Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Di la tua Senti Nino, mistero irrisolto

Di la tua | AntimafiaDuemila

Nino, mistero irrisolto

agostino nino giornale cartaceodi Jamil El Sadi*
Tra depistaggi, bugie e mezze verità ucciso perché scomodo a “ibridi connubi”

Il 5 agosto 1989 venne ammazzato il poliziotto della Questura di Palermo Antonino Agostino, insieme alla moglie Ida Castelluccio, da poco in dolce attesa. I due, quel giorno, si ritrovavano davanti alla villa di famiglia per festeggiare il compleanno della sorella di Nino, quando all'improvviso furono brutalmente trivellati di colpi da due sicari in motocicletta. 29 anni dopo quel delitto eccellente ancora oggi non si ha verità e giustizia. Nino non era un semplice agente. Era, per la precisione, un “cacciatore di latitanti”, un poliziotto che ricercava i mafiosi che in quel periodo godevano della latitanza, come ad esempio il “Capo dei CapiTotò Riina. Inoltre indagava anche sul fallito attentato all’Addaura contro Giovanni Falcone. Gli indagati nel delitto Agostino sono i boss Antonio Madonia e Gaetano Scotto, sospettati di essere gli esecutori materiali dell'omicidio, e l'ex poliziotto Giovanni Aiello (deceduto il 21 agosto 2017), accusato di aver partecipato all'attentato. Aiello, noto anche come “Faccia da mostro”, è stato riconosciuto da Vincenzo Agostino (padre di Nino), in un confronto all'americana il 26 febbraio 2016, come l'uomo che qualche giorno prima dell'omicidio andò a casa dello stesso e chiese notizie del figlio. In passato per la vicenda è stato indagato anche l’agente Guido Paolilli, la cui posizione è stata archiviata, accusato di essere uno dei responsabili del depistaggio delle indagini, come si legge nel decreto di archiviazione del Gip Maria Pino del 12 giugno 2015 il quale dichiara che: “Le risultanze istruttorie dimostrano come l'indagato abbia contribuito alla negativa alterazione del contesto nel quale erano in corso di svolgimento le investigazioni inerenti all'omicidio di Antonino Agostino e Ida Castelluccio”. Sono passati 29 anni e le indagini sono ancora aperte. Il caso Agostino non è ancora un capitolo chiuso.

*Jamil El Sadi, 18 anni
Our Voice Marche (Italia)

Tratto da: ourvoice.it

Le recensioni di AntimafiaDuemila

LE ULTIME PAROLE DI FALCONE E BORSELLINO

LE ULTIME PAROLE DI FALCONE E BORSELLINO

by Antonella Mascali

Questo libro raccoglie i principali interventi, le interviste,...

LA MAFIA DEI PASCOLI

LA MAFIA DEI PASCOLI

by Nuccio Anselmo, Giuseppe Antoci

Milioni di euro guadagnati per anni in silenzio...


BLOODY MONEY

BLOODY MONEY

edited by Massimiliano Virgilio

Un sistema di corruzione politica che ruota intorno...

PROFONDO NERO

PROFONDO NERO

by Giuseppe Lo Bianco , Sandra Rizza

Erano gli anni Settanta. Il giornalista De Mauro...


CASAMONICA

CASAMONICA

by Nello Trocchia

È il 20 agosto 2015 quando per la...

UN'AVVENTURA SINDACALE

UN'AVVENTURA SINDACALE

by Anna Vinci

Figlia di madre nubile, nata e cresciuta in...


PECUNIA NON OLET

PECUNIA NON OLET

by Alessandro Da Rold

"Seguite i soldi, troverete la mafia".Giovanni Falcone"Se ‘Vituzzu’...

IN CULO ALLA MAFIA

IN CULO ALLA MAFIA

by Emanuele Cavallaro

È un testimone di giustizia. Che non è...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa