Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Di la tua | AntimafiaDuemila

Spiragghi di virità

La poesia di Lina La Mattina letta in occasione del convegno “Paolo Borsellino: strage di Stato. Sulle orme dei mandanti esterni” organizzato da AntimafiaDuemila.

27 l’anni passati di la stragi ca sbacantò
sdisulò li cori, ‘ncrustò di sangu
e arrustiu pezzi di carni, in Via D’Amelio
ora spiramu ca chistu non passa
a la storia cu la solita vuci di silenziu
‘nganni ‘ncasciati ‘ntra li casciuna di 4
prucessi e panzi vunci di vilenu
di cu sapi e non dici pantumini orchestrati
di certi pulitici chiù nfami di li stissi
criminali, ora ca sapemu, c’a li mafiusi
nenti ci ni futteva di fari sta stagi
ma sulu fari scumpariri la russa agenda
ca puteva fari satari testi putenti,
perciò cusuti tennu li vucchi, pi scantu
ca patti si putissiru rumpiri, scurriri
arreri sangu nta li sicchi funtani di Palermu
non fari finiri ‘n galera auti papavari:
appistati bastardi ca non si ponnu tuccari.

Sangu ‘ncrustatu si! Un veru ‘nfernu
ma libiratoriu pi cu s’impussissò
di l’agenda di Paolo scantatu ca ogni anno
di lu 23 di maggiu a lu 19 di lugliu
comu chiddu di San Ginnaru, si scioghi
vugghi, abballa sutta li pedi... perciò
certi puliticanti, nfasciati di camula tennu
ciriveddi... amminaccianu tramiti
putiara, li giusti, l’onesti... pirchì c’è cu’
frisculia, cu ciatu di masticati paroli
ca la virità prestu sarà bannera ca sbintulìa
a lu ventu... perciò spinusi cacocciula
levanu scorti, prutizioni, attaccanu li manu
a omini ca si facissiru ammazzari
pi sciogghiri, pilusi trizzi di cumplicità...

Comu l’annu passatu, quannu Di Matteo
Teresi e cumpagni, dettiru ciatu a la spiranza
fu ‘na gran festa vidiri putenti, cu divisi
e midagghi arrubbbati cu la minzogna
arruzzulari a facci n terra ni lu pruvulazzu
di la vriogna... stu spiragghiu di virità
e giustizia fu comu ‘na vintata d’aria frisca....
puru si ancora, ‘na maniata di picuruna
cu canigghia nta lu ciriveddu, addifenni
certi marpiuna c’avissiru a stari n galera
d’essiri appizzati a lu chiovu di la nfamia
p’aviri senza dignità nutricatu vermi di terra.

5 luglio 2019