Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Mafie News Cosa Nostra Mafia: arrestato avvocato palermitano, gestiva affari clan

Mafie News

Mafia: arrestato avvocato palermitano, gestiva affari clan

graziano avv marcatajoAttentato a Di Matteo: soldi per tritolo da vendita garage
di AMDuemila

Secondo gli inquirenti gestiva gli affari dei boss del clan Acquasanta di Palermo. La Guardia di Finanza ha arrestato l’avvocato palermitano, Marcello Marcatajo, 69 anni, insieme al quale sono finite in carcere altre otto persone, accusate a vario titolo di associazione mafiosa.
Il legale, che si sarebbe occupato soprattutto della gestione degli immobili del costruttore mafioso Vincenzo Graziano e del boss Vito Galatolo, è accusato di riciclaggio e reimpiego di capitali illeciti, con l'aggravante di aver agevolato Cosa nostra.

Il ruolo di Marcatajo negli affari del clan sarebbe emerso da alcuni documenti sequestrati all'imprenditore dagli investigatori e poi confermato da Galatolo, passato tra le fila dei collaboratori di giustizia. Il professionista è stato intercettato per mesi: dalle conversazioni registrate emergono i timori di Marcatajo che, dopo il pentimento del capomafia, era preoccupato di essere arrestato. In carcere è finito anche un ingegnere, Francesco Puccio, 67 anni.
L'inchiesta è stata coordinata dal procuratore di Palermo Francesco Lo Voi, dall'aggiunto Vittorio Teresi e dai pm Annamaria Picozzi, Amelia Luise, Roberto Tartaglia e Francesco Del Bene e condotta dal Nucleo Speciale della Polizia Valutaria.

Fonte ANSA


Aggiornamento
Tritolo per Di Matteo: soldi provenienti da vendita garage
I 250 mila euro che il pentito Vito Galatolo, ex boss dell’Acquasanta, avrebbe messo per l'acquisto del tritolo destinato ad un progetto di attentato al pm palermitano Nino Di Matteo, sarebbero provenuti dalla vendita di alcuni box auto di fatto di proprietà del capomafia. Si tratta di uno dei particolari dell’indagine. E' stato lo stesso Galatolo, nei mesi scorsi, a chiarire la provenienza del denaro utilizzato per l'acquisto dell'esplosivo, che però non è stato mai ritrovato. Dall'inchiesta è emerso che Marcatajo, attraverso la società immobiliare Igm Srl, gestiva gli affari immobiliari del clan. Da lui, all'epoca insospettabile professionista, l'ex presidente dell'Ars, Francesco Cascio, acquistò una villetta che ora è finita sotto sequestro.
"I professionisti che favoriscono Cosa Nostra e con le loro azioni consentono alla mafia di delinquere non hanno più alibi e devono essere consapevoli delle loro enormi responsabilità". A dichiararlo è stato il procuratore aggiunto di Palermo, Vittorio Teresi, commentando il blitz della Guardia di Finanza. "Se è vero che la mafia militare è indebolita - ha proseguito Teresi - non si può dire altrettanto del livello economico e politico, che è sempre più forte". "L'indagine di oggi - ha detto il comandante del nucleo speciale di polizia valutaria della Finanza, Giuseppe Bottillo - ha disvelato il ruolo dei professionisti che, da meri prestanome, sono diventati organici a Cosa Nostra, scegliendo di delinquere e adoperarsi per il sodalizio mafioso".
L'operazione di oggi, ha detto il procuratore capo di Palermo Franco Lo Voi in audizione alla Commissione parlamentare antimafia, "è da segnalare anche perché è vero che intervengono le dichiarazioni rese dal collaboratore di giustizia Galatolo ma in realtà non vengono usate come spunto da cui far partire le indagini ma a riscontro di indagini già avviate dal nucleo di polizia valutaria della Guardia di finanza". La Guardia di Finanza, ha spiegato Lo Voi, "ha svolto una attività di altissimo livello che, dopo gli accertamenti, ha visto confermati i risultati dalle affermazioni di Galatolo". "Ciò - ha concluso il magistrato - conferma la capacità elevatissima raggiunta dalle forze di polizia che sono in grado di individuare e accertare i reati. Siamo in una fase iniziale, vedremo quali saranno gli sviluppi di questa vicenda processuale”.
Per il procuratore capo di Palermo si tratta di una indagine significativa non solo perché "ha colpito il patrimonio di un gruppo mafioso facente capo alle famiglie Graziano e Galatolo", ma anche per il fatto che "ha toccato alcuni soggetti appartenenti al mondo delle professioni, in particolare un avvocato e un ingegnere che si sono prestati, secondo la tesi dell'accusa, a riciclare gli enormi capitali prodotti da quelle famiglie, a intestarsi fittiziamente i beni appartenenti a alcuni componenti di quelle famiglie e quindi anche a favorire l'occultamento di questi beni compiendo una serie di operazioni finanziarie che hanno necessità di essere svolte ed eseguite da persone non note negli ambienti mafiose ma che appartengono al mondo delle professioni". "E' un settore sul quale - ha proseguito Lo Voi - io personalmente ho ritenuto di dover investire le migliori energie perché non siamo più ai tempi in cui il reinvestimento delle ricchezze avveniva con l'acquisto di terreni o fabbricati: è un periodo in cui c'è necessità che determinate attività illecite vengano svolte col contributo di professionisti e commercialisti, ingegneri, avvocati, esperti in transazioni che possano consentire l'occultamento, il riciclaggio e il reinvestimento".

Gli arrestati
In carcere nell'operazione antimafia Cicero sono finiti Francesco Cuccio, 67 anni, Angelo Graziano, 36 anni, Francesco Graziano, 41 anni, Vincenzo Graziano, 64 anni, Marcello Marcataio, 68 anni. Ai domiciliari sono finiti Maria Virginia Inzerillo, 37 anni, Giorgio Marcatajo, 32 anni, Giuseppe Messeri, 49 anni, Ignazio Misseri, 25 anni.

Fonte ANSA

ARTICOLI CORRELATI

L’avvocato Marcatajo, i soldi e l'attentato a Di Matteo

Le recensioni di AntimafiaDuemila

DOSSIER BOLOGNA

DOSSIER BOLOGNA

by Antonella Beccaria

"Quando, alle 10:25, da quella valigia si sprigionò...

U SICCU

U SICCU

by Lirio Abbate

Lirio Abbate ci spiega perché la cattura di...


A UN PASSO DA PROVENZANO

A UN PASSO DA PROVENZANO

by Giampiero Calapà

Bernardo Provenzano, detto ’u Tratturi dai nemici, zu...

LA MAFIA CHE HO CONOSCIUTO

LA MAFIA CHE HO CONOSCIUTO

by Alfredo Galasso

Dall’incontro con Rocco Chinnici, Falcone e Borsellino al...


PAOLO BORSELLINO PARLA AI RAGAZZI

PAOLO BORSELLINO PARLA AI RAGAZZI

by Pietro Grasso

Una testimonianza civile per le nuove generazioni. Un...

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

La confessione di Giovanni Brusca Il pentito della trattativa...


LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...

COSA NOSTRA S.P.A.

COSA NOSTRA S.P.A.

by Sebastiano Ardita

Nell'ultimo libro di Sebastiano Ardita il ritratto della...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa