Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Di la tua Senti I capezzoli di Carola Rackete e la vergogna giornalistica!

Di la tua | AntimafiaDuemila

I capezzoli di Carola Rackete e la vergogna giornalistica!

di Paolo Borrometi e Sandro Ruotolo
“Carola Rackete senza reggiseno in Procura”.
È questa l’ultima, straordinaria, inchiesta di Libero.
Il titolo è già evocativo, ma nel testo ci sono ulteriori dettagli che cambieranno la storia del nostro Paese.
Il problema non sono i reati di cui è accusata la capitana della Sea Watch, ma i capezzoli che si intravedono dalla maglietta nera.
Senza entrare nel merito dei reati, per i quali la capitana risponderà ai Magistrati, la colpa, secondo il quotidiano di cui è direttore editoriale Vittorio Feltri, è quella di non aver indossato il reggiseno.
Una colpa mostruosa, degna della pena di morte.
Una grande inchiesta. E da questa inchiesta il via ai commenti, sul web, sessisti e volgari verso la capitana.
Bisogna aprire una grande discussione sull’essere giornalista oggi.
Ci sono dei limiti giornalistici e sono, lo ribadiamo, il rispetto della persona, della sua dignità, del suo rimanere “essere umano”.
Andiamo oltre Feltri (per la cui radiazione dall’ordine hanno firmato più di centomila persone). Affrontiamo un tema che è quello della dignità umana.
Lo chiediamo all’Ordine, al Sindacato, alle associazioni.
È arrivato il momento di guardarci profondamente dentro.
Restiamo umani, al di là delle nostre legittime idee e convinzioni politiche.
Abbiamo una grande responsabilità: quella di informare i cittadini.

Tratto da: facebook.com/1438846669704253

Le recensioni di AntimafiaDuemila

THE IRISHMAN

THE IRISHMAN

by Charles Brandt

Il libro da cui è stato tratto il...

LA RETE DEGLI INVISIBILI

LA RETE DEGLI INVISIBILI

by Nicola Gratteri, Antonio Nicaso

"Quella contro la 'ndrangheta è una battaglia che...


UN EROE BORGHESE

UN EROE BORGHESE

by Corrado Stajano

L'Italia degli anni settanta è l'Italia della loggia...

ECONOMIA DROGATA

ECONOMIA DROGATA

by Giorgio Malfatti di Monte Tretto

La criminalità organizzata dedita al narcotraffico ha portato...


GLI AGNELLI

GLI AGNELLI

by Antonio Parisi

Quando il conte Emanuele Cacherano di Bricherasio, insieme...

VITTORIO ARRIGONI

VITTORIO ARRIGONI

by Anna Maria Selini

Nei campi con i contadini e in mare...


HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

La confessione di Giovanni Brusca Il pentito della trattativa...

LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa