Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Di la tua Parla Quale giustizia per Saverio Masi e Salvatore Fiducia?

Di la tua | AntimafiaDuemila

Quale giustizia per Saverio Masi e Salvatore Fiducia?

aula tribunale 610di Manfredo Gennaro - Audio
Questa mattina si terrà l'udienza preliminare in camera di consiglio che dovrà decidere sulla richiesta di rinvio a giudizio per calunnia e diffamazione nei confronti di Saverio Masi e Salvatore Fiducia.
L'incredibile imputazione coatta per Masi e Fiducia fu ordinata lo scorso 6 aprile dal Gip di Palermo Vittorio Alcamo, poi promosso ad altro incarico, con la stessa ordinanza con cui archiviava a le coraggiose denunce presentate nel 2013 dei due Carabinieri nei confronti dei loro superiori.
Ordinanza che dal punto di vista sostanziale non può non indurre a porci forti interrogativi, posto che non riconosceva a Masi e Fiducia i presupposti di soggettività giuridica per fare opposizione alla richiesta di archiviazione e per chiedere ulteriori indagini, e pertanto non prendeva in considerazione quanto esposto dal loro legale Giorgio Carta durante le precedenti udienze camerali svoltesi nel marzo 2017; riportava inoltre, speriamo solo per mera svista, fatti sostanzialmente non rispondenti al vero in merito alla circostanza che la nota multa che ha portato nel 2015 all'incredibile condanna a 6 mesi di Saverio Masi per falso ideologico sarebbe stata irrogata ad un'amica alla guida del suo veicolo privato e non a Saverio Masi stesso, come è processualmente dimostrato avvenne.
Va ricordato che la Procura di Palermo, pur richiedendo l'archiviazione, aveva escluso per Masi e Fiducia la sussistenza del reato di calunnia non rinvenendo nelle loro accuse l'elemento soggettivo del reato, ed anzi aveva riscontrato parzialmente un episodio riferito, già prescritto, riferito al mancato sequestro di un computer durante la perquisizione a casa dell'ex consigliere provinciale Udc Giovanni Tomasino, acquisendo inoltre l'importante testimonianza del Gen. Nicolò Gebbia.
Ma il dato più importante che è emerso dalle recenti udienze dello scorso 18 e 19 luglio del processo romano di fronte al Tribunale Militare (Presidente Antonio Lepore) che ha visto assolto in prima istanza di giudizio il Gen. Sottili dall'accusa di diffamazione benché avesse definito pubblicamente Saverio Masi una «scoria» - attendiamo di conoscere con quale motivazione logica - ben 7 tetimoni, colleghi carabinieri privi di incarichi penali, riscontrano in modo rilevante il quadro descritto da Saverio Masi.
Sarebbe una beffa verso la Giustizia e verso noi cittadini che ora Masi e Fiducia, dopo il coraggio e il rigore etico dimostrato nel denunciare a costo di sacrifici altissimi ed in modo trasparente quanto a loro conoscenza sugli ostacoli istituzionali posti alle attività per la cattura dei super-latitanti di Stato - scenario logicamente correlato alla trattativa Stato-mafia - si trovassero ad affrontare l'ennesimo processo "punitivo", in spregio alla giustizia e alla verità, nel silenzio "colpevole" di un'informazione ormai quasi completamente addomesticata e di gran parte dei movimenti antimafia.
Per questi motivi mi appello a tutti i cittadini affinché si ponga al centro dell'attenzione quanto di grave sta accadendo e potrebbe accadere, a partire dall'udienza del 4 ottobre; e a rompere l'isolamento e il silenzio con la solidarietà che il coraggio e il rigore di Masi e Fiducia meritano e il nostro diritto di cittadini di conoscere la verità su questi anni esige, chiedendo invece che si persegua chi non ricorda o chi si è macchiato di omissioni invece di chi ha ricordato e lo ha denunciato alla magistratura.
Nel video allegato riproponiamo l'audio degli esami di Salvatore Fiducia e degli altri colleghi di Saverio Masi svoltisi lo scorso 18 luglio presso il Tribunale Militare, invitando a notare la volontà di andare a fondo dei fatti e di accertare la verità da parte della Magistratura Militare evidenziatasi in quel frangente, anche allora nel silenzio assordante ed indecente dell'informazione.

Ascolta l'audio



Tratto da: facebook.com/manfredo.gennaro

ARTICOLI CORRELATI

Masi-Ciancimino, i destini incrociati di due processi

Processo Masi, Sottili ammette l'esistenza di indagini su Provenzano

Ricerca della verità e libertà di stampa a processo

Le recensioni di AntimafiaDuemila

MORTE DEI PASCHI

MORTE DEI PASCHI

by Franco Fracassi, Elio Lannutti

La vicenda che ruota intorno al Monte dei...

FIUMI D'ORO

FIUMI D'ORO

by Nicola Gratteri, Antonio Nicaso

10 luglio 1973: viene rapito a Roma John...


IL CASO DAVID ROSSI

IL CASO DAVID ROSSI

by Davide Vecchi

Le ultime ore di vita di David RossiLa...

UNO SBIRRO NON LO SALVA NESSUNO

UNO SBIRRO NON LO SALVA NESSUNO

by Giacomo Cacciatore

Questo libro racconta la vera storia della scomparsa...


CARLO ALBERTO DALLA CHIESA. UN PAPÀ CON GLI ALAMARI

CARLO ALBERTO DALLA CHIESA. UN PAPÀ CON GLI ALAMARI

by Simona dalla Chiesa

"Un papà con gli alamari" non è una...

DALLA CHIESA

DALLA CHIESA

by Andrea Galli

Giovanissimo incursore durante la Seconda guerra mondiale, dopo...


UNA STRAGE SEMPLICE

UNA STRAGE SEMPLICE

by Nando dalla Chiesa

Capaci. E la sua continuazione, via D'Amelio. Una...

LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...


Libri in primo piano

collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI

Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia



quarantanni-di-mafia-agg
Saverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinita
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa


il ritorno del principe homeSaverio Lodato
Roberto Scarpinato


IL RITORNO DEL PRINCIPE
La criminalità dei potenti
in Italia



ho ucciso giovanni falcone homeSaverio Lodato

HO UCCISO
GIOVANNI FALCONE

La confessione
di Giovanni Brusca