Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Di la tua Parla Ogni giorno sulle orme di Giovanni Falcone

Di la tua | AntimafiaDuemila

Ogni giorno sulle orme di Giovanni Falcone

20190523 ogni giorno sulle orme falconeConcerto dell’Orchestra e coro giovanile “Falcone Borsellino” della Fondazione “La città invisibile”

Nessun mandante è stato condannato della Strage di Capaci dopo 27 anni! Pesa questo vuoto nella storia della Repubblica, pesa e indigna. Nella strage furono barbaramente uccisi il giudice Giovanni Falcone e, con lui, la moglie magistrato Francesca Morvillo, i tre agenti di scorta Vito Schifani, Rocco Dicillo e Antonio Montinaro e ferite 23 persone, tra cui gli agenti Paolo Capuzza, Giuseppe Costanza, Angelo Corbo, Gaspare Cervello. Una svolta c’è stata con la sentenza di condanna di personalità esterne alla mafia, nel Processo Trattativa Stato-Mafia. Grazie a questa storica sentenza infatti finalmente, si è potuto ricostruire il coinvolgimento di una parte deviata dello Stato, un pezzo di quel sistema di “menti raffinatissime” di cui parlò lo stesso Falcone all’indomani del fallito attentato alla Addaura. Risultato che si deve alla tenacia dei Pm Nino Di Matteo, Teresi, Del Bene e Tartaglia. Alla solidità della Corte di Palermo presieduta da Alfredo Montalto. Ogni tentativo di cancellare questo traguardo (come ha sottolineato bene recentemente il direttore di ANTIMAFIADuemila, Giorgio Bongiovanni), con polemiche e dichiarazioni illogiche, non fa che accrescere in noi cittadini il bisogno di continuare a scavare per dare risposta ai tanti interrogativi che riguardano la strage di Capaci, di Via D’Amelio e di tutti gli altri drammatici atti di terrore imposti al nostro Paese. Ma più di uno spiraglio nella ricerca della verità si è aperto nel 2018, che è stato appunto l’anno della sentenza sulla Trattativa Stato-Mafia. Inoltre nel 2018 è uscito il libro del giudice Carlo Palermo, dal titolo La Bestia, contenente la ricostruzione corroborata da documenti e prove certe, di un probabile movente della strage di Capaci. Infatti Carlo Palermo avrebbe scoperto che l’ultimo atto compiuto da Giovanni Falcone è stato quello di estradare negli USA il terrorista arabo Al-Jawari arrestato in Italia. Con questo atto, l’Italia violava il cosiddetto “Lodo Moro”, che sino a quel tempo aveva consentito ai terroristi palestinesi dell’OLP un lasciapassare di uomini e armamenti attraverso i territori del nostro Paese per ottenere che l’Italia non subisse attacchi terroristici di matrice islamica. La consegna di Al-Jawary ebbe un peso nella strage di Capaci? Sembra proprio di sì, visto che il processo ad Al-Jawary assunse un ruolo mediatico cruciale negli Stati Uniti e servì a motivare l’opinione pubblica nei confronti di un intervento bellico USA in Medio Oriente. Dopo la strage di Capaci, un imputato di quel processo, Giancarlo Formichi Moglia, detto il “riciclatore”, la cui estradizione in Italia fu scambiata con quella di Al-Jawary in seguito all’uccisione di Falcone, si rese disponibile a parlare con Borsellino, ma non fece in tempo, perché Borsellino venne ucciso il giorno precedente in via D’Amelio. Formichi Moglia rivela l’esistenza di un’oligarchia finanziaria alla guida dei traffici di armi e droga nello scacchiere internazionale. Svela l’esistenza di un “conto dei conti” correnti, denominato “Alcantara”, il coinvolgimento dello IOR, della famiglia Rothschild e dei Rockefeller. Proprio quest’ultimo, a soli 15 giorni dalla strage di Capaci, da Baden-Baden dov’è riunito con il Club Bilderberg, esalta la concreta realizzabilità di un mondo governato da un’elite di banchieri mondiali, in deroga all’autodeterminazione nazionale. “La città invisibile” e l’Orchestra giovanile “Falcone Borsellino”, ogni giorno dell’anno, non solo il 23 maggio, seguono il cammino della verità sui mandanti della strage di Capaci e chiedono che sia fatta giustizia.
“La città invisibile” pratica da 10 anni l’integrazione, l’inclusione, la coesione sociale dei bambini proponendo loro l’esempio attivo di Falcone e Borsellino. Infatti sono i modelli positivi e gli esempi buoni che stimolano i minori più delicati a uscire dall’autocommiserazione e a cercare di affermare una propria autodeterminazione e la voglia di riscatto. Modelli, esempi e buone pratiche offrono il senso e la direzione dell’arte: sono una guida etica che in questi anni ha prodotto enormi risultati per una realtà autentica e povera. Con queste linee guida La fondazione La città invisibile ha formato oltre 1500 ragazzi nella musica e quasi 7000 nella legalità. I ragazzini hanno eseguito oltre 120 concerti, tutti dedicati all’affermazione di un diritto o di principi di grande valore morale.
Con il concerto “Ogni giorno sulle orme di Giovanni Falcone”, che si terrà nella Chiesa Maria SS. Annunziata del Carmine, in piazza Carlo Alberto, nel cuore del centro storico di Catania, il 23 maggio 2019 alle ore 17.45, l’Orchestra “Falcone Borsellino” chiederà la desecretazione dei fascicoli che riguardano le stragi, l’avvio di indagini e accertamenti su quanto svelato dalle inchieste del giudice Palermo, l’approfondimento e la prosecuzione di quanto è emerso nel Processo sulla Trattativa Stato-Mafia. I ragazzini sono informati sulle vicende di Falcone e questo concerto sarà un ulteriore passo in avanti rispetto a questo loro percorso. I 150 bambini coinvolti, provenienti dai centri di formazione di via Orfanelli, Viale Moncada (Oratorio Suor Erminia di Santa Chiara) di Catania e dal centro di Adrano (presso la Scuola Mazzini), saluteranno l’ingresso nella grande famiglia dell’Orchestra Falcone Borsellino degli alunni delle scuole Fontanarossa, Quasimodo e Dante Alighieri di Catania, De Amicis e Teresa di Calcutta di Tremestieri Etneo. Un popolo di piccoli musicisti riuniti in una grande orchestra sinfonica in nome della richiesta di verità sull’assassinio di Falcone, diretti dai maestri Semaias Botello e Moises Pirela, del Sistema Abreu, il metodo orchestrale importato in Italia dalla “Città invisibile” fedelmente.

Fondazione La città invisibile

Le recensioni di AntimafiaDuemila

NUDDU

NUDDU

by Pietro Orsatti

Un’inchiesta giornalistica senza apparente via di uscita e...

IL PADRINO DELL'ANTIMAFIA

IL PADRINO DELL'ANTIMAFIA

by Attilio Bolzoni

Un siciliano che è “nel cuore” di un...


FIGLI DEI BOSS

FIGLI DEI BOSS

by Dario Cirrincione

Questo è un libro di storie e di...

IL CASO MOBY PRINCE

IL CASO MOBY PRINCE

by Gabriele Bardazza, Francesco Sanna

Per la prima volta in un libro, i...


AMEN

AMEN

by Antonio Ferrari

L’attentato a Giovanni Paolo II e i molti...

LE ULTIME PAROLE DI FALCONE E BORSELLINO

LE ULTIME PAROLE DI FALCONE E BORSELLINO

by Antonella Mascali

Questo libro raccoglie i principali interventi, le interviste,...


HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

La confessione di Giovanni Brusca Il pentito della trattativa...

LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa