Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Mafie News Cosa Nostra Mafia: confiscato patrimonio a cugino Messina Denaro

Mafie News

Mafia: confiscato patrimonio a cugino Messina Denaro

messina denaro matteo web6Arrestato nell’operazione Golem II
di AMDuemila
La Dia di Trapani ha confiscato beni mobili e immobili riconducibili a Giovanni Filardo, imprenditore edile di Castelvetrano e attualmente detenuto in carcere. Filardo è cugino di primo grado del latitante Matteo Messina Denaro. Con lo stesso provvedimento, emesso dal Tribunale di Trapani, è stata disposta nei suoi confronti la sorveglianza speciale di pubblica sicurezza, con obbligo di dimora per quattro anni.
La confisca scaturisce da indagini economico-patrimoniali delegate alla Dia dalla Procura della Repubblica di Palermo, e ha riguardato un’impresa edile a responsabilità limitata, 23 tra mezzi d'opera, automezzi e autoveicoli, un fabbricato rurale, 7 appezzamenti di terreno, una villa con finiture di pregio, un fabbricato ad uso abitativo e 4 conti correnti bancari.
Filardo è stato arrestato nell'operazione Golem II, scattata nel 2010, accusato di concorso in associazione mafiosa e di fare parte del mandamento mafioso di Castelvetrano, di estorsioni, incendi, interposizione fittizia di valori, di avere agevolato la latitanza di Messina Denaro. In seguito è stato condannato in via definitiva a 12 anni e sei mesi di reclusione, con sentenza della Corte d'Appello di Palermo, che ha riformato la sentenza di assoluzione pronunciata dal Tribunale di Marsala in primo grado.
Nel dicembre 2013 Filardo è stato raggiunto da un'ordinanza di custodia cautelare in carcere per il reato di trasferimento fraudolento di beni, aggravato dall'aver agevolato Cosa nostra. L'indagine riguardante i suoi beni ha fatto emergere la “manifesta sproporzione tra il valore dei beni e la capacità reddituale dell'imprenditore, tale da non consentire la possibilità di acquisire le risorse finanziarie, idonee ad avviare autonomamente nuove attività commerciali. Tali disponibilità, pertanto sono da considerarsi frutto delle attività illecite o il reimpiego dei relativi proventi”.

Le recensioni di AntimafiaDuemila

IL SANGUE NON SI LAVA

IL SANGUE NON SI LAVA

by Fabrizio Capecelatro

Dal traffico illecito di rifiuti all’omicidio di Don...

STORIA DI UNA PASSIONE POLITICA

STORIA DI UNA PASSIONE POLITICA

by Tina Anselmi, Anna Vinci

Tina Anselmi ripercorre i momenti più significativi del...


IL BANDITO DELLA GUERRA FREDDA

IL BANDITO DELLA GUERRA FREDDA

by Pietro Orsatti

In questo Paese, dove l’atto di nascita della Repubblica fu...

LA LISTA

LA LISTA

by Lirio Abbate

Luglio 1999: Massimo Carminati svuota il caveau della...


SALVATO DA UN MALEDETTO DESTINO

SALVATO DA UN MALEDETTO DESTINO

by Roberto Anteghini, Jonathan Arpetti

Le pagine di questo libro raccontano un’avventura umana...

CAMORRA NOSTRA

CAMORRA NOSTRA

by Giorgio Mottola

«Non chiamatela Camorra. È Cosa Nostra».Questa sorprendente dichiarazione...


ITALICUS

ITALICUS

by Paolo Bolognesi , Roberto Scardova

Troppe cose ancora rimaste in sospeso: enigmi, fatti...

MAFIA. Vita di un uomo di mondo

MAFIA. Vita di un uomo di mondo

by Alfredo Galasso, Angelo Siino

Angelo Siino, «pentito» eccellente e collaboratore di giustizia,...


Libri in primo piano

collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI

Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano a trattare con la mafia


quarantanni-di-mafia-agg

Saverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinita
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa


apalermo-homeLuciano Mirone

A PALERMO PER MORIRE
I cento giorni che condannarono
il generale Dalla Chiesa




la-mafia-non-lascia-tempo-homeGaspare Mutolo con Anna Vinci

LA MAFIA NON LASCIA TEMPO
Vivere, uccidere, morire, dentro a Cosa Nostra. Il braccio destro di Totò Riina si racconta