Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Mafie News Cosa Nostra Genchi teste al processo su via D'Amelio

Mafie News

Genchi teste al processo su via D'Amelio

genchi-gioacchino-c-barbagalloDalle verifiche sul computer di Falcone ai tabulati di Borsellino
di Aaron Pettinari - 4 ottobre 2013
La sua audizione era prevista lo scorso settembre ma lo sciopero dei penalisti aveva fatto saltare l'udienza. Così ieri, all'aula bunker del carcere di Caltanissetta, è stato sentito Gioacchino Genchi (foto), ex vice questore aggiunto, nell'ambito del processo “Borsellino quater”. Interrogato dai pm ha ripercorso le fasi vissute a ridosso delle stragi vissute come vice del gruppo Falcone-Borsellino che indaga su Capaci e Via d'Amelio. Dopo aver ricordati quelli che erano stati i suoi rapporti iniziati con Arnaldo La Barbera (“Erano ottimi. Ha sempre detestato la violenza ma era anche in grado di uccidere a sangue freddo. Fu l'allora capo della polizia, nell'88, a dirmi, nel corso di un incontro svoltosi a Roma, che mi sarei dovuto mettere a disposizione di La Barbera. Quando arrivai alla Squadra Mobile di Palermo, collegai in rete tutto il sistema informatico. Parte del personale venne rottamato. C'era da combattere i corleonesi facendo ripartire una macchina che era arrugginita e non e' stato facile”) l'ex consulente delle Procure ha parlato del compito che gli venne assegnato dall'allora capo della Procura di Caltanissetta, Salvatore Celesti, per esaminare i supporti informatici del giudice Falcone, immediatamente dopo l'attentato di Capaci. “Alcuni file del computer di Falcone - ha riferito - custodito in una delle stanze della sezione Affari penali del ministero furono violati nonostante la stanza fosse sequestrata. Sul portatile qualcuno installò un programma pc tools, utilizzato sia per recuperare che per cancellare definitivamente i file. Stessa cosa avvenne per l'agendina elettronica. Dopo la decodifica dell'agenda, venni messo da parte, il clima nei miei confronti cambiò. Mi assegnarono la scorta e mandai una lettera al questore di Palermo, rifiutandola”. Genchi ha poi raccontato anche altri particolari delle indagini: “Partecipai in prefettura alla riunione del comitato per la sicurezza e l'ordine pubblico, in quanto con i miei tecnici mi occupavo delle registrazioni”. E ha poi aggiunto: “All'indomani dell'omicidio Lima, Falcone rivolgendosi a Pietro Giammanco, all'epoca procuratore capo di Palermo, gli disse: 'e adesso i tuoi amici che dicono di questo omicidio? Amici nel senso di amici politici”.

Sulla strage di via d'Amelio ha spiegato come dopo la stessa, vennero analizzati solo i tabulati telefonici dell'ultimo mese di vita di Paolo Borsellino e limitatamente al traffico in uscita.
“Mi consegnarono solo i tabulati risalenti all'ultimo mese antecedente la strage di via d'Amelio e me ne lamentai con La Barbera”. Tra le chiamate in uscita vi erano chiamate all'allora procuratore nazionale antimafia Pierluigi Vigna e al procuratore di Caltanissetta Gianni Tinebra, e qualcuna verso la madre. I tabulati all'epoca non censivano le telefonate provenienti dai numeri fissi. “Anni dopo la Procura di Caltanissetta mi richiese quelle analisi perché non le trovava più agli atti. Io le ho riconsegnate”. Il “superconsulente” ha anche parlato della presenza, sin dal 1990, di telefonini clonati in possesso di uomini di Cosa nostra del trapanese. “Erroneamente si pensava che il fenomeno della clonazione dei cellulari fosse successivo alle stragi ma noi scoprimmo che quel metodo era già stato utilizzato prima. Ad esempio trovai un'utenza telefonica clonata, appartenente ad una signora napoletana ignara di tutto che in prossimità del 19 luglio chiama una serie di villini che si trovano lungo il percorso che l'auto di Borsellino aveva percorso quella domenica”.
Genchi, chiamato nel periodo delle stragi a ricoprire in Sicilia anche il ruolo di dirigente della sezione telecomunicazioni della polizia di Stato, ha anche parlato dell'incarico che ricevette la sera della strage di via D'Amelio, di provvedere al trasferimento di 150 detenuti dall'Ucciardone di Palermo al carcere di Pianosa. “La sera del 19 luglio 1992 il capo della Polizia Vincenzo Parisi ed il ministro di giustizia Claudio Martelli mi incaricano di organizzare e dirigere l’immediata evacuazione dei più pericolosi boss mafiosi, comodamente reclusi nelle carceri palermitane, al penitenziario dell´isola di Pianosa nell´arcipelago toscano. Alle ore 05:00 della mattina del 20 luglio 1992 i detenuti vengono imbarcati sugli aeroplani dell'aeronautica all'aeroporto di "Punta Raisi" di Palermo. Prelevammo oltre 150 capimafia palermitani ed i loro sanguinari gregari atterrammo all'aeroporto di Pisa, dove trovammo ad attenderci gli elicotteri "Mangusta" dell'Aeronautica, per l'ultima tappa della trasferta verso il carcere di Pianosa”.
Genchi ha quindi concluso la propria deposizione davanti la Corte d'Assise di Caltanissetta, ricordando i motivi che lo hanno portato a lasciare il gruppo “Falcone-Borsellino”. “Dopo le accuse di Candura e la confessione di Scarantino decisero di arrestare Pietro Scotto, l’uomo che avevo individuato come possibile telefonista per via D’Amelio. Mi parve una cosa assurda. Stava a due passi dal nostro ufficio, era intercettato, avrebbe potuto forse portarci ben più avanti. Ci fu una discussione durissima, di fuoco. L’indomani mattina abbandonai per sempre il gruppo Falcone-Borsellino. E le indagini sulle stragi. Arnaldo La Barbera credeva nella carriera. Non era un disonesto. Alla fine del 1993 ha fatto un patto con il diavolo”. Il processo riprenderà quindi il 10 ottobre, sempre alle 9,30, nell'aula bunker del carcere di Caltanissetta.

Foto © Giorgio Barbagallo

Le recensioni di AntimafiaDuemila

NUDDU

NUDDU

by Pietro Orsatti

Un’inchiesta giornalistica senza apparente via di uscita e...

IL PADRINO DELL'ANTIMAFIA

IL PADRINO DELL'ANTIMAFIA

by Attilio Bolzoni

Un siciliano che è “nel cuore” di un...


FIGLI DEI BOSS

FIGLI DEI BOSS

by Dario Cirrincione

Questo è un libro di storie e di...

IL CASO MOBY PRINCE

IL CASO MOBY PRINCE

by Gabriele Bardazza, Francesco Sanna

Per la prima volta in un libro, i...


AMEN

AMEN

by Antonio Ferrari

L’attentato a Giovanni Paolo II e i molti...

LE ULTIME PAROLE DI FALCONE E BORSELLINO

LE ULTIME PAROLE DI FALCONE E BORSELLINO

by Antonella Mascali

Questo libro raccoglie i principali interventi, le interviste,...


HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

La confessione di Giovanni Brusca Il pentito della trattativa...

LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa