORRA

by Aniello Manganiello, Andrea Manzi

"Gesù è più forte della camorra" è il...

L'ISOLA ASSASSINA

L'ISOLA ASSASSINA

by Carlo Bonini

Un'inchiesta sulle tracce di Daphne Caruana Galizia, la...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa