Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Mafie News Processo Borsellino quater Processo Borsellino quater, Ricciardi e Bo trincerati nel silenzio

Mafie News

Processo Borsellino quater, Ricciardi e Bo trincerati nel silenzio

aula-tribunaleI due funzionari di polizia si avvalgono della facoltà di non rispondere
di Aaron Pettinari - 26 novembre 2013
E' durata il tempo di fare l'appello dei presenti l'udienza odierna al processo “Borsellino Quater”. I testi citati dall'accusa e che avrebbero dovuto essere sentiti oggi, i funzionari di polizia Vincenzo Ricciardi e Mario Bo, si sono avvalsi della facoltà di non rispondere in quanto imputati di reato connesso. I due fecero parte del gruppo investigativo "Falcone-Borsellino" costituito subito dopo le stragi del '92 e che era diretto dall’ex capo della mobile poi questore di Palermo, Arnaldo La Barbera, morto per un male incurabile nel 2002.
Ricciardi, già questore di Novara, oggi è in pensione mentre Bo dirige la Squadra Mobile di Trieste. Assieme a Salvatore La Barbera, dirigente della Criminalpol a Roma, sono indagati per calunnia aggravata dalla procura nissena nell’ambito delle inchieste sulle stragi palermitane del ’92 in cui furono uccisi Giovani Falcone, la moglie Francesca Morvillo, e tre agenti della polizia di scorta, e Paolo Borsellino e 4 agenti della polizia di scorta tra cui una donna.

Secondo l'accusa i tre poliziotti, obbedendo agli ordini del loro capo, avrebbero confezionato ad arte una falsa pista capace di reggere tre processi e nove gradi di giudizio centrandola sul falso pentimento di Vincenzo Scarantino. Un'accusa che viene basata anche sulle testimonianze di Salvatore Candura e Francesco Andriotta, ovvero gli stessi teste per cui la “pista Scarantino” venne ritenuto credibile. Sono proprio Andriotta e Candura che confessano di avere subito minacce e pressioni da parte dei poliziotti indagati, affinché si autoaccusassero di aver ricoperto un ruolo nel furto della Fiat 126, utilizzata poi come autobomba nella strage di via D'Amelio.
Tuttavia nessuna domanda è stata fatta durante il processo perché i due funzionati di Stato hanno scelto la via del silenzio assoluto. Per questo motivo, su richiesta delle parti, la Corte, presieduta dal giudice Antonio Balsamo, ha proceduto all'acquisizione dei i verbali degli interrogatori già resi dai due poliziotti.
Nella giornata di oggi era prevista anche la deposizione di Salvatore La Barbera, che non si è presentato facendo pervenire una giustificazione, e di Marina Busetto, compagna di Arnaldo La Barbera. E' la terza volta che la citazione della donna a comparire in udienza in qualità di teste non va a buon fine. La Corte ha disposto di procedere ad accertamenti sulle ragioni della sua assenza. La prossima udienza è stata quindi fissata per il 3 dicembre sempre presso l'aula bunker di Caltanissetta.

ARTICOLI CORRELATI

Borsellino quater, le indagini e i depistaggi

Borsellino quater: “Il falso pentito Scarantino disse che il pm Palma architettò tutto”

Borsellino quater: Scarantino, La Barbera e le microspie nella testimonianza di Pipino

Borsellino quater: Candura getta nuovi dubbi sulla gestione dei pentiti

Borsellino quater, Candura racconta il depistaggio

Borsellino quater: quando La Barbera si adoperò per controllare Scarantino

Le recensioni di AntimafiaDuemila

LE MENTI DEL DOPPIO STATO

LE MENTI DEL DOPPIO STATO

by Mario José Cereghino, Giovanni Fasanella

L’inchiesta condotta dagli autori, basata su anni di...

L'AMORE NON BASTA

L'AMORE NON BASTA

by Luigi Ciotti

Don Luigi Ciotti parla di se stesso attraverso...


CRISI DI CIVILTA'

CRISI DI CIVILTA'

by Noam Chomsky, C. J. Polychroniou

Gli interventi del grande linguista sulla pandemia.«Il più...

LA NOTTE DELLA CIVETTA

LA NOTTE DELLA CIVETTA

by Piero Melati

Leonardo Sciascia pubblicò "Il giorno della civetta" nel...


INTORNO A PEPPINO

INTORNO A PEPPINO

by Salvo Vitale

Peppino Impastato, assassinato a trent'anni dai mafiosi di...

COSA NOSTRA S.P.A.

COSA NOSTRA S.P.A.

by Sebastiano Ardita

Nell'ultimo libro di Sebastiano Ardita il ritratto della...


HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

La confessione di Giovanni Brusca Il pentito della trattativa...

LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa