Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Di la tua Senti È mafia

Di la tua | AntimafiaDuemila

È mafia

mafia capitale manif c ansadi Pietro Orsatti
Ci davano per matti quando contavamo i morti a terra, i gambizzati, i pestaggi e le intimidazioni, gli incendi "spontanei" di attività commerciali, i fiumi di denaro e droga che invadevano la capitale. Ci davano dei visionari quando parlavamo di "Associazione Temporanea d'Impresa Criminale" insediata all'ombra del Cupolone da decenni e che coordinava e gestiva gli affari di tutte le mafie nazionali e molte di quelle estere non semplicemente presenti ma comodamente insediate a lucrare sulla nostra pelle. Ci hanno sottovalutato, noi che andavamo con la nostra penna nei quartieri a cercare di interpretare la trasformazione del tessuto sociale ed economico di Roma. La Mafia non c'era.
Oggi, con il riconoscimento dell'associazione mafiosa per i principali imputati del processo Mondo Mezzo da parte della corte di Appello di Roma un minimo la realtà finalmente è stata ristabilita.
Ho perso il conto degli articoli che ho scritto per anni, sicuramente attorno al centinaio, raccontando semplicemente quello che era evidente a tutti quelli che per paura, pigrizia o interesse distoglievano lo sguardo. Ho perso il conto dei mesi di fatica e di fame a cui mi sono sottoposto per non mollare questa incredibile storia che colpiva e sfregiava la mia città. Quando con Floriana Bulfon scrissi il primo dei due libri che ho dedicato a Mafia Capitale (Grande Raccordo Criminale) durante le presentazioni ci guardavano allibiti. Lo scenario che mostravamo, quello che ha trovato piena conferma anche nella sentenza di oggi. E perfino 11 mesi dopo, quando scattarono per la prima volta le manette in tutta la città, la maggior parte delle persone che incontravamo (anche quelle che dovevano per ruolo e per formazione avere la capacità di capire) si rifiutava di accettare quello che era accaduto e continuava ad accadere. E sorrido ancora quando ripenso alla querela presentata nei miei confronti da due esponenti dell'attuale maggioranza che siede in Campidoglio reo di aver preso carta e penna per difendere Federica Angeli e il suo lavoro di cronista nella frontiera del Litorale Romano attaccata da un dossier (pubblicizzato e gran voce e poi sparito e mai presentato ufficialmente) dal M5S per attaccare la giornalista in prima linea e minacciata di morte dai clan locali.
Si, eravamo tutti matti. A dire quello che accadeva invece di farci "i cazzi nostri".
Scriveva Marco Damilano nella prefazione del mio secondo libro (Roma Brucia):
Oggi quel condominio sventrato, afflosciato, aggredito si trova a Roma. Fiumi di soldi sporchi, tangenti per oliare fondazioni partitiche e correntizie, le fragili carriere dei leader, unite all’intimidazione, ai politici a servizio e a busta paga. A Roma, scrive Orsatti, "le mafie hanno giocato la loro strategia di penetrazione e condizionamento anche sul piano economico, hanno stretto i rapporti con la politica e fatto politica, si sono intrecciate e rese protagoniste di trame e di progetti eversivi, hanno sperimentato una sorta di associazione temporanea d’impresa per raggiungere soldi e impunità... è fuorviante parlare di una Roma criminale, perché esiste un’Italia criminale di cui Roma è semplicemente la Capitale. Anche delle mafie".
È valsa la pena "farsi un mazzo tanto"? Non lo so, ma quando quello che hai scritto, detto e raccontato dopo anni trova conferma in una sentenza un filo di speranza non solo per Roma ma anche per il nostro lavoro riesco a trovarlo.

Foto © Ansa

Le recensioni di AntimafiaDuemila

IL GIORNO DEL GIUDIZIO

IL GIORNO DEL GIUDIZIO

by Andrea Tornielli, Gianni Valente

Il tentato "golpeˮ contro Francesco esplode come "bomba...

PALERMO CONNECTION

PALERMO CONNECTION

by Petra Reski

Palermo Connection inaugura una nuova serie di gialli...


STORIA SEGRETA DELLA ‘NDRANGHETA

STORIA SEGRETA DELLA ‘NDRANGHETA

by Nicola Gratteri, Antonio Nicaso

Se un tempo i suoi affiliati andavano a...

UN MORTO OGNI TANTO

UN MORTO OGNI TANTO

by Paolo Borrometi

"Ogni tanto un murticeddu, vedi che serve! Per...


LA BESTIA

LA BESTIA

by Carlo Palermo

2 aprile 1985: l'auto che porta Carlo Palermo...

IL CORAGGIO DI DIRE NO

IL CORAGGIO DI DIRE NO

by Paolo De Chiara

È la drammatica storia di una fimmina ribelle...


ONG

ONG

by Sonia Savioli

Nel Medioevo si cercavano di unifi care territori...

CIAO, IBTISAM!

CIAO, IBTISAM!

by Serena Marotta

"Ibtisam" è la traslitterazione della parola araba che...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa