Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Di la tua Parla Orgoglioso di far parte della Famiglia di Articolo21

Di la tua | AntimafiaDuemila

Orgoglioso di far parte della Famiglia di Articolo21

borrometi e codi Paolo Borrometi
Federico Orlando, Roberto Morrione, Santo Della Volpe e Franco Giustolisi. Onorato dell’importante delega che gli amici di Articolo21 mi hanno voluto proporre, in quel momento ho pensato a loro: colleghi straordinari che, da dentro o dal di fuori, della nostra importante Associazione, si sono distinti per la professionalità ma, soprattutto, per il rigore e l’etica morale. Ed ancora: Giovanni Spampinato, mio “faro” in una terra “babba”, la nostra amata ma disgraziata Sicilia.

Sin da subito, ascoltata la proposta, l’onore ha lasciato il posto al senso di responsabilità ed alla voglia di voler mettere in pratica il concetto di squadra. Sì, fare squadra, una straordinaria opportunità che, grazie alla famiglia di Articolo21, ho avuto modo di comprendere. Ho partecipato ad incontri, sit-in, riunioni, tutte, con un unico obiettivo: conoscersi, confrontarsi, condividere ideali e lottare per il rispetto dei diritti. Propri o altrui, poco cambia. Così come pochi momenti dopo aver appreso l’onore dell’onorificenza conferitami dal Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, anche oggi ho una forte convinzione: non è un riconoscimento a Paolo Borrometi (in capo a me ci sarà solo la responsabilità del lavoro!), ma una testimonianza di quanto importante sia fare “squadra”, tutti insieme. Nessun giornalista sotto tiro, che rischia la vita, in periferie non “illuminate”, va isolato o emarginato. Nessun collega dovrà vedersi brutalmente calpestati i propri diritti. E noi abbiamo l’obbligo morale di raccontarle queste storie, affinché nessuno possa – un giorno – accampare la scusante del “io non sapevo”.

E’ per tale ragione che penso alle associazioni con cui fare “rete”: da Libera (con Libera Informazione, in primis) all’indispensabile “Ossigeno per l’informazione”, fino alle istituzioni “Fnsi” ed Usigrai, non tralasciando il mondo dei movimenti “No bavaglio”, “Emergency”, Reporter sans frontières.
In questo momento di grande complessità dello scacchiere internazionale, non posso che allargare l’orizzonte (solo uno stolto può pensare che, per risolvere i problemi della stampa italiana, ci si debba rintanare nel nostro piccolo “orticello italiano”), guardando alla situazione della Turchia; ai colleghi che sono stati arrestati, a quelli (sempre più) che sono stati imbavagliati. Fino a che non riusciremo a farci sentire fuori dalle nostre “quattro mura”, non saremo efficaci e non li aiuteremo realmente.

Poi penso ad un altro collega: Giulio Regeni, un collega – al di là dell’appartenenza ad un mero ordine professionale – sia d’età che di “volontà”, nel raccontare un Paese particolarmente importante nel risiko mondiale. Giulio non c’è più, purtroppo, e noi abbiamo il dovere di ricordarlo e di chiedere verità e giustizia, per lui e – come spesso ci ricorda il nostro Presidente Giulietti – per tutti i “Giulio Regeni del mondo”.

Penso, infine, al percorso – fatto da articolo su articoli – che mi ha permesso di raccontare, grazie al sito di Articolo21 (al direttore Stefano ed ai portavoce, Barbara, Elisa e Marina), la lotta alle mafie nel nostro Paese. Ed è qui che, con orgoglio, dobbiamo rivendicare la voglia di fare la differenza: le mafie ed i mafiosi non vogliono esser raccontati, odiano che i loro biechi affari siano messi denunciati all’opinione pubblica. Noi dobbiamo illuminare, sempre più, queste periferie d’Italia e del mondo. Scrivere, facendo solo ed unicamente il nostro lavoro di giornalisti, senza etichette di sorta, ma avendo ben chiaro che dall’attacco concentrico all’antimafia (quella marcia, di mestiere e parolaia va colpita senza indugi), rischiamo di far vincere la/le mafie. Questa è un risultato che non ci possiamo permettere!
Per queste ragioni sono orgoglioso dell’incarico che mi è stato proposto. Per queste ragioni sono orgoglioso di far parte della Famiglia di Articolo21 e ne sono al servizio!

Tratto da: articolo21.org

Le recensioni di AntimafiaDuemila

IL SANGUE NON SI LAVA

IL SANGUE NON SI LAVA

by Fabrizio Capecelatro

Dal traffico illecito di rifiuti all’omicidio di Don...

STORIA DI UNA PASSIONE POLITICA

STORIA DI UNA PASSIONE POLITICA

by Tina Anselmi, Anna Vinci

Tina Anselmi ripercorre i momenti più significativi del...


IL BANDITO DELLA GUERRA FREDDA

IL BANDITO DELLA GUERRA FREDDA

by Pietro Orsatti

In questo Paese, dove l’atto di nascita della Repubblica fu...

LA LISTA

LA LISTA

by Lirio Abbate

Luglio 1999: Massimo Carminati svuota il caveau della...


SALVATO DA UN MALEDETTO DESTINO

SALVATO DA UN MALEDETTO DESTINO

by Roberto Anteghini, Jonathan Arpetti

Le pagine di questo libro raccontano un’avventura umana...

CAMORRA NOSTRA

CAMORRA NOSTRA

by Giorgio Mottola

«Non chiamatela Camorra. È Cosa Nostra».Questa sorprendente dichiarazione...


ITALICUS

ITALICUS

by Paolo Bolognesi , Roberto Scardova

Troppe cose ancora rimaste in sospeso: enigmi, fatti...

MAFIA. Vita di un uomo di mondo

MAFIA. Vita di un uomo di mondo

by Alfredo Galasso, Angelo Siino

Angelo Siino, «pentito» eccellente e collaboratore di giustizia,...


Libri in primo piano

collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI

Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano a trattare con la mafia


quarantanni-di-mafia-agg

Saverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinita
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa


apalermo-homeLuciano Mirone

A PALERMO PER MORIRE
I cento giorni che condannarono
il generale Dalla Chiesa




la-mafia-non-lascia-tempo-homeGaspare Mutolo con Anna Vinci

LA MAFIA NON LASCIA TEMPO
Vivere, uccidere, morire, dentro a Cosa Nostra. Il braccio destro di Totò Riina si racconta