Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Di la tua Parla Un anno dopo. 365 giorni, un anno dopo il momento più buio della mia vita

Di la tua | AntimafiaDuemila

Un anno dopo. 365 giorni, un anno dopo il momento più buio della mia vita

di Paolo Borrometi
Penso che non esistano i superuomini. E comunque, se esistessero, io certamente non apparterrei a questa categoria.
Faccio il giornalista e non ho mai avuto vergogna nel dire che un anno fa - il 10 aprile dell’anno scorso -, insieme al giorno in cui venni aggredito e pestato a sangue (il 16 aprile di 5 anni fa), furono i momenti più bui, drammatici e paurosi di tutta la mia vita.
Quelle parole del Giudice per le indagini preliminari di Catania che rivelava nel provvedimento d’arresto di alcuni boss di Pachino che stessero organizzando una “eclatante azione omicidiaria” nei confronti miei e della mia scorta, furono terribili. Un anno dopo l’attentato scoperto vorrei, ancora una volta, ringraziare i Giudici della Procura Distrettuale Antimafia di Catania (su tutti il dottor Alesandro Sorrentino, titolare di quella indagine), le donne e gli uomini della Polizia di Stato agli ordini della dottoressa Antonietta Malandrino. Ma anche tutti i ragazzi che lavorano con il capitano Enzo Alfano.
Sono vivo grazie a tutti loro, grazie ai “miei” ragazzi che quella mattina, pietrificati, mi fecero forza. Ai tanti colleghi - quelli di Tv2000 e di Articolo Ventuno in primis - che hanno voluto starmi accanto, alla Federazione nazionale della Stampa con il Presidente Beppe Giulietti ed il segretario Raffaele Lorusso. Alla mia famiglia, ai miei amici (Vittorio, Giuseppe, Simona e tanti altri), ed al mio “sorriso”, Luana.
Insieme a tutti voi che non mi abbandonate mai e che siete molto di più di un sostegno “virtuale”.
Per chi non lo avesse fatto, vorrei che leggeste il mio libro “Un morto ogni tanto”, per capire che c’è ancora tanta strada da fare insieme ma che la via è quella giusta.
Vi prego sognate, non arrendetevi ne’ alla paura ne’ a ciò che sembra impossibile. Impossibile è solo ciò che non si tenta di realizzare.
Un anno dopo. Ancora insieme.

Tratto da: articolo21.org

Foto © Imagoeconomica

Le recensioni di AntimafiaDuemila

GOTHA

GOTHA

by Claudio Cordova

Un'inchiesta che affonda le radici nella storia della...

A CASA NOSTRA

A CASA NOSTRA

by Danilo Guerretta, Monica Zornetta

"Parlare di mafia in Veneto? Ma se qui...


MAFIA NIGERIANA

MAFIA NIGERIANA

by Sergio Nazzaro

Nel dicembre 2012, dopo la denuncia di una...

MALAPUGLIA

MALAPUGLIA

edited by Andrea Leccese

Il fenomeno mafioso attecchisce in Puglia con molto...


IL PEGGIO DI ME

IL PEGGIO DI ME

by Ismaele La Vardera

Cosa succede se il candidato sindaco di Matteo...

GASPARE MUTOLO

GASPARE MUTOLO

by Anna Vinci

“Sono un sopravvissuto. Sono la memoria orale della...


LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

La confessione di Giovanni Brusca Il pentito della trattativa...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa