Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Di la tua Senti Arresto Caldarola a Bari: una buona notizia per l'informazione rigorosa

Di la tua | AntimafiaDuemila

Arresto Caldarola a Bari: una buona notizia per l'informazione rigorosa

auto polizia di stato c imagoeconomicadi Maria Grazia Mazzola*
È il potere-dovere delle domande dei giornalisti che cambia le sorti della realtà. Ma bisogna crederci e comprendere prima di tutto il tipo di domande. Se quel 9 febbraio scorso a Bari giorno dell’aggressione mafiosa subita da me, avessi seguito il pensiero dominante e cioè che nei quartieri mafiosi non si entra a fare domande, oggi il quartiere Libertà di Bari sarebbe rimasto al buio. Le domande fanno luce sui traffici, sulla violenza, sulle estorsioni, omertà e paure.
Ivan Caldarola è stato arrestato a Bari per estorsione con altri giovani reclutati con un blitz della polizia con elicotteri al seguito. Il figlio della mafiosa Monica Laera che mi ha aggredita a Bari in via Petrelli. Le mie domande erano centrate proprio sul ruolo del rampollo emergente del clan il diciannovenne Ivan Caldarola rinviato a giudizio anche per stupro di una bambina di 12 anni. Perché la mafia è anche questo e va raccontato e denunciato. Un fatto del quale i giornali di Bari non hanno scritto.
Mio dovere dunque era puntare le domande, una fiaccola, nel buio del ruolo emergente di un ragazzo violento che teneva col suo clan sotto scacco un quartiere, un pezzo della città di Bari. Avevo denunciato in diretta a Uno Mattina e anche a Speciale Tg1 che i minorenni delle famiglie disagiate venivano reclutati dai clan per lo spaccio e le estorsioni. Avevo detto: “Stato svegliati! Non attendere che i ragazzini finiscano in carcere ma intervieni con politiche sociali giovanili. Intervieni prima”.
Il silenzio assordante della prevenzione lascia sconcertati. Al sud è emergenza giovanile, le fasce più deboli sono reclutate dai clan. Questo il senso del mio Speciale Tg1. Il risultato è stato un cazzotto in faccia ricevuto dalla madre mafiosa di Ivan Caldarola, Monica Laera oggi indagata dalla DDA per lesioni, minacce di morte e aggressione nei miei confronti aggravate dal metodo mafioso.
Considero questo solo un primo capitolo di pulizia a Bari. Immaginate cosa significhi questo arresto per i minorenni che frequentano il Redentore di Bari la parrocchia che lavora con don Francesco Preite invece per il recupero e la qualificazione professionale dei giovanissimi. L’intimidazione è fortissima sulle fasce deboli: genitori disoccupati, genitori in carcere, e ai minorenni chi ci pensa? I clan che li reclutano per spacciare e avere soldi facili in tasca in cambio di una frazione di vita consumistica per gustare l’illusione di un lusso. Oggi per loro c’è il carcere. L’illusione è svanita.
Tante fiaccole, tante piccole luci-domande possono illuminare una città. Poi tante città, tutti insieme possiamo illuminare il Paese.

* Inviata Speciale Tg1

Tratto da:
stamparomana.it

Foto © Shobha

ARTICOLI CORRELATI

Pizzo a Bari, 7 arresti. Sono le nuove leve del clan Strisciuglio

Le recensioni di AntimafiaDuemila

CASAMONICA, LA STORIA SEGRETA

CASAMONICA, LA STORIA SEGRETA

by Floriana Bulfon

Un documento giornalistico straordinario e di estrema attualità,...

NUDDU

NUDDU

by Pietro Orsatti

Un’inchiesta giornalistica senza apparente via di uscita e...


IL PADRINO DELL'ANTIMAFIA

IL PADRINO DELL'ANTIMAFIA

by Attilio Bolzoni

Un siciliano che è “nel cuore” di un...

FIGLI DEI BOSS

FIGLI DEI BOSS

by Dario Cirrincione

Questo è un libro di storie e di...


IL CASO MOBY PRINCE

IL CASO MOBY PRINCE

by Gabriele Bardazza, Francesco Sanna

Per la prima volta in un libro, i...

AMEN

AMEN

by Antonio Ferrari

L’attentato a Giovanni Paolo II e i molti...


LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

La confessione di Giovanni Brusca Il pentito della trattativa...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa