Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Di la tua Parla Tra i mafiosi non esiste l'amicizia

Di la tua | AntimafiaDuemila

Tra i mafiosi non esiste l'amicizia

mafia padrino coppola brandodi Pippo Giordano
Quand'ero ragazzo guardavo silente il mondo dei mafiosi. Il mio primo incontro inconsapevole con un mafioso fu allorquando all'età di 5/6 anni vidi mio padre togliersi la coppola e chinandosi prese la mano di un uomo baciandola: “servo suo sono!”. Disse. Rimasi colpito da quel gesto. Poi crescendo capii da solo chi erano i mafiosi. Ma non potevo chiedere e non potevo più “guardare”, ormai ero divenuto adulto. Frequentai le loro abitazioni e le loro aziende ma sempre con passi felpati e roboanti silenzi. Intanto, la mafia sparava e uccideva non solo i sodali, anche uomini delle istituzioni. Poliziotti, carabinieri e magistrati. Noi giovani, allora, non potevamo parlare di mafia e nemmeno avere lo sguardo “pizzutu”, ossia indagatore. L'obbligatorietà di uno sguardo assente era la norma, una specie di polizza per la vita. E già a quei tempi dedussi che tra gli uomini d'onore non poteva esserci amicizia. Poi nel diventare poliziotto, la mia deduzione divenne certezza. Acclarai sul campo, che l'amicizia in Cosa nostra altro non era che una dolce chimera. I cosiddetti uomini d'onore si nutrivano del sangue di coloro che pomposamente definivano amici. A loro interessavano i piccioli non disgiunti dal potere. Altro che amicizia. La decisione di uccidere, sormontava qualsivoglia teoria amicale. E nemmeno l'assassinio del supposto amico, divenuto nel frattempo nemico da abbattere, bastava a chetare la sete di vendetta. L'amicizia tra i mafiosi, decantata con platealità intrinseca in Cosa nostra, svaniva e gli spari mettevano fine alla supposta amicizia. Sovente, l'epilogo funesto non si fermava con la morte del vecchio “amico” ma andava a colpire oltre con l'intento di disprezzare il morituro. Non vi è alcun dubbio che l'ascesa dei corleonesi di Totò Riina, ruppe quei comportamenti arcaici che da illo tempore regolava la mafia siciliana, che seppure foriera di violenza non s'era mai spinta in modo diffuso al barbaro metodo della vendetta trasversale. Prendiamo il caso del killer più potente della mafia siciliana, Scarpuzzedda. Questi, a un certo punto iniziò a ribellarsi allo strapotere di Riina: seppure invitato si rifiutava di andare a trovare Riina. Scarpuzzedda, fu assassinato con un colpo alla nuca da un presunto amico, proprio mentre stava preparandogli un caffè. Morto Scarpuzzedda, un killer “amico” sparò alla sua donna, ferendola gravemente (il killer mi raccontò la dinamica). Conobbi la donna di Scarpuzzedda, prima del ferimento. Io e la mia squadra l'arrestammo per una questione di droga e che allora non sapevamo che fosse la donna del numero uno dei killer ricercati. Era una delle più belle donne di Palermo. Quella donna, nel corso della traduzione in carcere, con i suoi silenzi ci fece “capire” tante cose: Scarpuzzedda era ancora in vita. Ho raccontato questo episodio, per far comprendere che l'amicizia in Cosa nostra non è mai esistita e mai esisterà.

Tratto da: facebook.com/jordanpippo/posts/2478053235554847

Le recensioni di AntimafiaDuemila

NUDDU

NUDDU

by Pietro Orsatti

Un’inchiesta giornalistica senza apparente via di uscita e...

IL PADRINO DELL'ANTIMAFIA

IL PADRINO DELL'ANTIMAFIA

by Attilio Bolzoni

Un siciliano che è “nel cuore” di un...


FIGLI DEI BOSS

FIGLI DEI BOSS

by Dario Cirrincione

Questo è un libro di storie e di...

IL CASO MOBY PRINCE

IL CASO MOBY PRINCE

by Gabriele Bardazza, Francesco Sanna

Per la prima volta in un libro, i...


AMEN

AMEN

by Antonio Ferrari

L’attentato a Giovanni Paolo II e i molti...

LE ULTIME PAROLE DI FALCONE E BORSELLINO

LE ULTIME PAROLE DI FALCONE E BORSELLINO

by Antonella Mascali

Questo libro raccoglie i principali interventi, le interviste,...


HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

Il pentito della trattativa e il potente PrincipeI...

LA MAFIA DEI PASCOLI

LA MAFIA DEI PASCOLI

by Nuccio Anselmo, Giuseppe Antoci

Milioni di euro guadagnati per anni in silenzio...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa