Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Mafie News Cosa Nostra Nebrodi: 9 fermi, minacce a contadini e allevatori

Mafie News

Nebrodi: 9 fermi, minacce a contadini e allevatori

antoci giuseppedi AMDuemila
Nove i fermati per le minacce della mafia dei Nebrodi: al centro delle indagini la violazione del "protocollo Antoci”. Ad essere vessati erano contadini, allevatori e privati cittadini che venivano costretti a cedere le loro proprietà. Così Cosa nostra, in particolare la famiglia catanese dei Santapaola-Ercolano, era riuscita nell’escamotage di accedere ai contributi per l’agricoltura emessi dall’Unione Europea senza dover presentare la certificazione antimafia, che il presidente del parco dei Nebrodi Giuseppe Antoci (in foto) ha reso obbligatoria per l'accesso ai finanziamenti. Decisione che ha tolto molti terreni, e risorse finanziarie, alle cosche locali.
La denuncia è arrivata però da uno degli allevatori di Cesarò, che ha dato l’input per avviare le indagini, seguite dai carabinieri della compagnia di Santo Stefano di Camastra e dal Ros di Catania. Così sono scattati i provvedimenti di fermo. Oggi sarà presentata al Gip di Catania la richiesta di convalida dei nove fermi: l'udienza si dovrebbe tenere venerdì prossimo.
I fermati sono accusati di associazione mafiosa ed estorsione. Tra loro anche i reggenti delle due famiglie criminali, Giovanni Pruiti, fratello di Salvatore (condannato all’ergastolo), e Salvo Catania, boss di Bronte.
"E' un duro colpo assestato ad importanti famiglie mafiose. Apprendo inoltre che tutto questo è collegato agli effetti scaturiti dal Protocollo di Legalità". ha dichiarato Antoci. "Sono contento - ha proseguito - che il percorso di legalità e sviluppo che stiamo portando avanti continua e che stiamo liberando la Sicilia da un malaffare che durava da anni e che toglieva dignità agli agricoltori ed allevatori onesti". "Il 23 febbraio - ha quindi concluso - sarò a Roma alla Camera dei Deputati per presentare la Legge che di fatto allarga il Protocollo di Legalità a tutta Italia facendolo definitivamente diventare legge dello Stato". Proprio lo scorso anno Antoci fu vittima, illesa, di un agguato con colpi di fucile sparati contro la sua auto blindata lungo la strada dei boschi dei Nebrodi che unisce San Fratello e Cesarò. Su quest'ultimo episodio pende un'inchiesta la Dda della Procura di Messina.
"La mafia dei terreni ricca, potente e collusiva subisce un altro duro colpo che raggiunge i vertici di Cosa nostra presenti a Bronte, con l'arresto del boss Catania, e Cesarò, con l'arresto di Giovanni Pruiti che, all'indomani dell'attentato a Giuseppe Antoci, avevo denunciato apertamente proprio in quel Comune e con diverse interrogazioni parlamentari” ha commentato il senatore del Pd Giuseppe Lumia, componente della Commissione parlamentare antimafia. "Il Protocollo dei Nebrodi - ha aggiunto - è il primo atto che prevede la rescissione dei contratti di affitto dei terreni sui quali le cosche hanno costruito un giro d'affari superiore a quello della cocaina. Per anni i boss del territorio hanno agito indisturbati, senza che nessun riflettore e nessun intervento dello Stato li avesse mai sfiorati". "L'operazione 'Nebros' eseguita di recente dalla Guardia di finanza - ha continuato Lumia - ha dimostrato che il protocollo ha prodotto degli effetti non solo sul piano amministrativo ma anche penale. In quell'occasione è stata colpita Cosa nostra tortoriciana”. Tuttavia, ha proseguito, “nessuno si illuda che la storia finisca qui, ancora c'è molto da fare. I nomi e i cognomi dei boss li abbiamo denunciati nelle piazze dei comuni dei Nebrodi e sono contenuti negli atti parlamentari. Adesso è necessario portare avanti il cammino avviato, investendo sempre di più sulla repressione e sullo sviluppo, perché solo così si può vincere questa sfida e lo Stato dimostrare di essere più forte di Cosa nostra”. L’indagine sfociata nei provvedimenti odierni, coordinata dalla Procura distrettuale di Catania, ha avuto un'accelerazione con i fermi per il rischio di gravi intimidazioni o violenze nei confronti delle vittime.

Le recensioni di AntimafiaDuemila

LA LISTA

LA LISTA

by Lirio Abbate

Luglio 1999: Massimo Carminati svuota il caveau della...

SALVATO DA UN MALEDETTO DESTINO

SALVATO DA UN MALEDETTO DESTINO

by Roberto Anteghini, Jonathan Arpetti

Le pagine di questo libro raccontano un’avventura umana...


CAMORRA NOSTRA

CAMORRA NOSTRA

by Giorgio Mottola

«Non chiamatela Camorra. È Cosa Nostra».Questa sorprendente dichiarazione...

ITALICUS

ITALICUS

by Paolo Bolognesi , Roberto Scardova

Troppe cose ancora rimaste in sospeso: enigmi, fatti...


MAFIA. Vita di un uomo di mondo

MAFIA. Vita di un uomo di mondo

by Alfredo Galasso, Angelo Siino

Angelo Siino, «pentito» eccellente e collaboratore di giustizia,...

IL FILO DEI GIORNI

IL FILO DEI GIORNI

by Maurizio Torrealta

«Vedi, sono stati tutti arruolati dentro quella che...


SHAKK

SHAKK

by Antonio Gerardo D'Errico

Shakk è la storia dei nostri tempi. Il...

FARE DEL MALE NON MI PIACE

FARE DEL MALE NON MI PIACE

by Giusy La Piana

Killer, guardaspalle, "ragioniere", fantasma, mediatore, guru dei picciotti,...


Libri in primo piano

collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI

Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano a trattare con la mafia


quarantanni-di-mafia-agg

Saverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinita
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa


apalermo-homeLuciano Mirone

A PALERMO PER MORIRE
I cento giorni che condannarono
il generale Dalla Chiesa




la-mafia-non-lascia-tempo-homeGaspare Mutolo con Anna Vinci

LA MAFIA NON LASCIA TEMPO
Vivere, uccidere, morire, dentro a Cosa Nostra. Il braccio destro di Totò Riina si racconta