Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Mafie News Cosa Nostra Strage via d'Amelio, Di Matteo domani in Commissione antimafia

Mafie News

Strage via d'Amelio, Di Matteo domani in Commissione antimafia

di matteo nino c agnese monasteridi AMDuemila
È stata fissata per domani l'udienza nella quale il pm Nino Di Matteo sarà ascoltato dalla Commissione parlamentare Antimafia in merito alle indagini sulla strage di via d'Amelio, in cui furono uccisi, il 19 luglio 1992, il giudice Paolo Borsellino e gli agenti di scorta Agostino Catalano, Emanuela Loi, Vincenzo Li Muli, Walter Eddie Cosina e Claudio Traina.
È stato lo stesso Di Matteo, lo scorso 27 luglio, a chiedere di essere convocato "dopo le notizie di stampa sulle audizioni in commissione sui processi celebrati per la strage di via d'Amelio". Il magistrato aveva infatti inviato una lettera alla presidente della Commssione parlamentare antimafia, Rosy Bindi, chiedendo di essere sentito "per rendere dichiarazioni che ritengo possano finalmente contribuire a ristabilire la verità dei fatti" e che metterebbero “fine a strumentalizzazioni dannose per l'efficacia degli accertamenti e per il possibile sviluppo di ulteriori indagini sulla strage". Nella lettera emergeva il riferimento alle dichiarazioni rese da Fiammetta Borsellino, figlia minore del giudice, in prossimità del 25mo anniversario della strage di via d’Amelio, sia alla stampa che ai commissari che l'avevano convocata. La Borsellino aveva infatti denunciato il depistaggio che aveva portato alla condanna di innocenti, ingiustamente coinvolti nelle indagini sull'attentato, facendo il nome di Di Matteo (all’epoca giovane magistrato) e dell'allora pm Anna Maria Palma, titolari del Borsellino ter, il terzo processo sulla morte del padre. La figlia del giudice aveva denunciato omissioni e lacune negli accertamenti e ha esplicitamente detto che un caso di quel rilievo meritava magistrati più esperti.

Foto © Agnese Monasteri

ARTICOLI CORRELATI

Via d'Amelio oltre i depistaggi, cercate i mandanti esterni

Di Matteo: ''Rispettare dolore familiari e chi in questi anni ha cercato la verità''

La vera storia del giudice Di Matteo

Le recensioni di AntimafiaDuemila

CARLO ALBERTO DALLA CHIESA. UN PAPÀ CON GLI ALAMARI

CARLO ALBERTO DALLA CHIESA. UN PAPÀ CON GLI ALAMARI

by Simona dalla Chiesa

"Un papà con gli alamari" non è una...

DALLA CHIESA

DALLA CHIESA

by Andrea Galli

Giovanissimo incursore durante la Seconda guerra mondiale, dopo...


UNA STRAGE SEMPLICE

UNA STRAGE SEMPLICE

by Nando dalla Chiesa

Capaci. E la sua continuazione, via D'Amelio. Una...

LA MAFIA DIMENTICATA

LA MAFIA DIMENTICATA

by Umberto Santino

I caporioni della mafia stanno sotto la salvaguardia...


IL PATTO INFAME

IL PATTO INFAME

by Luigi Grimaldi

Napoli, la mattina del 27 aprile 1982 un...

CANI SENZA PADRONE

CANI SENZA PADRONE

by Carmelo Sardo

C'è stato un tempo in cui, nella Sicilia...


1992. SULLE STRADE DI FALCONE E BORSELLINO

1992. SULLE STRADE DI FALCONE E BORSELLINO

by Alex Corlazzoli

A pochi giorni dall’anniversario dell’attentato in via D’Amelio,...

LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...


Libri in primo piano

collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI

Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano a trattare con la mafia


quarantanni-di-mafia-agg

Saverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinita
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa


apalermo-homeLuciano Mirone

A PALERMO PER MORIRE
I cento giorni che condannarono
il generale Dalla Chiesa




la-mafia-non-lascia-tempo-homeGaspare Mutolo con Anna Vinci

LA MAFIA NON LASCIA TEMPO
Vivere, uccidere, morire, dentro a Cosa Nostra. Il braccio destro di Totò Riina si racconta