Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Di la tua Parla Si chiamava Giammatteo Sole ed è stato ucciso dalla mafia il 22 marzo 1995

Di la tua | AntimafiaDuemila

Si chiamava Giammatteo Sole ed è stato ucciso dalla mafia il 22 marzo 1995

da robigreco.wordpress.com
È il 22 marzo del 1995. Siamo a Palermo ed è sera. Come al solito, Giammatteo Sole è di ritorno dal lavoro. Mentre si sta dirigendo verso casa, una pattuglia della Polizia lo ferma per un controllo. Giammatteo è tranquillo, sa di non aver fatto nulla ed essere fermato dalla Polizia, per lui, non è un problema. Ma Giammatteo non sa che i due poliziotti indossano divise che non sono le loro. Uno dei due è Gaspare Spatuzza, soprannominato “u Tignusu”, a causa della sua calvizie. È affiliato alla “famiglia” di Brancaccio, guidata dai boss mafiosi, e fratelli, Filippo e Giuseppe Graviano. Giammatteo viene sequestrato e torturato fino alla morte. Ma chi era Giammatteo Sole e perché un killer mafioso dell’importanza di Gaspare Spatuzza lo sequestra, tortura e uccide?

Giammatteo era nato a Palermo il 20 aprile 1971. Geometra, figlio di un ufficiale di riscossione all’Esattoria, Giammatteo è un ragazzo normale. Oltre al lavoro e alla famiglia, ha una compagnia di amici con cui passa il tempo libero. Nel gruppo di amici, oltre a lui, ci sono anche la sorella e Massimo, il fratello. In quella comitiva sbocciò un amore, quello tra la sorella di Giammatteo e Marcello Grado. 23 anni, Marcello è il figlio di Gaetano Grado, uno dei boss “irriducibili” della mafia perdente, oltre che cugino di Totuccio Contorno. Tre settimane prima dell’omicidio di Giammatteo, Marcello Grado viene ucciso. Per ucciderlo i killer non esitarono a sparare alle 9.30 del mattino, tra la folla del mercatino rionale di piazza Palmerino. Nella “seconda guerra di mafia”, in realtà il grande regolamento di conti tra i mafiosi palermitani e quelli corleonesi, spuntò il sospetto che qualcuno stesse ordendo il rapimento dei figli di Totò Riina. La famiglia Grado fu indicata tra quelle che avrebbero partecipato a quel piano. Era questo che Spatuzza voleva sapere da Giammatteo. I corleonesi volevano scoprire se quel giovane conoscesse qualche particolare. “Questo ragazzo non c’entrava niente, niente di niente, un’animella, un ragazzino veramente pane e acqua…” furono le dichiarazioni di Gaspare Spatuzza, collaboratore di giustizia dal 2008. I responsabili dell’omicidio, Leoluca Bagarella, quale mandante e organizzatore, Antonino Mangano, Lo Nigro Cosimo, Gaspare Spatuzza, Nicolò Di Trapani, Giuseppe Guastella e Giusto Di Natale sono stati condannati dalla Corte di assise di Palermo con sentenza n. 1/99.

Lo Stato ha onorato il sacrificio di Gian Matteo quale vittima innocente di mafia, con il riconoscimento concesso a favore dei suoi familiari, costituitisi parte civile nel processo, dal Comitato di solidarietà per le vittime dei reati di tipo mafioso di cui alla legge n. 512/99.

(rg)

Tratto da: robigreco.wordpress.com

Le recensioni di AntimafiaDuemila

GOTHA

GOTHA

by Claudio Cordova

Un'inchiesta che affonda le radici nella storia della...

A CASA NOSTRA

A CASA NOSTRA

by Danilo Guerretta, Monica Zornetta

"Parlare di mafia in Veneto? Ma se qui...


MAFIA NIGERIANA

MAFIA NIGERIANA

by Sergio Nazzaro

Nel dicembre 2012, dopo la denuncia di una...

MALAPUGLIA

MALAPUGLIA

edited by Andrea Leccese

Il fenomeno mafioso attecchisce in Puglia con molto...


IL PEGGIO DI ME

IL PEGGIO DI ME

by Ismaele La Vardera

Cosa succede se il candidato sindaco di Matteo...

GASPARE MUTOLO

GASPARE MUTOLO

by Anna Vinci

“Sono un sopravvissuto. Sono la memoria orale della...


LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

La confessione di Giovanni Brusca Il pentito della trattativa...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa