Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Mafie News Cosa Nostra Omicidio Fragalà: ''pizzini'' in carcere, si cerca il ''postino''

Mafie News

Omicidio Fragalà: ''pizzini'' in carcere, si cerca il ''postino''

fragala enzo sorriso c ansadi AMDuemila
“C’era un lavorante che lavorava al terzo piano sinistro, che questo ragazzo fa parte di Cardillo, che si mandavano bigliettini…”. Sono le dichiarazioni del pentito Francesco Chiarello (si legge sul Giornale di Sicilia) ed il riferimento è ad un uomo, probabilmente un carcerato, che avrebbe consentito lo scambio di “pizzini” in carcere tra Francesco Arcuri e Salvatore Ingrassia, arrestati pochi giorni fa per l’omicidio dell’avvocato Enzo Fragalà (in foto), assassinato da Cosa nostra il 23 febbraio 2010.
Secondo il collaboratore di giustizia lo scambio di bigliettini sarebbe avvenuto al carcere di Pagliarelli. Ora i carabinieri stanno cercando di risalire all’identità del “postino”, che a dire del pentito avrebbe fatto sapere a Ingrassia “di tenirinni chiusi, non parlare nelle celle, perché siamo rovinati, di non fare il suo nome”. Dalle parole di Chiarello è inoltre emerso come le spese legali di Arcuri sarebbero state coperte dal boss Giuseppe Di Giacomo, capomandamento di Porta Nuova assassinato a marzo 2014. Il capomafia avrebbe infatti versato 13 mila euro al suo avvocato difensore, mentre Ingrassia e Antonino Siragusa (ugualmente arrestato per la morte di Fragalà) avrebbero dovuto pensare da soli alle spese legali, cosa che avrebbe provocato degli attriti al punto che sarebbe emerso il sospetto che uno dei due potesse collaborare con la giustizia.
Chiarello ha raccontato di essere stato il depositario di alcune confidenze da parte di Marcello Di Giacomo, fratello di Giuseppe, sempre al Pagliarelli. “Che cosa dice Marcello? Che ‘nfino a che era vivo Giuseppe, il giorno prima, gli ha portato l’ultimi soldi, totali erano 13 mila euro, all’avvocato che difendeva Arcuri”. In seguito, quando Ingrassia viene a sapere del versamento di denaro, ha detto ancora il pentito, “Totò (Ingrassia, ndr) dice: ‘Viri che su crastazzi! Chiddu per dire ca un partecipò – dato che Arcuri avrebbe pianificato il pestaggio di Fragalà, senza tuttavia prenderne parte, ndra dargli colpi di legno ci pagano l’avvocato e nuatri ca arrischiamo un nni nni vuonnu paare nuddu avvocato?’”. “Me frati ci u pagò. Ingrassia muto”, avrebbe replicato Di Giacomo, da parte sua. In seguito, ha proseguito ancora Chiarello, Ingrassia avrebbe riferito dell’accaduto a Siragusa, che avrebbe detto: “Speramo ca i cuose vanno buone, ma se i cose vanno male poi riremu tutti”, cosa che avrebbe portato Ingrassia a commentare con Chiarello: “Chistu mi rovina a mia, chistu si pente”.
C’è poi un’intercettazione, risalente al 2013, dove nel carcere di Parma i due Di Giacomo parlano del legale di Arcuri. L’avvocato avrebbe detto all’assistito, raccontava Giuseppe Di Giacomo, che “‘se tu mi dici la verità io ti aiuto meglio’, lui l’ha preso e l’ha tirato fuori” dicendo “‘esci da qua e gli dici a chi ti ha detto di venirmi a dire queste cose che non ho niente di parlare’”. Per questo i due boss commentavano che Arcuri “si deve prendere uno bravo” perché, affermava Giuseppe Di Giacomo, “sai quanti ce ne sono di avvocati, minchia sono proprio quattro carabinieri”, sottolineando qual era la considerazione che Cosa nostra nutriva per gli avvocati.

Le recensioni di AntimafiaDuemila

LA LISTA

LA LISTA

by Lirio Abbate

Luglio 1999: Massimo Carminati svuota il caveau della...

SALVATO DA UN MALEDETTO DESTINO

SALVATO DA UN MALEDETTO DESTINO

by Roberto Anteghini, Jonathan Arpetti

Le pagine di questo libro raccontano un’avventura umana...


CAMORRA NOSTRA

CAMORRA NOSTRA

by Giorgio Mottola

«Non chiamatela Camorra. È Cosa Nostra».Questa sorprendente dichiarazione...

ITALICUS

ITALICUS

by Paolo Bolognesi , Roberto Scardova

Troppe cose ancora rimaste in sospeso: enigmi, fatti...


MAFIA. Vita di un uomo di mondo

MAFIA. Vita di un uomo di mondo

by Alfredo Galasso, Angelo Siino

Angelo Siino, «pentito» eccellente e collaboratore di giustizia,...

IL FILO DEI GIORNI

IL FILO DEI GIORNI

by Maurizio Torrealta

«Vedi, sono stati tutti arruolati dentro quella che...


SHAKK

SHAKK

by Antonio Gerardo D'Errico

Shakk è la storia dei nostri tempi. Il...

FARE DEL MALE NON MI PIACE

FARE DEL MALE NON MI PIACE

by Giusy La Piana

Killer, guardaspalle, "ragioniere", fantasma, mediatore, guru dei picciotti,...


Libri in primo piano

collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI

Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano a trattare con la mafia


quarantanni-di-mafia-agg

Saverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinita
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa


apalermo-homeLuciano Mirone

A PALERMO PER MORIRE
I cento giorni che condannarono
il generale Dalla Chiesa




la-mafia-non-lascia-tempo-homeGaspare Mutolo con Anna Vinci

LA MAFIA NON LASCIA TEMPO
Vivere, uccidere, morire, dentro a Cosa Nostra. Il braccio destro di Totò Riina si racconta