Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Di la tua Parla "Quel terribile '92" Aaron Pettinari a Quattro Castella. Storia e legalità

Di la tua | AntimafiaDuemila

"Quel terribile '92" Aaron Pettinari a Quattro Castella. Storia e legalità

pettinari aaron librodi Marga Maria Venturi*
A Reggio Emilia il processo Aemilia ha portato e porta una ventata storica di concretezza e di drammaticità. Il benessere dell’Emilia ha reso, noi emiliani, ciechi e sordi. Si è intessuta nel nostro territorio, una matassa di criminalità organizzata. Senza eguali. Basta partecipare a un’udienza del Processo e si esce con la consapevolezza di vivere una realtà schizofrenica. Noi, la comodità, il lavoro, le nostre abitudini… Ma la terra che calpestiamo si è trasformata. Il substrato su cui viviamo oggi è allarmante. Conviviamo con una ragnatela silente ma spessa di personaggi criminosi, che hanno trovato casa, ville, alleanze. Chi si allea con questi personaggi una volta, è facile che non ne esca più: può averlo fatto per necessità economiche, per ingenuità, per fiducia addirittura. Ma ci vorranno coraggio, determinazione e anche rischio per uscirne. Ricatti, violenze fisiche, minacce di morte imbrigliano ogni rapporto, ogni movimento minimo di libertà. I testimoni (quelli non fuggiti in America e altrove) ce lo raccontano: è una rete di ferro quella ragnatela, che può entrare nei visceri.
I collaboratori di giustizia narrano di fatti crudeli, di delitti innumerevoli prima di decidere di collaborare. A Reggio e nelle città e regioni vicine i nomi che corrono sono sempre gli stessi, si aggiunge un qualche uomo del posto. Il tema centrale e assoluto sono I SOLDI. Sempre più soldi; soldi all’infinito. E quando le amministrazioni pubbliche vengono investite di richieste di favori, concessioni edilizie, cene facilitatrici sarebbe meglio se ne accorgessero perché sennò…
Le istituzioni locali fanno parte del disastro che qui, in 40-50 anni di infiltrazione silente, si è attuato. A Reggio abbiamo esempi eclatanti: l’intreccio tra amministrazione pubblica e cosca, ha azzerato la fiducia nei cittadini brescellesi: azzerare la fiducia è far morire La paura arriva a dominare ogni azione quotidiana. Sulle potenzialità naturali della persona, viene messo un mattone, un bel mattone pesante! E con questo mattone si vivrà e si cresceranno nuove vite non pronte alla ribellione a questo stato di cose. A Quattro Castella non è successo. Il Sindaco ha compiuto un atto chiaro, un diniego chiaro ed esplicito a una richiesta di donazione proveniente da persone con frequentazioni vicine alla cosca Grande Aracri. Il processo Aemilia sta lavorando per la Verità di quella vicinanza. Come Movimento Agende Rosse di Reggio Emilia abbia colto e stimato questo Sindaco per l’ossigeno che il suo gesto ha procurato in noi e in tutti i cittadini del comune e della Provincia. Sentiamo come questo gesto può diventare un gesto universale dell’Istituzione pubblica. E’ un gesto che toglie lamentosità e sfiducia e spinge verso la Verità e la partecipazione di ognuna e ognuno. Al Bene Comune, all’unirsi. Al lavorare insieme.
Ed è per questo che noi saremo con Aaron Pettinari, il 15 giugno, a Quattro Castella. Abbiamo scelto il suo libro “Quel terribile ‘92” perché incarna il percorso e la complessità sofferta… Non siamo arrivati qui oggi, ci siamo arrivati prima di ieri. Perchè? Cosa è successo? Le stragi di Via D’Amelio e di Capaci, dove sono maturate? Quale gioco terribile e crudele Giovanni Falcone e Paolo Borsellino hanno tentato di rompere? Gli avvenimenti accaduti nel mondo, di cui queste 25 voci ci parlano, fanno riflettere. Fenomeni straordinari come Tangentopoli ci hanno ridato uno squarcio di sereno, ma poi è tornato il buio. Perché? E’ un diritto provare a capire e sapere. Porta consapevolezza e non resa. Aaron Pettinari ci apre alla riflessione sulle piccole cose e sulle grandi manipolazioni. Non dimenticando che basta un gesto, un NO, per rinascere e ricominciare a vivere.

*per il Movimento Agende Rosse Rita Atria Reggio Emilia e Provincia.

Le recensioni di AntimafiaDuemila

L'ILLEGALITA' PROTETTA

L'ILLEGALITA' PROTETTA

by Rocco Chinnici

Uno per uno ci scelse: noi magistrati che...

PAOLO BORSELLINO - L'UOMO GIUSTO

PAOLO BORSELLINO - L'UOMO GIUSTO

by Alessandra Turrisi

A 25 anni dalla morte (19 luglio 1992),...


GIOVANNI FALCONE E PAOLO BORSELLINO

GIOVANNI FALCONE E PAOLO BORSELLINO

by Carlo Sarzana di Sant'Ippolito

Ancora oggi, i misteri fondamentali che gravano sulle...

NOI, GLI UOMINI DI FALCONE

NOI, GLI UOMINI DI FALCONE

by Angiolo Pellegrini

Palermo, gennaio 1981. Quando il capitano Angiolo Pellegrini...


L'ASSEDIO

L'ASSEDIO

by Giovanni Bianconi

Tragico e coinvolgente, "L'assedio" ci riporta a uno...

QUEL TERRIBILE ’92

QUEL TERRIBILE ’92

edited by Aaron Pettinari

Di tutti gli anni della nostra storia recente,...


STATO DI ABBANDONO

STATO DI ABBANDONO

by Riccardo Tessarini

L’opera è narrata in prima persona ed è...

GIUSTIZIALISTI

GIUSTIZIALISTI

by Sebastiano Ardita, Piercamillo Davigo

«Noi con le nostre forze di Polizia li...


Libri in primo piano

collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI

Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano a trattare con la mafia


quarantanni-di-mafia-agg

Saverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinita
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa


apalermo-homeLuciano Mirone

A PALERMO PER MORIRE
I cento giorni che condannarono
il generale Dalla Chiesa




la-mafia-non-lascia-tempo-homeGaspare Mutolo con Anna Vinci

LA MAFIA NON LASCIA TEMPO
Vivere, uccidere, morire, dentro a Cosa Nostra. Il braccio destro di Totò Riina si racconta