Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Mafie News Cosa Nostra Ricordato a Corleone l'esempio di Placido Rizzotto

Mafie News

Ricordato a Corleone l'esempio di Placido Rizzotto

di AMDuemila
Un sindacalista, un “rivoluzionario”, un cittadino che si batteva per i diritti degli agricoltori in una tempo dove ancora c’era il latifondo, che era in mano degli agrari e dei gabelloti mafiosi. Ecco chi era Placido Rizzotto, ucciso dalla mafia 70 anni fa. Lui incitava i "jurnateri" (lavoratori pagati a giornata) a non accettare le proposte “di lavoro” (sfruttamento!) che erano fatte dai picciotti dei latifondisti in pubblica piazza come per le bestie, ma parlava di collocamento e li incitava organizzarsi in cooperative. L’unione tra i lavoratori onesti poteva essere l’unica arma per sconfiggere l’ormai assodata cultura del subire e per affermare i propri diritti. Rizzotto portava avanti questa lotta contro questi poteri e per questo motivo fu eliminato il 10 marzo del 1948. A Corleone il capomafia era il Dott. Michele Navarra, che gestiva l’ospedale dei Bianchi e aveva un grosso potere, ma a suo servizio aveva tra gli altri Luciano Liggio, che prenderà in seguito il suo posto facendo uccidere il vecchio boss e i suoi affiliati con una vera e propria guerra di mafia. La sera del 10 marzo 1948 Luciano Liggio, Pasquale Criscione e Vincenzo Collura lo rapirono e facendolo entrare con forza in una Fiat 1100 lo portarono in contrada Malvello, dove venne torturato e assassinato. Il suo cadavere fu occultato nella foiba di Rocca Busambra. Il padre ebbe la forza di denunciare i fatti all’allora capitano Dalla Chiesa. Il capitano fece un rapporto indicando proprio gli esecutori materiali, grazie alla testimonianza di Criscione e Collura. Stessa denuncia fu fatta allora dai giornali l’Unità e la Voce della Sicilia che scrissero anche sulla strana morte del piccolo Giuseppe Letizia, che aveva assistito all’omicidio Rizzotto ed era stato ricoverato nell’ospedale diretto dal Dott. Navarra. Ma al processo i due testimoni ritrattarono e quindi il processo in tutti e tre i gradi si risolse con la formula assolti per insufficienza di prove. Di fatto, dunque, per Rizzotto ed i suoi familiari, non c’è mai stata giustizia.
Il riscatto passa da eventi come quelli di ieri quando a Corleone si è tenuta la commemorazione del sindacalista, prima al cimitero, dove si trova la tomba di Rizzotto, con le testimonianze dei familiari. Poi a piazza Garibaldi, dove davanti al busto del sindacalista sono intervenuti il segretario della Cgil di Corleone Cosimo Lo Sciuto, i commissari straordinari del Comune e gli studenti e i bambini delle scuole, che hanno letto le loro poesie. "Rizzotto è patrimonio d'Italia, la nostra terra ha pagato un contributo di sangue altissimo, l'impegno dei sindacalisti come Rizzotto è un esempio per tutti", ha sottolineato Lo Sciuto. "Rizzotto lottava per una societa' migliore e oggi siamo qui per dare continuità a quel percorso e rappresentare  l'immagine di Corleone capitale italiana, e non solo siciliana, dell'antimafia e dell'antifascismo. Oggi - ha detto il segretario generale Cgil Palermo Enzo Campo - siamo orgogliosi di rappresentare nella piazza centrale del paese, davanti al busto di Rizzotto, assieme a tanti ragazzi, all'unità del movimento antimafia, la ricomposizione tra il mondo sindacale, la magistratura, le forze della società civile e la Chiesa, presente per la prima volta, impegnate nello stesso sforzo di affermazione della legalità”. Presenti diversi parenti di vittime della mafia, da Franco La Torre, figlio di Pio La Torre, che diresse la Camera del Lavoro di Corleone dopo Rizzotto, ad Antonella Azoti, Giuseppe Rizzo, Vincenzo lo Jacono, Placido Rizzotto, il nipote, anche lui sindacalista. "Siamo qui dopo 70 anni a ricordare a Corleone Rizzotto. E' anche merito suo, della sua  famiglia e della Camera del Lavoro se questa cittadina ha tenuto la testa alta per contrastare il cancro mafioso", ha detto uno dei commissari. Franco La Torre ha letto alcuni passi della relazione della commissione antimafia di Pio La Torre, ricordando i passaggi del movimento contadino siciliano, e ha aggiunto: "Abbiamo oggi la responsabilità di continuare l'impegno di Rizzotto". "Rizzotto è per noi l'emblema di Corleone, la sua lezione ha contribuito a cambiare l'immagine di questo paese offuscata dalla mafia", ha detto uno studente, Salvatore, terza media. E padre Angelo Inzerillo, in rappresentanza dell'Arcidiocesi di Monreale, ha detto: "Abbiamo bisogno di ricordare per vivere nella legalità, diciamo grazie a Rizzotto per esserci stato. Adesso e' venuto il nostro momento di portare avanti ad alta voce un percorso di trasparenza legalità e giustizia".

Le recensioni di AntimafiaDuemila

CORRUZIONE E ANTICORRUZIONE

CORRUZIONE E ANTICORRUZIONE

by Raffaele Cantone, Enrico Carloni

Ogni volta che un politico o un funzionario...

I NUOVI POTERI FORTI

I NUOVI POTERI FORTI

by Franklin Foer

Google, Amazon, Facebook, Apple, ormai note con l’acronimo...


PRIMA CHE GRIDINO LE PIETRE

PRIMA CHE GRIDINO LE PIETRE

by Valentina Furlanetto, Alex Zanotelli

Questo libro racconta il razzismo di ieri e...

GESU' E' PIU' FORTE DELLA CAMORRA

GESU' E' PIU' FORTE DELLA CAMORRA

by Aniello Manganiello, Andrea Manzi

"Gesù è più forte della camorra" è il...


L'ISOLA ASSASSINA

L'ISOLA ASSASSINA

by Carlo Bonini

Un'inchiesta sulle tracce di Daphne Caruana Galizia, la...

LA REPUBBLICA PUNCIUTA

LA REPUBBLICA PUNCIUTA

by Stefano Baudino

Da chi è stata composta e quali trasformazioni...


L'INDUSTRIA DELLA CARITA'

L'INDUSTRIA DELLA CARITA'

by Valentina Furlanetto

Valentina Furlanetto racconta le ombre della solidarietà trasformata...

GIUSTIZIA DIVINA

GIUSTIZIA DIVINA

by Emanuela Provera, Federico Tulli

"In parrocchia arrivò un sacerdote che, a mio...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa