Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Di la tua Parla Quello di Leonardo Zappalà è un insulto a tutti noi

Di la tua | AntimafiaDuemila

Quello di Leonardo Zappalà è un insulto a tutti noi

di Giuseppe Ciminnisi*
Al Capone, come si fa chiamare il cantante neomelodico Leonardo Zappalà (in foto), che nel corso della puntata di 'Realiti', andata in onda su Rai 2 la settimana scorsa, riferendosi ai Giudici Falcone e Borsellino ha dichiarato che 'queste persone che hanno fatto queste scelte di vita le sanno le conseguenze. Come ci piace il dolce ci deve piacere anche l'amaro', dovrebbe vergognarsi e chiedere scusa alle famiglie Borsellino e Falcone, così come a tutte quelle dei familiari di vittime innocenti di mafia e a tutti gli italiani onesti. Purtroppo, assistiamo sempre più spesso, impotenti, alla propaganda di una cultura di violenza e di morte che taluni soggetti, parenti di boss, ex criminali, ‘artisti’ e simpatizzanti di vario genere, accomunati tra loro soltanto da un’immane ignoranza, esercitano tramite l’uso dei social network o durante i loro spettacoli di piazza. Elogio di boss, insulti a quanti si battono in favore della legalità e, talvolta, minacce a giornalisti impegnati, non possono essere tollerati oltre. Men che meno, se questo avviene tramite organi d’informazione di carattere nazionale. Vogliamo augurarci che d’ora innanzi non abbiano a ripetersi mai più episodi di questo genere e che le indagini, già avviate in merito alla vicenda Zappalà, possano essere estese anche alle altre forme di propaganda del crimine, social network compresi".

*coordinatore nazionale dei familiari di vittime di mafia dell’associazione “I Cittadini contro le mafie e la corruzione

ARTICOLI CORRELATI

Falcone e Borsellino. La Rai non ospiti chi li insulta

Le recensioni di AntimafiaDuemila

THE IRISHMAN

THE IRISHMAN

by Charles Brandt

Il libro da cui è stato tratto il...

LA RETE DEGLI INVISIBILI

LA RETE DEGLI INVISIBILI

by Nicola Gratteri, Antonio Nicaso

"Quella contro la 'ndrangheta è una battaglia che...


UN EROE BORGHESE

UN EROE BORGHESE

by Corrado Stajano

L'Italia degli anni settanta è l'Italia della loggia...

ECONOMIA DROGATA

ECONOMIA DROGATA

by Giorgio Malfatti di Monte Tretto

La criminalità organizzata dedita al narcotraffico ha portato...


GLI AGNELLI

GLI AGNELLI

by Antonio Parisi

Quando il conte Emanuele Cacherano di Bricherasio, insieme...

VITTORIO ARRIGONI

VITTORIO ARRIGONI

by Anna Maria Selini

Nei campi con i contadini e in mare...


HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

La confessione di Giovanni Brusca Il pentito della trattativa...

LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa