Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Di la tua Senti Morto Stefano Delle Chiaie: le cose che non si dicono (e non si scrivono)

Di la tua | AntimafiaDuemila

Morto Stefano Delle Chiaie: le cose che non si dicono (e non si scrivono)

di Simona Zecchi - Video
E' morto la notte scorsa all'ospedale Vannini di Roma Stefano Delle Chiaie, 82 anni, ex esponente storico della destra neofascista.
Accusato di concorso in strage nell’attentato di Bologna del 2 agosto 1980, e poi da questo assolto definitivamente nel 1992 per "insufficienza di prove", viene arrestato dopo anni di latitanza il 1 aprile del 1987 a Caracas (Venezuela) per la testimonanza che doveva rendere sullla strage di piazza Fontana del 12 dicembre 1969 sull'altro neofascista, infiltratosi come anarchico, Mario Merlino, processo dal quale anche uscì assolto. L'arresto seguì alla sua rocambolesca fuga nei paesi sudamericani, a cui era arrivato nel 1974, e inseguito da un mandato di cattura per concorso in strage, dopo aver conosciuto il dittatore cileno Augusto Pinochet per il quale in Cile contribuirà all'attività di propaganda.
Delle Chiaie è stato anche fondatore di Avanguardia Nazionale, a fine anni 50, (sciolta poi per ricostituzione del partito fascista l’8 giugno 1976) affine all'altro movimento di estrema destra, il Centro studi Ordine Nuovo, maggiormente coinvolto nel periodo che va sotto il nome di strategia della tensione. Movimento che fondò insieme a Pino Rauti, con cui era partito nel '68 insieme ad altri 51 esponenti di destra, tra cui l'agente del SID Stefano Serpieri, Giulio Maceratini e il già citato Mario Merlino, per un viaggio di istruzione sulle tecniche di infiltrazione nella Grecia dei Colonnelli, a spese del governo greco. Tra loro anche esponenti della destra calabrese legati alla 'ndrangheta.
Negli anni '90 in cui, anche, fu coinvolto in alcune indagini per attentati a dei treni, sancì la nascita della Lega Nazionale Popolare presentandosi nelle liste della Lega delle Leghe. Alcune recenti inchieste, poi archiviate, hanno inserito questa nascita all'interno di una più ampia indagine sulla destabilizzazione politico-criminale insieme ad appartenenti alla massoneria, la criminalità orgamizzata sicilaina e calabrese e ai servizi segreti.
Fu infatti indagato, insieme all' ex capo della P2 Licio Gelli, il capo di Cosa nostra Totò Riina, i boss di Brancaccio Giuseppe e Filippo Graviano (quest'ultimo attualmente sotto accusa nel processo cosiddetto 'ndrangheta stragista insieme al calabrese Rocco Filippone), il commercialista massone Giuseppe Mandalari, condannato per concorso esterno in associazione mafiosa ed i boss catanesi Eugenio Galea e Giuseppe Ercolano. Secondo un rapporto della DIA, acquisito in quella inchiesta, dal nome evocativo, "Sistemi Criminali", la stagione delle stragi del '92 e del '93 ricalca il modello operativo della strategia della tensione degli anni '70.
Paolo Bolognesi, presidente delle associazioni delle vittime della strage di Bologna, impegnato come parte civile nell'ultimo processo aperto sulla strage (e diviso in due tronconi, l'altro di sola indagine è aperto dalla procura generale) ci ha confermato che Delle Chiaie non era più entrato nelle indagini sull'eccidio alla stazione. Il suo nome, tuttavia, si incontra nel contesto generale politico-eversivo indicato anche nella relazione sui mandanti esterni preparata dalla parte civile.
E' solo una parte della lunga vita di Delle Chiaie (ma parte significativa) conosciuto anche con il soprannome di er caccola per la sua statura, che riportare tutta qui richiederebbe un libro intero per i contesti che coinvolge.
(11 settembre 2019)

Tratto da: it.euronews.com

Le recensioni di AntimafiaDuemila

GOTHA

GOTHA

by Claudio Cordova

Un'inchiesta che affonda le radici nella storia della...

A CASA NOSTRA

A CASA NOSTRA

by Danilo Guerretta, Monica Zornetta

"Parlare di mafia in Veneto? Ma se qui...


MAFIA NIGERIANA

MAFIA NIGERIANA

by Sergio Nazzaro

Nel dicembre 2012, dopo la denuncia di una...

MALAPUGLIA

MALAPUGLIA

edited by Andrea Leccese

Il fenomeno mafioso attecchisce in Puglia con molto...


IL PEGGIO DI ME

IL PEGGIO DI ME

by Ismaele La Vardera

Cosa succede se il candidato sindaco di Matteo...

GASPARE MUTOLO

GASPARE MUTOLO

by Anna Vinci

“Sono un sopravvissuto. Sono la memoria orale della...


LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

La confessione di Giovanni Brusca Il pentito della trattativa...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa