Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Mafie News Cosa Nostra Mafia: i contatti tra il dirigente regionale e il boss di Gela

Mafie News

Mafia: i contatti tra il dirigente regionale e il boss di Gela

guarnaccia filippo sergio cesare 500di AMDuemila
E' stato arrestato insieme ad altri 36 soggetti nel blitz contro il clan Rinzivillo, e ora il giudice delle indagini preliminari di Caltanissetta David Salvucci ne sottolinea "l'intraneità" nella cosca di Gela. Si tratta di Filippo Sergio Cesare Guarnaccia (in foto), dirigente dell’assessorato regionale all’Agricoltura oggi accusato di associazione mafiosa. Secondo il giudice, scrive Repubblica, la sua vicinanza "al sodalizio criminale deve senz’altro affermarsi, non solo in considerazione della riscontrata creazione di un’attività di impresa all’evidenza preordinata a riciclare capitali e proventi illeciti, ma anche in considerazione di ulteriori condotte che implicano una chiara condivisione delle logiche dell’associazione mafiosa".
Condotte ricostruite nel corso delle attività investigative che, la settimana scorsa, hanno fatto scattare l'operazione antimafia tra Italia e Germania. Secondo le indagini - coordinate dal procuratore Amedeo Bertone, dall’aggiunto Lia Sava e dal sostituto Elena Caruso - Guarnaccia era a disposizione di Rinzivillo, al quale il dirigente regionale si rivolgeva anche per problemi come il mancato pagamento nella macelleria di un compare. Questione che il boss prometteva di risolvere: "Ci amma a parlari nuatri e basta".
In un'altra occasione, gli investigatori della Squadra Mobile di Caltanissetta avevano captato Rinzivillo mentre chiamava al telefono Guarnaccia e chiedeva al figlio: "Fallu susiri, che staiu vinennu sutta a to casa" per un appuntamento con un soggetto considerato molto vicino alle famiglie mafiose di Palermo. Ora nell'inchiesta è finita anche la società "Fratelli Guarnaccia immobiliare", sita nel senese, a Rapolano Terme. Impresa che, scrivono gli inquirenti, "è stata costituita il giorno successivo a un incontro avvenuto presso l’abitazione gelese di Rinzivillo fra quest’ultimo, Filippo Guarnaccia, il figlio e Antonio Passaro", affiliato a Cosa nostra gelese.

Le recensioni di AntimafiaDuemila

MORTE DEI PASCHI

MORTE DEI PASCHI

by Franco Fracassi, Elio Lannutti

La vicenda che ruota intorno al Monte dei...

FIUMI D'ORO

FIUMI D'ORO

by Nicola Gratteri, Antonio Nicaso

10 luglio 1973: viene rapito a Roma John...


IL CASO DAVID ROSSI

IL CASO DAVID ROSSI

by Davide Vecchi

Le ultime ore di vita di David RossiLa...

UNO SBIRRO NON LO SALVA NESSUNO

UNO SBIRRO NON LO SALVA NESSUNO

by Giacomo Cacciatore

Questo libro racconta la vera storia della scomparsa...


CARLO ALBERTO DALLA CHIESA. UN PAPÀ CON GLI ALAMARI

CARLO ALBERTO DALLA CHIESA. UN PAPÀ CON GLI ALAMARI

by Simona dalla Chiesa

"Un papà con gli alamari" non è una...

DALLA CHIESA

DALLA CHIESA

by Andrea Galli

Giovanissimo incursore durante la Seconda guerra mondiale, dopo...


UNA STRAGE SEMPLICE

UNA STRAGE SEMPLICE

by Nando dalla Chiesa

Capaci. E la sua continuazione, via D'Amelio. Una...

LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...


Libri in primo piano

collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI

Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia



quarantanni-di-mafia-agg
Saverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinita
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa


il ritorno del principe homeSaverio Lodato
Roberto Scarpinato


IL RITORNO DEL PRINCIPE
La criminalità dei potenti
in Italia



ho ucciso giovanni falcone homeSaverio Lodato

HO UCCISO
GIOVANNI FALCONE

La confessione
di Giovanni Brusca