Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Mafie News Cosa Nostra Di Matteo: schiaffo dal Csm, una costante che si ripete

Mafie News

Di Matteo: schiaffo dal Csm, una costante che si ripete

di-matteo-nino-web3di Miriam Cuccu - 9 aprile 2015
I numeri parlano chiaro. 5 voti a favore, 16 contrari, così il Csm ha rispedito al mittente la domanda del pm Nino Di Matteo per la Procura nazionale antimafia. Un’amara conferma, questa, dell’iniziale presa di posizione. Già a marzo, infatti, la Terza Commissione di Palazzo dei marescialli aveva preferito gli altri tre candidati, i magistrati Eugenia Pontassuglia, Marco Del Gaudio e Salvatore Dolce. A nulla sarebbe servita la proposta del togato Aldo Morgigni (Autonomia e Indipendenza), che aveva fatto notare come non fosse stato preso in considerazione il curriculum di Di Matteo (attualmente pubblica accusa, insieme ai pm Del Bene, Teresi e Tartaglia, al processo trattativa Stato-mafia) con vent’anni di lavoro alle spalle sulle inchieste più scottanti di mafia, politica, stragi. Una professionalità evidentemente così temuta, da più parti, da considerare il pm palermitano un pericolo. Di Matteo è infatti da anni bersaglio di minacce più o meno velate fino a che Riina, dal carcere, non sbotta dichiarando di voler fare un attentato, proprio come ai vecchi tempi. Al boss corleonese fa successivamente eco Vito Galatolo, pentito nuovo di zecca che racconta del progettato omicidio del pm e dell’ordine partito dal latitante Matteo Messina Denaro perché “mi hanno detto che si è spinto troppo oltre”. Di chi si tratta e cosa intendeva dire? L’incolumità di Di Matteo è seriamente a rischio, ormai questo è un dato di fatto. Tanto da spingere il Csm a proporre al magistrato il trasferimento in qualsiasi parte d’Italia, per ragioni di sicurezza. Mai, però, è stato preso in considerazione lo spessore professionale di Di Matteo affinchè potesse accedere alla rosa dei nomi per la Pna. Una nomina che avrebbe permesso l’acquisizione di una vastissima conoscenza sulle più diverse ramificazioni della criminalità organizzata e sulle sue entrature in ambienti di potere spesso insospettabili. Un voltafaccia inequivocabile: l’organo che per eccellenza dovrebbe difendere l’autonomia e l’indipendenza dei suoi magistrati non ha alcun interesse a proteggere chi ha messo la propria vita a rischio per difendere il suo Stato. Oltre ai 16 voti contrari alla nomina di Di Matteo si sono aggiunte anche quattro astensioni: i laici Paola Balducci (Sel), Giuseppe Fanfani (Pd), l’ex ministro Renato Balduzzi, Alessio Zaccaria (area M5s). Eppure solo pochi mesi fa, a febbraio, proprio una delegazione del Movimento 5 Stelle aveva incontrato Di Matteo a Palermo per esprimergli vicinanza e solidarietà dopo le tante intimidazioni e condanne a morte. Ieri, invece, l’ennesimo passo indietro.
Le probabilità di varcare la soglia della Procura nazionale antimafia, a questo punto, si assottigliano sempre di più, nonostante il vicepresidente del Csm Giovanni Legnini, che non ha partecipato al voto, abbia ricordato che “sono aperte due nuove procedure, quindi le nomine di oggi sono l'inizio di un percorso”. Un secondo concorso, infatti, verrà aperto a breve dal Csm, al quale però Di Matteo non aveva presentato domanda e il cui bando è ormai chiuso. Se però fossero davvero riconosciuti il curriculum e l’esperienza di Di Matteo, il magistrato dovrebbe piazzarsi al primo posto per le successive nomine. Un Paese civile e realmente meritocratico farebbe questo. La burocrazia, però, anche in questo caso regna sovrana.

Ci sarebbe, poi, un terzo concorso che dovrebbe aprirsi prima della pausa estiva. Ma ad ogni modo, una mossa del genere farebbe inevitabilmente scattare il paradosso. Come mai le indiscutibili qualità professionali di Di Matteo verrebbero prima messe repentinamente in un angolo, per poi diventare il “passepartout” per una successiva nomina?
A pesare di più, per Di Matteo (intervistato da Repubblica) è l’amarezza: “Perché non sono stati sufficienti più di 20 anni di lavoro dedicati ai processi di mafia a Caltanissetta e a Palermo”, oltre al fatto che “tra i criteri del Csm continua a incidere pesantemente la logica dell’appartenenza correntizia”. Ora Di Matteo farà ricorso al Tar: “Nessuno ha rilevato carenze di professionalità o altri motivi. Se lo avessero fatto, forse avrei potuto accettare la decisione, così non posso consentire a nessuno di umiliare l’impegno, il sacrificio e il rischio di oltre vent’anni di carriera”. Con la mente, tornando a 27 anni prima, possiamo quasi rivedere la stessa amarezza in Giovanni Falcone che, parole di Paolo Borsellino, “cominciò a morire il 19 gennaio 1988” quando il Csm gli preferì come successore di Nino Caponnetto a capo dell’Ufficio istruzione di Palermo Antonino Meli, colui che poi frantumò senza troppi problemi le inchieste dello storico pool antimafia. Una tremenda umiliazione che anni dopo si ripete, costante e precisa. Fino a che punto saremo disposti a ripetere gli errori che già sono costati cari, non solo a Falcone e Borsellino ma anche alle stesse fondamenta della nostra democrazia?

ARTICOLI CORRELATI

Csm boccia Di Matteo alla PNA: il disprezzo della storia

Il verdetto del Csm: bocciato Di Matteo, non andrà alla Pna

Il CSM, l’asino che cascò due volte
di Saverio Lodato

Senza parole

Le recensioni di AntimafiaDuemila

LA LISTA

LA LISTA

by Lirio Abbate

Luglio 1999: Massimo Carminati svuota il caveau della...

SALVATO DA UN MALEDETTO DESTINO

SALVATO DA UN MALEDETTO DESTINO

by Roberto Anteghini, Jonathan Arpetti

Le pagine di questo libro raccontano un’avventura umana...


CAMORRA NOSTRA

CAMORRA NOSTRA

by Giorgio Mottola

«Non chiamatela Camorra. È Cosa Nostra».Questa sorprendente dichiarazione...

ITALICUS

ITALICUS

by Paolo Bolognesi , Roberto Scardova

Troppe cose ancora rimaste in sospeso: enigmi, fatti...


MAFIA. Vita di un uomo di mondo

MAFIA. Vita di un uomo di mondo

by Alfredo Galasso, Angelo Siino

Angelo Siino, «pentito» eccellente e collaboratore di giustizia,...

IL FILO DEI GIORNI

IL FILO DEI GIORNI

by Maurizio Torrealta

«Vedi, sono stati tutti arruolati dentro quella che...


SHAKK

SHAKK

by Antonio Gerardo D'Errico

Shakk è la storia dei nostri tempi. Il...

FARE DEL MALE NON MI PIACE

FARE DEL MALE NON MI PIACE

by Giusy La Piana

Killer, guardaspalle, "ragioniere", fantasma, mediatore, guru dei picciotti,...


Libri in primo piano

collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI

Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano a trattare con la mafia


quarantanni-di-mafia-agg

Saverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinita
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa


apalermo-homeLuciano Mirone

A PALERMO PER MORIRE
I cento giorni che condannarono
il generale Dalla Chiesa




la-mafia-non-lascia-tempo-homeGaspare Mutolo con Anna Vinci

LA MAFIA NON LASCIA TEMPO
Vivere, uccidere, morire, dentro a Cosa Nostra. Il braccio destro di Totò Riina si racconta