Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Di la tua Parla Il Parlamento come l'Ucciardone: baci e abbracci

Di la tua | AntimafiaDuemila

Il Parlamento come l'Ucciardone: baci e abbracci

minzolini augusto c ansadi Gianfri
Una riforma sicuramente si è attuata, forse sarebbe meglio definirla colpo di Stato: la diseguaglianza dei cittadini di fronte alla legge. La Camera salva il senatore forzista e pregiudicato Augusto Minzolini, condannato in via definitiva a 2 anni e sei mesi di carcere per peculato. Spese personali, alberghi e ristoranti di lusso, pagate con la carta di credito della Rai. Tutto in barba alla legge Severino, la quale prevede che tutti i parlamentari condannati a più di due anni di reclusione decadano automaticamente dalla carica, senza margine di discrezionalità.

Dunque, il buon Minzolini, alla faccia delle dimissioni ampiamente sbandierate, finirà la legislatura. Ancora una volta l’universo parlamentare, destra, centro e sinistra, saldamente unito contro tutto quello che potrebbe rappresentare non oso dire l’etica, ma anche solo la legge. Ecco, questa è la mafiosità, il messaggio mafioso, un gesto di prepotenza: non azzardate a toccarci, anche se siamo indifendibili, restiamo inattaccabili. Il tutto in un tripudio di baci e abbracci trasversali. Non è solo più casta,questa è appunto mentalità mafiosa, i politici potenziali delinquenti non possono e non devono essere indagati e inquisiti. Ed è sempre peggio: se prima si invocava la presunzione di innocenza fino all’ultimo gradi di giudizio, adesso si salva un condannato in via definitiva.

Il tutto tra vergognose scene di giubilo. Un quadro che prepotentemente mi riporta alle 19 di sabato 23 maggio 1992: carcere dell’Ucciardone. Un fragoroso applauso sottolinea la notizia che il giudice Giovanni Falcone è morto, insieme alla moglie Francesca e a tre uomini della scorta, a seguito dell’attentato dinamitardo di Capaci. Quasi tutte le sezioni festeggiano la morte del magistrato. Anche qui baci, abbracci e brindisi, le scorte di champagne e vino si esauriscono. La direzione del carcere osserva e accampa scuse inaccettabili “Non potevamo tappargli la bocca. Pochi gli astenuti ai macabri brindisi “In onore di Falcone”, il nemico numero uno di Cosa Nostra, l’uomo che aveva spedito in carcere centinaia di loro. Ma questo è solo un episodio, uno degli esempi di ciò che accadeva quando venivano eliminati uomini delle Istituzioni sgraditi a Cosa Nostra e non solo: baci e abbracci.

Tratto da: articolotre.com

Foto © Ansa

Le recensioni di AntimafiaDuemila

L'ILLEGALITA' PROTETTA

L'ILLEGALITA' PROTETTA

by Rocco Chinnici

Uno per uno ci scelse: noi magistrati che...

PAOLO BORSELLINO - L'UOMO GIUSTO

PAOLO BORSELLINO - L'UOMO GIUSTO

by Alessandra Turrisi

A 25 anni dalla morte (19 luglio 1992),...


GIOVANNI FALCONE E PAOLO BORSELLINO

GIOVANNI FALCONE E PAOLO BORSELLINO

by Carlo Sarzana di Sant'Ippolito

Ancora oggi, i misteri fondamentali che gravano sulle...

NOI, GLI UOMINI DI FALCONE

NOI, GLI UOMINI DI FALCONE

by Angiolo Pellegrini

Palermo, gennaio 1981. Quando il capitano Angiolo Pellegrini...


L'ASSEDIO

L'ASSEDIO

by Giovanni Bianconi

Tragico e coinvolgente, "L'assedio" ci riporta a uno...

QUEL TERRIBILE ’92

QUEL TERRIBILE ’92

edited by Aaron Pettinari

Di tutti gli anni della nostra storia recente,...


STATO DI ABBANDONO

STATO DI ABBANDONO

by Riccardo Tessarini

L’opera è narrata in prima persona ed è...

GIUSTIZIALISTI

GIUSTIZIALISTI

by Sebastiano Ardita, Piercamillo Davigo

«Noi con le nostre forze di Polizia li...


Libri in primo piano

collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI

Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano a trattare con la mafia


quarantanni-di-mafia-agg

Saverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinita
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa


apalermo-homeLuciano Mirone

A PALERMO PER MORIRE
I cento giorni che condannarono
il generale Dalla Chiesa




la-mafia-non-lascia-tempo-homeGaspare Mutolo con Anna Vinci

LA MAFIA NON LASCIA TEMPO
Vivere, uccidere, morire, dentro a Cosa Nostra. Il braccio destro di Totò Riina si racconta