Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Di la tua Senti Ciao Giorgio, il tuo impegno resterà per sempre scolpito

Di la tua | AntimafiaDuemila

Ciao Giorgio, il tuo impegno resterà per sempre scolpito

colajanni giorgiodi AMDuemila
Una notizia improvvisa ci ha colto nei giorni scorsi. La perdita di un amico come Giorgio Colajanni. Da sempre in prima linea in tante lotte sociali e civili con l'Anpi, con l'associazione antiracket "Libero Futuro" fino al suo impegno come portavoce di "Scorta civica", il cartello di associazioni e cittadini nato a Palermo il 20 gennaio 2014 al fine di offrire solidarietà e sostegno all'azione dei magistrati minacciati dalla mafia.
Per onorare il suo ricordo vogliamo proporvi alcune sue parole in un'iniziativa a sostegno del pm Nino Di Matteo, condannato a morte dal Capo dei capi, oggi deceduto, Totò Riina.
"In realtà spesso c’è la tendenza, anche della parte più sensibile della città, a delegare. Riceviamo tanti complimenti - affermava Giorgio - ma, contemporaneamente, ci accorgiamo che c’è una scarsa consapevolezza rispetto al fatto che occorre puntare anche sulla quantità ed essere presenti. Quello che andiamo, infatti, ripetendo da anni è che le battaglie bisogna portarle avanti non solo in occasione delle tragedie. Certo, di fronte alle stragi la città ha reagito, è scesa in piazza, ha contestato e preteso. Oggi noi pretendiamo che i magistrati vengano protetti da vivi. E’ un concetto molto semplice da capire. Vogliamo, poi, contestare quanti ci accusano di 'fare il tifo' per un solo magistrato. Non è così e rispondiamo a queste critiche malvagie che vorrebbero i magistrati zitti, silenti, in attesa dell’ennesima strage". Di Matteo è sicuramente un simbolo della lotta alla mafia perché lo hanno scelto gli esponenti della mafia, da Riina in carcere a Messina Denaro latitante. Basta fare riferimento alle intercettazioni, nelle quali proprio Riina lo definisce ripetutamente un magistrato “potentoso”.
"Non bisogna certo essere un grande conoscitore del linguaggio mafioso - proseguiva ancora lanciando anche un appello per la cattura del super latitante Matteo Messina Denaro - per capire che, con questo termine, vuole dire che è un magistrato che ha fatto, sta facendo e farà danno alla mafia, quindi deve saltare in aria. Ancora più assurdo che questa cosa venga negata ripetutamente, affermando che si tratta di invenzioni. L’ultimo blitz, che ha portato in galera una serie di persone, tra cui l’avvocato che ha curato la vendita di alcuni box ai mafiosi, ci ha confermato che sono stati venduti per acquistare il tritolo. Che va trovato. E va arrestato Matteo Messina Denaro, la cui latitanza non dovrebbe esistere in un paese democratico. Noi ultimamente lo abbiamo definito “latitante di stato”, rievocando un importante intervento di Pio La Torre che, al pari, denunciava la latitanza di Liggio come latitanza di Stato. Gode sicuramente di una protezione molto alta, alla quale va posta fine".

A Matilde, Enrica, Enrico e Luigi esprimiamo il nostro cordoglio e la nostra vicinanza. Ricorderemo sempre Giorgio, e lo vogliamo onorare ringraziandolo per il suo impegno costante. Per molti cittadini sei stato una forza trainante e la speranza è che altri possano prendere esempio dalla tua grandissima voglia di lottare. Ciao Giorgio!

Le recensioni di AntimafiaDuemila

LA SCOPERTA DI COSA NOSTRA

LA SCOPERTA DI COSA NOSTRA

by Gabriele Santoro

Questa è la storia di un mafioso e...

PAPA FRANCESCO. LA DITTATURA DELL'ECONOMIA

PAPA FRANCESCO. LA DITTATURA DELL'ECONOMIA

edited by Ugo Mattei

"Così come il comandamento 'non uccidere' pone un...


COSA NOSTRA S.P.A.

COSA NOSTRA S.P.A.

by Sebastiano Ardita

Nell'ultimo libro di Sebastiano Ardita il ritratto della...

LO STATO ILLEGALE

LO STATO ILLEGALE

by Gian Carlo Caselli, Guido Lo Forte

La mafia è storia di un intreccio osceno...


UN APPASSIONATO DISINCANTO

UN APPASSIONATO DISINCANTO

by Antonio Bonagura

La vita in maschera di un uomo dei...

LE MAFIE SULLE MACERIE DEL MURO DI BERLINO

LE MAFIE SULLE MACERIE DEL MURO DI BERLINO

by Ambra Montanari, Sabrina Pignedoli

In Germania si pensa che le mafie siano...


LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

La confessione di Giovanni Brusca Il pentito della trattativa...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa