Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Di la tua Senti Tutte le procure di Luca Palamara

Di la tua | AntimafiaDuemila

Tutte le procure di Luca Palamara

di Flavia Petralia
Molti nodi sono venuti al pettine. Il “caso Palamara”, ha scoperchiato il vaso di pandora delle correnti nella magistratura italiana. Le intercettazioni, risalenti a tempi relativamente recenti – al 2018, per quanto è dato sapere - confermano che tribunali e procure, sono stati “sistemati ad hoc”, seguendo non un sistema meritocratico, ma una scelta “di partito” che ha privilegiato l’interesse di una corrente in particolare, quella “Unità per la Costituzione” di cui Luca Palamara era il leader indiscusso.
Vediamo di fare chiarezza.
Si è scoperto che Luca Palamara, giovane presidente del ANM e membro togato nel 2014 del CSM, ha creato una rete di procuratori dislocati nelle varie procure del territorio nazionale senza seguire la linea di merito, ma assecondando gli interessi della sua corrente e creando di conseguenza un muro di forza che ha penalizzato molti altri magistrati, appartenenti a correnti diverse, i quali, quando si sono sottratti e anzi hanno cercato di combattere questo “colpo di stato” basato su favoritismi e interessi personali, si sono spesso visti penalizzati non solo in termini di carriera, ma anche con invasivi provvedimenti che hanno danneggiato la loro immagine professionale, con gravi ricadute anche sulla loro vita privata e personale.
Questo, in estrema sintesi, il dato “ufficiale”.
Ci chiediamo se è, a questo pur già gravissimo dato, che bisogna fermarsi, o se si deve andare più in là.
In effetti, nonostante vi sia la certezza che questo ingranaggio fosse talmente ben collaudato da essere venuto alla luce già dalle prime intercettazioni effettuate nel 2018, nessuno ha indagato sulla reale tempistica che ha segnato l’inizio dell’organizzazione a tavolino di procure e tribunali.
In questo momento, conosciamo, dalle indagini in corso a Perugia, i nomi dei magistrati che si sarebbero avvantaggiati del sostegno di quel coagulo di interessi di potere di cui Palamara era il rappresentante e lo strumento operativo, ma non possiamo esimerci dal chiederci se questo meccanismo fosse in atto già dal 2014 e se le scelte di quel CSM di cui Palamara ha fatto parte per un quadriennio, furono in qualche misura condizionate da quel groviglio di pressioni e interessi che – le intercettazioni lo hanno dimostrato – inficiarono l’operato del Consiglio dal 2018.
A fronte di ciò che è emerso dalle intercettazioni, conosciamo un sistema di manipolazione delle procure già collaudato.
Diventa, dunque, legittimo chiedersi:

-Da quanto tempo le procure vengono organizzate per sopperire a interessi personali?

-Siamo realmente di fronte a sei anni di manipolazioni e di scelte dettate da esigenze di gestione del potere?

Intere procure in questo momento sono potenzialmente gestite da fedeli membri di un sistema che proprio in questi mesi si cerca (o si finge) di combattere.
Eppure, tutti sappiamo che se non si estirpa la radice fradicia e ci si accanisce solo col frutto marcio, il problema non si risolve. Che una rete così fitta di interessi non si costituisca in un mese, è un dato pressoché inconfutabile.
Potenzialmente, da sei anni ci troviamo davanti a selezionati servitori, scelti solo sulla base della loro permeabilità a perseguire (o a consentire che si perseguano) gli interessi del gruppo di potere rappresentato da Luca Palamara.

La magistratura, organo degno di rispetto e faro per i cittadini non può diventare una chimera.

Colpire – in tale contesto - Luca Palamara e i soli soggetti le cui logiche sono emerse dalle intercettazioni, non significa fare crollare un sistema, tutt’al più svia dal vero obiettivo che è quello di riportare ordine e dignità all’interno della magistratura.
Il rischio in cui si sta concretamente incorrendo, è quello di oscurare tutti gli altri colpevoli che in questo momento operano sottobanco, indisturbati.

Fare luce su come siano state organizzate le procure dalla nomina di Palamara al CSM, è un atto tanto necessario quanto dovuto.

Foto © Imagoeconomica

Le recensioni di AntimafiaDuemila

NARCOS CARIOCA

NARCOS CARIOCA

by Mattia Fossati

Nel carcere taubatè di San Paolo i detenuti...

ANCHE PER GIOCARE SERVONO LE REGOLE

ANCHE PER GIOCARE SERVONO LE REGOLE

by Gherardo Colombo

La grande avventura della Costituzione nel racconto dell'ex...


LA CASA DI PAOLO

LA CASA DI PAOLO

by Marco Lillo, Sara Loffredi

Lorenzo ha quindici anni, frequenta la seconda liceo...

DOSSIER BOLOGNA

DOSSIER BOLOGNA

by Antonella Beccaria

"Quando, alle 10:25, da quella valigia si sprigionò...


U SICCU

U SICCU

by Lirio Abbate

Lirio Abbate ci spiega perché la cattura di...

A UN PASSO DA PROVENZANO

A UN PASSO DA PROVENZANO

by Giampiero Calapà

Bernardo Provenzano, detto ’u Tratturi dai nemici, zu...


LA MAFIA CHE HO CONOSCIUTO

LA MAFIA CHE HO CONOSCIUTO

by Alfredo Galasso

Dall’incontro con Rocco Chinnici, Falcone e Borsellino al...

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

Saverio Lodato, uno dei più qualificati osservatori e...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa