Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Di la tua Parla Il mistero di Attilio Manca: ''Curò il boss Provenzano, per questo la mafia lo uccise''

Di la tua | AntimafiaDuemila

Il mistero di Attilio Manca: ''Curò il boss Provenzano, per questo la mafia lo uccise''

manca attilio servizio pubblico videodi Francesca Fagnani - Video
“A quindici anni dalla morte dell’urologo siciliano Attilio Manca voglio rivolgere un pensiero sentito ai suoi cari, la cui richiesta di verità abbiamo il compito di ascoltare”.
Il Presidente della Camera dei Deputati, Roberto Fico, ha ricordato così ieri su Twitter il medico trovato morto a Viterbo nel 2004 in circostanze controverse: i magistrati che hanno indagato sul caso hanno concluso, in diverse circostanze, che l’urologo morì a seguito di un’overdose, ma secondo la famiglia Manca fu ucciso dalla mafia per il ruolo giocato nell’operazione alla prostata a cui venne sottoposto l’allora boss latitante Bernardo Provenzano a Marsiglia nel 2003.

Manca: “suicidio di mafia?”
La morte di Attilio Manca fu un “suicidio di mafia”? Il giovane urologo siciliano che avrebbe curato Bernardo Provenzano durante la latitanza nel 2003 è stato trovato morto il 12 febbraio 2004 nella sua casa di Viterbo. Il caso è stato archiviato come un’overdose, ma le immagini del rinvenimento del corpo sembrano raccontare un’altra verità. Le testimonianze dei cittadini barcellonesi che conoscevano il giovane medico. E il dolore della mamma che continua la sua battaglia per scoprire cosa sia realmente successo a suo figlio.

La prima parte dell’inchiesta
Il reportage di Francesca Fagnani in esclusiva per Servizio Pubblico. Nella prima parte dell’inchiesta siamo a Barcellona Pozzo di Gotto. Qui il boss Bernardo Provenzano si sarebbe rifugiato nel convento di Sant’Antonino e qui avrebbe ricevuto la prima visita medica del giovane urologo.

La morte di Attilio Manca
La seconda parte dell’inchiesta. Le parole dell’avvocato della famiglia Manca, Antonio Ingroia. “Quella scena trovata dagli inquirenti quando entrano a casa di Attilio Manca non è la scena di una morte come sembra. Ma è una messa in scena. Cioè è stata costruita un’apparente causa dovuta alla cosiddetta overdose volontaria. A cominciare dall’assurdità del buco fatto sul braccio sinistro da un mancino. E poi abbiamo l’assenza di impronte sulle siringhe”.
(13 gennaio 2016)

Tratto da: michelesantoro.it

Le recensioni di AntimafiaDuemila

GOTHA

GOTHA

by Claudio Cordova

Un'inchiesta che affonda le radici nella storia della...

A CASA NOSTRA

A CASA NOSTRA

by Danilo Guerretta, Monica Zornetta

"Parlare di mafia in Veneto? Ma se qui...


MAFIA NIGERIANA

MAFIA NIGERIANA

by Sergio Nazzaro

Nel dicembre 2012, dopo la denuncia di una...

MALAPUGLIA

MALAPUGLIA

edited by Andrea Leccese

Il fenomeno mafioso attecchisce in Puglia con molto...


IL PEGGIO DI ME

IL PEGGIO DI ME

by Ismaele La Vardera

Cosa succede se il candidato sindaco di Matteo...

GASPARE MUTOLO

GASPARE MUTOLO

by Anna Vinci

“Sono un sopravvissuto. Sono la memoria orale della...


LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

La confessione di Giovanni Brusca Il pentito della trattativa...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa