Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Mafie News Cosa Nostra Mafia: trovato un pizzino nella cella dell'imprenditore Artale

Mafie News

Mafia: trovato un pizzino nella cella dell'imprenditore Artale

carcere int cancdi AMDuemila
Un fazzoletto di carta usato all’interno del quale ci sarebbero state delle indicazioni per l’imprenditore di Alcamo Vincenzo Artale. E’ questo il “pizzino” trovato in carcere, nella cella dell’imprenditore ritenuto vicino al boss di Castellammare del Golfo Mariano Saracino (considerato il mittente del pizzino). Il fatto risale a quasi un’anno fa, poco dopo il blitz antimafia “Cemento del Golfo”, ma è emerso solo ora durante il processo in corso a Trapani contro gli indagati arrestati nell’ambito dell’operazione dei carabinieri. Il presidente del Tribunale di Trapani, nel rigettare la richiesta degli avvocati del boss Saracino di revocare il divieto d’incontro tra il loro assistito e altri due imputati, ha fatto riferimento al parere negativo della Procura distrettuale antimafia di Palermo. La quale ha messo nero su bianco il caso del “pizzino” scoperto dalla Polizia Penitenziaria nella cella di Artale. Le indagini sul caso sono ancora in corso anche per scoprire chi può aver fatto da “postino” all’interno del carcere.
Una vicenda che sembra dimostrare il legame tra il boss e l’imprenditore Artale, famoso per essere stato socio dell’associazione antiracket di Alcamo mentre era vicino agli ambienti mafiosi locali. Secondo le indagini l’impresa di Artale sarebbe stata favorita grazie ai suoi contatti con Cosa nostra. Quando l'imprenditore fu arrestato fece molto scalpore perché anni addietro aveva denunciato alcuni mafiosi per estrosione mentre ora è accusato di essersi messo in affari con il boss di Castellammare del Golfo.
Proprio ieri sarebbe dovuta esserci l’udienza del processo ma è saltata per sciopero degli avvocati ed è stata rinviata al 4 maggio.

Le recensioni di AntimafiaDuemila

UNA STRAGE SEMPLICE

UNA STRAGE SEMPLICE

by Nando dalla Chiesa

Capaci. E la sua continuazione, via D'Amelio. Una...

LA MAFIA DIMENTICATA

LA MAFIA DIMENTICATA

by Umberto Santino

I caporioni della mafia stanno sotto la salvaguardia...


IL PATTO INFAME

IL PATTO INFAME

by Luigi Grimaldi

Napoli, la mattina del 27 aprile 1982 un...

CANI SENZA PADRONE

CANI SENZA PADRONE

by Carmelo Sardo

C'è stato un tempo in cui, nella Sicilia...


1992. SULLE STRADE DI FALCONE E BORSELLINO

1992. SULLE STRADE DI FALCONE E BORSELLINO

by Alex Corlazzoli

A pochi giorni dall’anniversario dell’attentato in via D’Amelio,...

LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...


FUOCO CRIMINALE

FUOCO CRIMINALE

by Rossella Canadè

Una notte di novembre, a qualche chilometro da...

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

Il pentito della trattativa e il potente PrincipeI...


Libri in primo piano

collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI

Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano a trattare con la mafia


quarantanni-di-mafia-agg

Saverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinita
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa


apalermo-homeLuciano Mirone

A PALERMO PER MORIRE
I cento giorni che condannarono
il generale Dalla Chiesa




la-mafia-non-lascia-tempo-homeGaspare Mutolo con Anna Vinci

LA MAFIA NON LASCIA TEMPO
Vivere, uccidere, morire, dentro a Cosa Nostra. Il braccio destro di Totò Riina si racconta