Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Di la tua Parla ''In tanti a Bitritto. Perché siamo tutti Paolo Borrometi''

Di la tua | AntimafiaDuemila

''In tanti a Bitritto. Perché siamo tutti Paolo Borrometi''

borrometi paolo scorta c imagoeconomicadi Savino Percocco
“Picca nai”, un testo siciliano che tradotto indica “ti rimane poco” è l’ennesimo messaggio intimidatorio indirizzato a Paolo Borrometi.
Questa mattina, presso la portineria della sede romana di TV 2000 dove il giornalista collabora, è stata recapitata una busta anonima che conteneva la minaccia scritturata attraverso ritagli di lettere attorniate da tre chiodi.
Gli elementi sono ora nelle mani degli inquirenti che hanno subito avviato le indagini del caso.
A Paolo che da 5 anni vive sotto il programma di protezione, va la nostra immensa solidarietà per lo squallido accaduto che incrementa ulteriormente i suoi disagi.
Il suo determinante coraggio di denuncia che ben evidenzia nei suoi scritti è un esempio per tutti quegli uomini che hanno scelto di adempiere questa professione nel suo reale senso lato d’informazione.
Tanti sono gli episodi che si sono scontrati contro le “bellezza” di Borrometi, tra cui la sventata autobomba, la violenta aggressione fisica, il doloso incendio all’ingresso della sua abitazione, ma non si è mai arreso e non lo farà neanche adesso.
Certo che attraverso il suo sorriso splendente e la sua dolcezza contagiosa continuerà a resistere e lottare, nella consapevolezza che sarà sempre meno solo, perché io, Agende Rosse, ANTIMAFIADuemila e la società civile siamo Paolo Borrometi.
L’imprevisto ha impedito il regolare svolgimento dell’evento previsto questa sera Bitritto per la presentazione del libro “Un morto ogni tanto”, ma ciò nonostante tantissima gente si è recata presso la location del Castello comunale, segno che l’amore nei suoi riguardi e immenso.
L’episodio non ci fermerà e ulteriormente saremo in campo al fianco di Paolo pronti a farci sentire e urlare al mondo che “la mafia è una montagna di merda”.

Foto © Imagoeconomica

ARTICOLI CORRELATI

''Picca nai'', nuova intimidazione a Paolo Borrometi

Le recensioni di AntimafiaDuemila

GOTHA

GOTHA

by Claudio Cordova

Un'inchiesta che affonda le radici nella storia della...

A CASA NOSTRA

A CASA NOSTRA

by Danilo Guerretta, Monica Zornetta

"Parlare di mafia in Veneto? Ma se qui...


MAFIA NIGERIANA

MAFIA NIGERIANA

by Sergio Nazzaro

Nel dicembre 2012, dopo la denuncia di una...

MALAPUGLIA

MALAPUGLIA

edited by Andrea Leccese

Il fenomeno mafioso attecchisce in Puglia con molto...


IL PEGGIO DI ME

IL PEGGIO DI ME

by Ismaele La Vardera

Cosa succede se il candidato sindaco di Matteo...

GASPARE MUTOLO

GASPARE MUTOLO

by Anna Vinci

“Sono un sopravvissuto. Sono la memoria orale della...


LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

La confessione di Giovanni Brusca Il pentito della trattativa...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa