Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Mafie News Cosa Nostra Appartamenti, magazzini, soldi: a Palermo sequestrati beni per un milione di euro

Mafie News

Appartamenti, magazzini, soldi: a Palermo sequestrati beni per un milione di euro

gdf web3Nel mirino della Guardia di Finanza i beni degli eredi dell'avvocato Marcatajo, dell'ingegnere Cuccio e Scozzari
di AMDuemila
Un milione di euro. Tanto è il valore dei beni che questa mattina i militari del Nucleo di Polizia Tributaria della Guardia di Finanza di Palermo, in esecuzione di provvedimenti emessi dalla Sezione Misure di Prevenzione del Tribunale di Palermo hanno posto sotto sequestro nelle province di Palermo e Trapani. Si tratta di appartamenti, magazzini, cassette di sicurezza e disponibilità finanziarie appartenenti ad un esponente mafioso e di due professionisti “prestanome” della criminalità organizzata.

Non figure qualunque. Al centro del sequestro vi sono infatti i beni degli eredi dell'avvocato Marcello Marcatajo, deceduto lo scorso aprile. Era accusato di aver riciclato fondi delle famiglie Galatolo e Graziano, boss dell’Acquasanta e di Resuttana. Ai suoi eredi sono stati sequestrati sette immobili fra Palermo e San Vito Lo Capo, una cassetta di sicurezza e nove rapporti bancari, per un valore complessivo pari a circa 553 mila euro. Marcatajo avrebbe utilizzato per queste somme per acquistare beni immobili poi rivenduti a terzi in buona fede.
Dalle indagini della Dda di Palermo era anche emerso che a lui era stato dato il mandato di vendere 30 box auto al prezzo di 500mila euro e che la metà di quella somma sarebbe stata utilizzata per acquistare il tritolo per uccidere il pm titolare delle indagini sulla trattativa Stato-mafia, Antonino Di Matteo.
Altro soggetto colpito dal sequestro di beni è Francesco Cuccio, sottoposto ad indagini per aver agevolato l’attività di Cosa nostra nello svolgimento della sua attività professionale di ingegnere. Proprio Cuccio è accusato di aver fatto in modo di eseguire lavori edili sapendo, secondo l'accusa, che l’attività di tale impresa venisse svolta reimpiegando soldi riconducibili ai Graziano. A lui sono stati sequestrati un immobile, una cassetta di sicurezza e due rapporti bancari, per un valore complessivo pari a circa 200 mila euro. Infine beni per circa 250mila euro (due immobili e 16 rapporti bancari) sono stati sequestrati a Giampiero Scozzari. Quest'ultimo è accusato di essere stato vicino al boss Gianni Nicchi ed è stato condannato dalla Corte d’Appello di Palermo a dieci anni di reclusione per aver fatto parte della famiglia mafiosa di Palermo-Pagliarelli. E’ accusato di essere stato particolarmente attivo nel settore delle estorsioni.

Le recensioni di AntimafiaDuemila

LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...

FUOCO CRIMINALE

FUOCO CRIMINALE

by Rossella Canadè

Una notte di novembre, a qualche chilometro da...


HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

Il pentito della trattativa e il potente PrincipeI...

IL RITORNO DEL PRINCIPE

IL RITORNO DEL PRINCIPE

by Saverio Lodato, Roberto Scarpinato

Il pentito della trattativa e il potente PrincipeI...


L'AGENDA ROSSA DI PAOLO BORSELLINO

L'AGENDA ROSSA DI PAOLO BORSELLINO

by Giuseppe Lo Bianco , Sandra Rizza

Questo non è soltanto un libro su un’agenda...

L'ILLEGALITA' PROTETTA

L'ILLEGALITA' PROTETTA

by Rocco Chinnici

Uno per uno ci scelse: noi magistrati che...


PAOLO BORSELLINO - L'UOMO GIUSTO

PAOLO BORSELLINO - L'UOMO GIUSTO

by Alessandra Turrisi

A 25 anni dalla morte (19 luglio 1992),...

GIOVANNI FALCONE E PAOLO BORSELLINO

GIOVANNI FALCONE E PAOLO BORSELLINO

by Carlo Sarzana di Sant'Ippolito

Ancora oggi, i misteri fondamentali che gravano sulle...


Libri in primo piano

collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI

Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano a trattare con la mafia


quarantanni-di-mafia-agg

Saverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinita
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa


apalermo-homeLuciano Mirone

A PALERMO PER MORIRE
I cento giorni che condannarono
il generale Dalla Chiesa




la-mafia-non-lascia-tempo-homeGaspare Mutolo con Anna Vinci

LA MAFIA NON LASCIA TEMPO
Vivere, uccidere, morire, dentro a Cosa Nostra. Il braccio destro di Totò Riina si racconta