Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Di la tua Parla L'aggiunto Sebastiano Ardita a Catania: un trasferimento inspiegabile

Di la tua | AntimafiaDuemila

L'aggiunto Sebastiano Ardita a Catania: un trasferimento inspiegabile

ardita sebastiano web1da articolotre.com
Biagio ti dico che a Messina non si può fare più niente…è saltato praticamente il… sono un pugno di pazzi scatenati…sono pericolosissimi”. Così l’avvocato Andrea Lo Castro, accusato di concorso esterno in associazione mafiosa, si sfogava con il geometra Biagio Grasso, riferendosi alla “pericolosità” del magistrato Sebastiano Ardita (in foto), che ha fatto saltare il banco del Consorzio Autostrade Siciliane. Un pm che ha procurato non poche noie ai centri di potere messinesi, Ardita ha indagato su quel filo che separa la cosa pubblica dalla mafia e dal potere politico. E puntuale è arrivata la notizia della proposta unanime del Consiglio Superiore della Magistratura: Sebastiano Ardita trasferito da Messina a Catania, neppure una promozione, ma un trasferimento orizzontale. Ed allora perchè non ricordare quanto lavoro è stato fatto a Messina, a cominciare da quei filoni d’indagine sui “Corsi d’oro”, che hanno messo a soqquadro il mondo della formazione professionale in Sicilia, coinvolgendo la galassia politico-familiare dell’on. Francantonio Genovese. Perchè non sottolineare che la permanenza dell’aggiunto Ardita sullo Stretto è ancora necessaria considerando il suo essere riferimento anche per i colleghi della procura peloritana in alcune inchieste-chiave per la storia della città: dai rapporti tra ateneo e mafia alla gestione dei rifiuti con Messinambiente, dalla Matassa sulla compravendita di voti, all’operazione “Beta” che ha aperto una finestra su un panorama ancora non del tutto esplorato.

Tratto da: articolotre.com

Le recensioni di AntimafiaDuemila

IN NOME DEL FIGLIO

IN NOME DEL FIGLIO

by Jole Garuti

Il 6 agosto 1985 la mafia uccise a...

LA VERITÀ SUL PROCESSO ANDREOTTI

LA VERITÀ SUL PROCESSO ANDREOTTI

by Gian Carlo Caselli, Guido Lo Forte

Giulio Andreotti è stato assolto dall’accusa di associazione...


IL LINGUAGGIO MAFIOSO

IL LINGUAGGIO MAFIOSO

by Giuseppe Paternostro

In che modo un'associazione che ha fatto del...

MORTE DEI PASCHI

MORTE DEI PASCHI

by Franco Fracassi, Elio Lannutti

La vicenda che ruota intorno al Monte dei...


FIUMI D'ORO

FIUMI D'ORO

by Nicola Gratteri, Antonio Nicaso

10 luglio 1973: viene rapito a Roma John...

IL CASO DAVID ROSSI

IL CASO DAVID ROSSI

by Davide Vecchi

Le ultime ore di vita di David RossiLa...


UNO SBIRRO NON LO SALVA NESSUNO

UNO SBIRRO NON LO SALVA NESSUNO

by Giacomo Cacciatore

Questo libro racconta la vera storia della scomparsa...

CARLO ALBERTO DALLA CHIESA. UN PAPÀ CON GLI ALAMARI

CARLO ALBERTO DALLA CHIESA. UN PAPÀ CON GLI ALAMARI

by Simona dalla Chiesa

"Un papà con gli alamari" non è una...


Libri in primo piano

collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI

Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia



quarantanni-di-mafia-agg
Saverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinita
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa


il ritorno del principe homeSaverio Lodato
Roberto Scarpinato


IL RITORNO DEL PRINCIPE
La criminalità dei potenti
in Italia



ho ucciso giovanni falcone homeSaverio Lodato

HO UCCISO
GIOVANNI FALCONE

La confessione
di Giovanni Brusca