Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Mafie News Cosa Nostra La Falange armata a Totò Riina: “Chiudi quella maledetta bocca”

Mafie News

La Falange armata a Totò Riina: “Chiudi quella maledetta bocca”

riina-mano-boccadi AMDuemila - 24 febbraio 2014
“Chiudi quella maledetta bocca” è una delle frasi contenute nella lettera che – come si apprende dalle colonne di Repubblica – qualche giorno fa è stata inviata al carcere Opera di Milano. La missiva era indirizzata al Capo dei capi, che nei mesi scorsi durante l'ora d'aria in compagnia di Lorusso emanava ordini di morte al pm Nino Di Matteo e agli altri magistrati del processo trattativa, Roberto Tartaglia, Francesco Del Bene e Vittorio Teresi.
La lettera, firmata dalla Falange armata, prosegue sugli stessi toni: “Ricorda che i tuoi familiari sono liberi”, e infine: “Per il resto stai tranquillo, ci pensiamo noi”. La lettera non è mai arrivata nelle mani del boss corleonese, i cui inquietanti messaggi intercettati nell'ultimo periodo sono in mano alle procure di Palermo e Caltanissetta, che ne stanno decifrando i contenuti soprattutto in relazione alle minacce di cui è oggetto Di Matteo. Il messaggio, sequestrato dal dipartimento dell'amministrazione penitenziaria, è stato ugualmente mandato alle due procure.

La sigla Falange armata torna dunque prepotentemente dopo oltre vent'anni, ma già recentemente il pool della trattativa Stato-mafia aveva fatto confluire nell'inchiesta una parte che riguarderebbe proprio l'organizzazione che nel biennio '90-'92 ha rivendicato una serie di omicidi e ferimenti. Secondo gli inquirenti a dialogare con i boss per porre fine a quella stagione di sangue non furono solo politici e uomini dell'Arma, ma anche agenti dei Servizi segreti. E nel registro degli indagati per l'indagine bis sulla trattativa ci sarebbe anche il nome di un ex dirigente dell'intelligence italiana che aveva contatti con l'ex sindaco di Palermo Vito Ciancimino. I pm Di Matteo, Teresi, Del Bene e Tartaglia avevano inviato gli agenti della Dia di Palermo a recuperare negli archivi del palazzo di giustizia di Roma gli atti del processo a uno dei telefonisti della Falange Armata. Il 9 settembre ’92 avrebbe infatti chiamato l’Ansa di Torino per lanciare una serie di critiche contro l'ex ministro dell'interno Nicola Mancino, accusato nel processo in corso a Palermo per aver testimoniato il falso sul dialogo instaurato tra elementi delle istituzioni, del Ros e della cupola di Cosa nostra. A giugno, sempre all'Ansa, erano giunte dalla stessa organizzazione delle minacce di morte nei confronti dell'allora ancora ministro Vincenzo Scotti. Anche nell'aprile 1993 la Falange torna a farsi sentire con l'Ansa di Roma, stavolta per minacciare il presidente della Republica Scalfaro (già minacciato da una lettera anonima di alcuni familiari di boss) e Mancino. Proprio nei giorni in cui si discuteva del possibile ammorbidimento del carcere duro per i mafiosi. Le minacce inviate a più uomini delle istituzioni si susseguirono a più riprese: il 19 giugno contro Mancino ed il capo della Polizia Parisi, il 16 settembre contro Capriotti (direttore del Dap) ed il suo vice Di Maggio. Sullo sfondo, quella riunione della cupola mafiosa ad Enna nella quale, come dichiara il collaboratore di giustizia Filippo Malvagna “si decise la strategia delle stragi Falcone e Borsellino, si disse di rivendicare tutti gli attentati con la sigla Falange Armata”. Una serie di aspetti che confluiscono nel medesimo disegno criminoso e che ora saranno attentamente vagliati dalla Procura di Palermo.

ARTICOLI CORRELATI

Le stragi, le trattative e la Falange Armata

Trattativa: nell'indagine bis lente di ingrandimento su “Falange armata” e Servizi

Le recensioni di AntimafiaDuemila

CORRUZIONE E ANTICORRUZIONE

CORRUZIONE E ANTICORRUZIONE

by Raffaele Cantone, Enrico Carloni

Ogni volta che un politico o un funzionario...

I NUOVI POTERI FORTI

I NUOVI POTERI FORTI

by Franklin Foer

Google, Amazon, Facebook, Apple, ormai note con l’acronimo...


PRIMA CHE GRIDINO LE PIETRE

PRIMA CHE GRIDINO LE PIETRE

by Valentina Furlanetto, Alex Zanotelli

Questo libro racconta il razzismo di ieri e...

GESU' E' PIU' FORTE DELLA CAMORRA

GESU' E' PIU' FORTE DELLA CAMORRA

by Aniello Manganiello, Andrea Manzi

"Gesù è più forte della camorra" è il...


L'ISOLA ASSASSINA

L'ISOLA ASSASSINA

by Carlo Bonini

Un'inchiesta sulle tracce di Daphne Caruana Galizia, la...

LA REPUBBLICA PUNCIUTA

LA REPUBBLICA PUNCIUTA

by Stefano Baudino

Da chi è stata composta e quali trasformazioni...


L'INDUSTRIA DELLA CARITA'

L'INDUSTRIA DELLA CARITA'

by Valentina Furlanetto

Valentina Furlanetto racconta le ombre della solidarietà trasformata...

GIUSTIZIA DIVINA

GIUSTIZIA DIVINA

by Emanuela Provera, Federico Tulli

"In parrocchia arrivò un sacerdote che, a mio...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa