Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Di la tua Parla Caro lavoratore della RWM ti scrivo

Di la tua | AntimafiaDuemila

Caro lavoratore della RWM ti scrivo

missili domusnovasda margheritafurlan.com
(Ricevo e pubblico senza commento una lettera non firmata proveniente dalla Sardegna)

Ti scrivo perché non ho modo di parlarti guardandoti negli occhi, non c’è l’occasione, voglio rispondere alla tua lettera aperta. Lo faccio da essere umano a essere umano, senza premesse politiche o religiose, lo faccio perché credo che non abbiamo più tempo né io né te e neppure i nostri figli.
Tutti e due sappiamo molto bene che il tuo lavoro porta conseguenze drammatiche, è inutile negarlo. Puoi scriverlo quante volte vuoi, che il frutto del tuo lavoro contribuisce alla sicurezza del tuo paese, ma io e te sappiamo benissimo che non ci credi. Io credo che quando torni a casa dai tuoi cari, quando vai a dormire, qualcosa dentro di te fa male, qualcosa come una falce che non smette di girare e di tagliare. Tu sai molto bene che il tuo lavoro porta morte e distruzione e sei anche consapevole che oltre a uccidere uomini, donne e bambini a migliaia di km da qui, porterà dolore e sofferenza a te e a i tuoi cari. E’ inutile che fai finta di niente (tutti fanno finta di niente), ma questa fabbrica di armi è un generatore di cancro, di leucemie di tante altre patologie, che già ora colpiscono i lavoratori al suo interno e i cittadini all’esterno. Malgrado questo difendi il tuo posto di lavoro e magari cercherai di lasciarlo a tuo figlio. Ecco, semplicemente per la legge universale della reciprocità, come a te non interessano le conseguenze del tuo lavoro, a me in nome della mia sicurezza e di quella dei miei cari, non interessa che tu perda questo lavoro. Tu hai diritto al lavoro come tutti, ma io come tutti ho il diritto alla mia sicurezza, ho il diritto di non ammalarmi per colpa tua e della RWM. Non mi piace lottare per far perdere il posto di lavoro a qualcuno, ma credo che sia necessario. Anche nei campi di sterminio a un certo punto chi ci lavorava ha perso il suo posto di lavoro; anche nelle fabbriche di eternit quando si è capita la verità, i lavoratori hanno perso il posto di lavoro; anche a Chernobyl chi lavorava nella centrale ha perso il suo lavoro; o a Seveso… Ecco sappi, che anche tu lo perderai, perché quello che fai è sbagliato al pari dell’industria della droga. Ti prego di non fraintendermi, io spero che tu perda il lavoro alla RWM, ma che ne trovi subito un altro, un lavoro che ti permetta di tornare a casa da tuo figlio e di guardarlo negli occhi senza vergogna, un lavoro che contribuisca alla crescita della Sardegna (e non alla sua distruzione), un lavoro che non generi malati di cancro. Questa terra, la mia terra, la tua terra merita qualcosa di meglio che un polo industriale di armi! La Sardegna è una terra meravigliosa, per me la più bella del mondo! Io non ti permetterò di continuare a fare quello che fai. Io non devo essere costretto ad andarmene dalla mia terra, piuttosto te ne vai tu e la RWM. Su questo non ho dubbi, è ora che come sardo ti ribelli a tutti gli ignobili ricatti sul lavoro, specialmente nel Sulcis. Io non so se la tua fabbrica possa essere riconvertita, ma so che la produzione di bombe deve essere fermata sia perché causa di migliaia di morti nelle guerre, sia perché è un pericolo per me e per la mia famiglia. Dillo ai dirigenti della RWM, digli che questa è la Sardegna ed è abitata dai sardi, e che se qualcuno deve andare via sono loro, non noi, e digli anche di mettersi il cuore in pace, perché io non mi fermerò. Forse un giorno tu e i tuoi colleghi darete le dimissioni dalla RWM, forse arriverà un momento che nessuno vorrà più lavorare in questa fabbrica; quel giorno la dirigenza della RWM si renderà conto che un Popolo Caparbio e Fiero non ha chinato la testa. Proveranno a fare le bombe da un altra parte, ma anche lì ci saranno persone che lotteranno per la loro terra e per i loro figli, non saranno soli perché ci saremo anche noi ad aiutarli.

Un cittadino sardo

Tratto da: margheritafurlan.com

Le recensioni di AntimafiaDuemila

GOTHA

GOTHA

by Claudio Cordova

Un'inchiesta che affonda le radici nella storia della...

A CASA NOSTRA

A CASA NOSTRA

by Danilo Guerretta, Monica Zornetta

"Parlare di mafia in Veneto? Ma se qui...


MAFIA NIGERIANA

MAFIA NIGERIANA

by Sergio Nazzaro

Nel dicembre 2012, dopo la denuncia di una...

MALAPUGLIA

MALAPUGLIA

edited by Andrea Leccese

Il fenomeno mafioso attecchisce in Puglia con molto...


IL PEGGIO DI ME

IL PEGGIO DI ME

by Ismaele La Vardera

Cosa succede se il candidato sindaco di Matteo...

GASPARE MUTOLO

GASPARE MUTOLO

by Anna Vinci

“Sono un sopravvissuto. Sono la memoria orale della...


LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

La confessione di Giovanni Brusca Il pentito della trattativa...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa