Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Di la tua Parla Diritto di replica, Fava: ''Nessun condizionamento nei lavori della Commissione regionale antimafia''

Di la tua | AntimafiaDuemila

Diritto di replica, Fava: ''Nessun condizionamento nei lavori della Commissione regionale antimafia''

Caro direttore,
leggo di un intervento pubblico dell'avvocato Fabio Repici a un vostro dibattito il 19 luglio ridicolo nelle forme, offensivo nel tono e calunnioso nei contenuti.
Nel suo intervento, ripreso integralmente dalla rivista oltre che da molte agenzie di stampa, l’avv. Repici: “…ha evidenziato come sia stato scandaloso che la Commissione regionale antimafia, che si è occupata del depistaggio di via d'Amelio, non ha mai audito Salvatore Borsellino. «Sapete perché non è stato chiamato? Perché tra i collaboratori del Presidente della Commissione vi è Vittorio Bertone, figlio del Procuratore della Repubblica nisseno Amedeo Bertone. E' lui che ha omesso di convocare Salvatore Borsellino durante l'inchiesta. Vi è una cinghia di trasmissione tra la Procura della Repubblica nissena e la Commissione che convoca i testimoni"».
Premesso che il sig. Repici di ciò che afferma risponderà nelle sedi opportune, mi addolora che nessuno tra i presenti né tra gli organizzatori abbia sentito il bisogno di prendere le distanze da argomentazioni così oltraggiose e deliranti: ritenere che la Commissione che io ho l’onore e la responsabilità di presiedere sia legata da “una cinghia di trasmissione” ad una Procura, che siano altre - diverse dal sottoscritto e dal suo ufficio di presidenza - le persone che determinano l’agenda di lavoro della Commissione e, infine, che il dottor Vittorio Bertone, stimato professionista e mio collaboratore, sia la testa di ponte del Procuratore di Caltanissetta per subornare, condizionare o irretire la Commissione Antimafia dell’Ars è un'allucinata fantasia che non merita commenti da parte mia. Da parte vostra, avendo la responsabilità dell'organizzazione di quel pubblico dibattito, avrei immaginato di sì.
Resto infine senza parole che un intervento così grottesco e offensivo sia stato riportato dalla sua rivista senza una parola a chiosa, un commento, nulla. Come se accusare la Commissione Antimafia dell'Ars d'essere il giocattolino di un procuratore sia normale dialettica e non una forma irresponsabile, paranoica e offensiva per cercare il proprio quarto d'ora di presunta celebrità.

Claudio Fava


Gentile Presidente Fava,
al di là di non essere noi gli organizzatori del suddetto dibattito (abbiamo aderito con convinzione alla quattro giorni organizzata dal movimento delle Agende rosse di Salvatore Borsellino) ci siamo limitati a riportare alcuni stralci degli interventi senza per questo dover aggiungere alcun nostro commento. Che il legale di un familiare di Borsellino muove un’accusa verso la Commissione regionale antimafia è una notizia. Che poi Salvatore Borsellino non sia stato ascoltato dalla vostra Commissione nell’ambito delle audizioni relative alla strage di via D’Amelio resta comunque un dato oggettivo. Ci piacerebbe che il Presidente della Commissione regionale Antimafia rispondesse alla critica, anche nel merito del perché non è avvenuta l’audizione di Salvatore Borsellino, non limitandosi ad una risposta sul piano personale.

Cordialmente
Giorgio Bongiovanni

Foto © Imagoeconomica

ARTICOLI CORRELATI

Scarpinato: ''La strage di via d'Amelio opera di una criminalità del potere''

Diritto di replica, Repici: ''Quello che Fava non dice''

Le recensioni di AntimafiaDuemila

THE IRISHMAN

THE IRISHMAN

by Charles Brandt

Il libro da cui è stato tratto il...

LA RETE DEGLI INVISIBILI

LA RETE DEGLI INVISIBILI

by Nicola Gratteri, Antonio Nicaso

"Quella contro la 'ndrangheta è una battaglia che...


UN EROE BORGHESE

UN EROE BORGHESE

by Corrado Stajano

L'Italia degli anni settanta è l'Italia della loggia...

ECONOMIA DROGATA

ECONOMIA DROGATA

by Giorgio Malfatti di Monte Tretto

La criminalità organizzata dedita al narcotraffico ha portato...


GLI AGNELLI

GLI AGNELLI

by Antonio Parisi

Quando il conte Emanuele Cacherano di Bricherasio, insieme...

VITTORIO ARRIGONI

VITTORIO ARRIGONI

by Anna Maria Selini

Nei campi con i contadini e in mare...


HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

La confessione di Giovanni Brusca Il pentito della trattativa...

LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa