Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Mafie News Cosa Nostra L'allarme del questore Cortese: ''Attenzione alle scarcerazioni dei boss''

Mafie News

L'allarme del questore Cortese: ''Attenzione alle scarcerazioni dei boss''

cortese renato foto emanuele di stefano“Cosche si stanno evolvendo in cerca di nuove frontiere”
di AMDuemila
"A distanza di un anno dal mio insediamento non posso non sottolineare che il nostro impegno prioritario continua ad essere la lotta alla mafia, guardando con allarme alle scarcerazioni di boss". Ad affermarlo è il questore di Palermo, Renato Cortese, intervenuto nel corso della Festa della Polizia. "Cosa Nostra trae illeciti guadagni da tradizionali canali di approvvigionamento come la droga, gli appalti, la corruzioni, le estorsioni. - ha aggiunto - Una piaga questa con la quale per troppo tempo gli imprenditori palermitani hanno dovuto convivere quasi come se fosse un elemento insostituibile e consolidato nel contesto economico, pagando il pizzo alle organizzazioni criminali o addirittura arrivando a sacrificare la loro stessa esistenza quando non erano più in grado di sostenerlo. Contro questo male subdolo sono stati profusi i nostri sforzi dando respiro alle imprenditoria pulita. A questa chiedo con forza di denunciare e di ribellarsi e di affidarsi con fiducia alle forze di polizia. Non hanno più alibi. Lo Stato è forte e coeso, compatto nel sostenerli in questo percorso". "Le cosche si stanno evolvendo in cerca di nuove frontiere, di nuovi guadagni: la gestione dei rifiuti, il mondo delle scommesse, la manipolazione delle gare calcistiche, il gioco on line. Dobbiamo tenere ben presente la letale pervasività di Cosa Nostra - ha proseguito - che con duttilità ha acquisito le capacità per infiltrarsi non soltanto nei mercati illeciti ma soprattutto per propagarsi in quelli leciti producendo effetti devastanti alterando le regole del mercato e portando al collasso le piccole imprese oneste". Per il questore "la mafia potrebbe rivitalizzarsi paradossalmente grazie alla scarcerazione di una dozzina di elementi di spicco tornati in libertà per scadenza dei termini o perché hanno scontato le pene. E a quest'allarme che dobbiamo essere pronti a dare una risposta. Una risposta giuridica perché l'assetto normativo di contrasto è quello pensato e costruito per una mafia ormai passata, una mafia violenta che mostrava la sua forza con azioni palesi eclatanti". "Oggi il suo agire è occulto, strisciante, silente, - ha concluso - ma la sua pervasività non è meno letale e il suo modus operandi richiede delle norme adeguate realizzate ad hoc per contrastare questo fenomeno".
Infine ha fissato l’obiettivo: “La vera strategia di contrasto è quella di dare risposte adeguate ai cittadini in termini di sicurezza, di lotta al degrado, di tranquillità sociale, di benessere percepito. La vera strategia è quella di restituire una città più vivibile, più sicura, più accogliente e per questo che oggi sono lieto di premiare tra gli altri i poliziotti che hanno dato la caccia per otto mesi ad un uomo che ha commesso il peggiore dei reati: una violenza sessuale ai danni di una giovanissima turista inglese. La nuova strategia contro la mafia passa anche attraverso la tutela delle donne. Una società non può dirsi realmente progredita se ancora accetta manifestazioni di violenza specchio di una concezione proprietaria della donna che ormai è inaccettabile".

Fonte: ANSA

Foto © Emanuele Di Stefano

Le recensioni di AntimafiaDuemila

IL CORAGGIO DI DIRE NO

IL CORAGGIO DI DIRE NO

by Paolo De Chiara

È la drammatica storia di una fimmina ribelle...

ONG

ONG

by Sonia Savioli

Nel Medioevo si cercavano di unifi care territori...


CIAO, IBTISAM!

CIAO, IBTISAM!

by Serena Marotta

"Ibtisam" è la traslitterazione della parola araba che...

LA REPUBBLICA DELLE STRAGI

LA REPUBBLICA DELLE STRAGI

edited by Antonella Beccaria, Salvatore Borsellino, Federica Fabbretti, Giuseppe Lo Bianco , Stefano Mormile, Nunzia Mormile, Fabio Repici, Giovanni Spinosa

La storia occulta del nostro Paese viene scritta...


SULCIS IN FUNDO

SULCIS IN FUNDO

by Chessa Paolo Matteo

Il "giallo del pozzo" di Carbonia con l'assassinio...

MAFFIA & CO.

MAFFIA & CO.

by Andrea Leccese

Mafia è la parola italiana più famosa al...


IL VOTO DI SCAMBIO POLITICO-MAFIOSO

IL VOTO DI SCAMBIO POLITICO-MAFIOSO

by Mario Michele Giarrusso, Andrea Leccese

''La norma sul voto di scambio politico-mafioso nasce...

UNA SPECIE DI VENTO

UNA SPECIE DI VENTO

by Marco Archetti

Una storia che è un canto di vita:...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa