Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Mafie News Cosa Nostra Grasso: Falcone e Borsellino, manca ancora verità

Mafie News

Grasso: Falcone e Borsellino, manca ancora verità

grasso pietro web6'La mafia non uccise più i politici, preferiva fare accordi con loro'
di AMDuemila
"Mi chiedo spesso se fu solo mafia, ci sono molti punti oscuri su cui riflettere". Ad affermarlo a La Repubblica è il presidente del Senato Pietro Grasso, parlando degli omicidi di Giovanni Falcone e Paolo Borsellino. "Abbiamo tanti punti - ha spiegato - che sono stati accertati e che danno l'idea di una qualche presenza esterna oltre alla mafia, che per certo si è occupata delle stragi sul piano operativo. Ma prendiamo alcuni elementi. Nel febbraio '92 c'era un commando a Roma che aveva l'incarico di uccidere Giovanni, però fu richiamato da Riina in Sicilia. E poi organizzarono l'esplosione sull'autostrada. Se pensiamo - ha continuato - a certe presenze nella fase preparatoria dell'omicidio Falcone e ad alcune presenze esterne a Cosa nostra, emerse nelle indagini sull'omicidio Borsellino, ci sono elementi sui quali riflettere”.
"Penso - ha quindi aggiunto Grasso - che si sia fatto tutto quello che si doveva sul piano dell'accertamento giudiziario. Ma non è detto che non ci possano essere altri pezzi di verità da fare emergere". Intervistato anche dal Messaggero, Grasso ha detto: "La mafia non uccise più i politici, preferiva fare accordi con loro". "Falcone e Borsellino - ha affermato - erano nemici di Cosa Nostra e avevano fatto condannare per la prima volta all'ergastolo mafiosi in precedenza sempre assolti per insufficienza di prove. Per spiegare la loro morte però, il contrasto alla Mafia non basta. C' è dell'altro. Ricordo l'importanza che Falcone attribuiva alla posizione di Ignazio Salvo nel Maxiprocesso". "La sua condanna fu importante perché provava il legame tra imprenditoria, politica e mafia che era alla base del sistema allora dominante in tutta la Sicilia. E' facile dedurre che il sistema per autodifesa avesse innescato un'azione preventiva per mettere Falcone e Borsellino in condizione di non nuocere. Non a caso, in una strategia che definirei conservativa, la loro eliminazione fu seguita dalla stagione delle stragi in continente tanto che Giuseppe Graviano, dopo via d'Amelio, dice a Spatuzza: Ne faremo tante altre adesso”.

Fonte ANSA

Le recensioni di AntimafiaDuemila

CARLO ALBERTO DALLA CHIESA. UN PAPÀ CON GLI ALAMARI

CARLO ALBERTO DALLA CHIESA. UN PAPÀ CON GLI ALAMARI

by Simona dalla Chiesa

"Un papà con gli alamari" non è una...

DALLA CHIESA

DALLA CHIESA

by Andrea Galli

Giovanissimo incursore durante la Seconda guerra mondiale, dopo...


UNA STRAGE SEMPLICE

UNA STRAGE SEMPLICE

by Nando dalla Chiesa

Capaci. E la sua continuazione, via D'Amelio. Una...

LA MAFIA DIMENTICATA

LA MAFIA DIMENTICATA

by Umberto Santino

I caporioni della mafia stanno sotto la salvaguardia...


IL PATTO INFAME

IL PATTO INFAME

by Luigi Grimaldi

Napoli, la mattina del 27 aprile 1982 un...

CANI SENZA PADRONE

CANI SENZA PADRONE

by Carmelo Sardo

C'è stato un tempo in cui, nella Sicilia...


1992. SULLE STRADE DI FALCONE E BORSELLINO

1992. SULLE STRADE DI FALCONE E BORSELLINO

by Alex Corlazzoli

A pochi giorni dall’anniversario dell’attentato in via D’Amelio,...

LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...


Libri in primo piano

collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI

Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano a trattare con la mafia


quarantanni-di-mafia-agg

Saverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinita
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa


apalermo-homeLuciano Mirone

A PALERMO PER MORIRE
I cento giorni che condannarono
il generale Dalla Chiesa




la-mafia-non-lascia-tempo-homeGaspare Mutolo con Anna Vinci

LA MAFIA NON LASCIA TEMPO
Vivere, uccidere, morire, dentro a Cosa Nostra. Il braccio destro di Totò Riina si racconta