Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Di la tua Senti Prescrizione si, ma la giustizia ha anche altri problemi

Di la tua | AntimafiaDuemila

Prescrizione si, ma la giustizia ha anche altri problemi

di Francesco Bertelli
Pare che ormai sia diventata l'ago della bilancia sulle sorti dell'esecutivo Conte II. Stiamo parlando della riforma sulla prescrizione targata Bonafede. Da mesi a questa parte, il mondo degli avvocati, quello di gran parte degli schieramenti politici (di opposizione e non solo) stanno attribuendo a questa riforma tutti i mali possibili
Alla fine si tratta semplicemente di interrompere la prescrizione dopo la sentenza di primo grado. Il dibattito si è concentrati da settimane sul pericolo di processi infiniti e di presunti innocenti in attesa di un giudizio sine die. Fermo restando che in un processo è facoltà dell'imputato scegliere o meno di ricorrere alla prescrizione (e su questo tutti tacciono), attribuire la causa della lunghezza infinita dei processi all'interruzione della prescrizione.
Non possiamo fare finta (come purtroppo st accadendo) che la prescrizione non sia un problema. Tutt’altro: si determina l’estinzione del reato entro un certo tempo se nel mentre non si è arrivati a un giudizio definitivo. È l’art.157 del cp a dirci come funziona: per ogni reato la prescrizione scatta quando è passato un periodo pari al massimo della pena stabilita dalla legge per ciascun reato. Ovvero non inferiore a 6 anni per i delitti e non inferiore a 4 per le contravvenzioni. E questi termini sono automatici in quanto la prescrizione in Italia inizia a scattare dal momento in cui si assume che sia stato commesso il fatto. Sono una miriade i reati che non superano i 7 anni e mezzo di prescrizione e che quindi vanno incontro alla mannaia: dall’abusivismo, all’omicidio colposo, allo stupro, allo spaccio, ecc. A questo si deve sommare la lentezza dei processi, l’inutilità del grado di appello e una litigiosità cronica (troppi processi per troppi reati).
Si dirà (anzi, si dice): una riforma del genere può avere effetti solo se viene incardinata all’interno della riforma complessiva del processo penale. Benissimo: coloro che son contrari a prescindere (per partito preso) sapranno che la riforma Bonafede non solo riguarderà il 26% dei processi prescritti, cioè il 3% di quelli trattati ogni anno; ma che vedrà i suoi effetti non prima di tre/quattro anni. C’è tutto il tempo affinchè le forze politiche possano riunirsi intorno ad un tavolo per una serie, obiettiva riforma del processo penale che vada incontro a d una serie di infiniti problemi.

Si, perché oltre alla prescrizione di problemi a giustizia italiana ne ha tanti altri.
Prendiamo ad esempio la “lunghezza” dei processi: argomento ,questo, detto e ridetto. Ma anche qui, al di là dei luoghi comuni e poco approfonditi proviamo a vedere la causa. Anzitutto il processo in Italia è molto particolare. Esiste, infatti, da un lato il diritto alla difesa degli imputati, secondo le regole del giusto processo, dall’altro ci sono norme che rallentano il dibattimento. La furbizia delle difese per tutelare il proprio cliente è tale che vengono sfruttate tutte le scorciatoie messe a disposizione. Un esempio su tutti: in Italia il giudice è immutabile. Il giudice che apre il dibattimento, alla prima udienza, deve essere lo stesso che emette la sentenza. E’ una regola che permette alle difese di avere un giudice che conosce l’intero processo. Se però il giudice si ammala o ha altri problemi, dovuti all’eccesso di udienze da celebrare a causa di una calendarizzazione folle, scattano i rinvii. Per non parlare di eventuali errori presenti negli atti di citazione. Se ad esempio nel giorni in cui viene fissata l’udienza salta fuori una mancata citazione, il giudice non può fare altro che rinviare. In Italia c’è anche il problema di essere un Paese troppo litigioso, conseguenza per la quale si processa di tutto; reati che potrebbero essere risolti con una pena pecuniaria senza celebrare alcun processo.

Vogliamo parlare delle notifiche a mano ed ancora cartacee? Non abbiamo un sistema digitalizzato che consenta di accelerare i tempi per notificare gli atti ad imputati e testimoni. Per questo, vi sono gli agenti notificatori che girano per l’Italia per consegnare brevi manu i suddetti atti. Basterebbe mettere in condizione tutti i cittadini ad avere un proprio indirizzo di posta elettronica certificata e con poco si potrebbe risolvere un vero tasto dolente del sistema della “giustizia” in Italia.

Tasto dolente che si lega all’eccessivo numero di processi che si celebrano in Italia (si potrebbe tranquillamente di processare ogni cosa e trasformare certi reati in pene pecuniarie)è sicuramente la farraginosità del sistema accusatorio, unita ad un eccesso di garantismo che trasborda ogni limite. Il garantismo è un elemento sicuramente positivo; non va dimenticato che siamo il Paese di Cesare Beccaria. Ma negli ultimi decenni dal mondo politico, che poi è da lì che le leggi prendono forma, viene invocato un garantismo alla rovescia. Contano poco le sentenze di primo , di secondo e di terzo grado. Quando ci viene ripetuto come un mantra che siamo tutti innocenti fino al terzo grado di giudizio, ci viene detto un elemento sacrosanto. Il problema semmai è di opportunità politica: dovrebbe essere la politica stessa , i singoli partiti a rimuovere, allontanare, certi soggetti sotto processo (era Borsellino stesso a dircelo a Bassano del Grappa nel 1989). Oggi siamo arrivati al punto che neppure la sentenza di condanna definitiva basta più. Quindi troppo garantismo e troppi processi. Il tutto dovuto all’introduzione del sistema accusatorio all’anglosassone, introdotto nel Codice di Procedura Penale in Italia nel 1990, in sostituzione del vecchio sistema inquisitorio. Il sistema accusatorio si è dimostrato molto farraginoso: nessuna prova, dichiarazione raccolta dal pm o dagli avvocati può essere prodotta al giudice; il tutto deve essere ripetuto nel dibattimento davanti al giudice, nel contraddittorio tra le parti. Risultato: si ricomincia dall’inizio e il processo si allunga (ecco che si ritorna al primo problema dell’eccessiva lunghezza).
Tornando quindi alla prescrizione, il rischio, facendo affidamento alle cronache quotidiane, è che la montagna partorisca alla un topolino e che alla nostra povera giustizia tocchi continuare ancora a fare acqua da tutte le parti, venendo meno ad un principio che dovrebbe essere il punto principale per la politica, addetta a porre rimedio ai problemi: garantire giustizia alle vittime.

Foto © Imagoeconomica

Le recensioni di AntimafiaDuemila

COSA NOSTRA S.P.A.

COSA NOSTRA S.P.A.

by Sebastiano Ardita

Nell'ultimo libro di Sebastiano Ardita il ritratto della...

LO STATO ILLEGALE

LO STATO ILLEGALE

by Gian Carlo Caselli, Guido Lo Forte

La mafia è storia di un intreccio osceno...


UN APPASSIONATO DISINCANTO

UN APPASSIONATO DISINCANTO

by Antonio Bonagura

La vita in maschera di un uomo dei...

LE MAFIE SULLE MACERIE DEL MURO DI BERLINO

LE MAFIE SULLE MACERIE DEL MURO DI BERLINO

by Ambra Montanari, Sabrina Pignedoli

In Germania si pensa che le mafie siano...


THE IRISHMAN

THE IRISHMAN

by Charles Brandt

Il libro da cui è stato tratto il...

LA RETE DEGLI INVISIBILI

LA RETE DEGLI INVISIBILI

by Nicola Gratteri, Antonio Nicaso

"Quella contro la 'ndrangheta è una battaglia che...


LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

La confessione di Giovanni Brusca Il pentito della trattativa...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa