Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Di la tua Senti Lumia: interrogazione a difesa del testimone di giustizia Cutrò

Di la tua | AntimafiaDuemila

Lumia: interrogazione a difesa del testimone di giustizia Cutrò

lumia giuseppe home c nanopressRiportiamo di seguito l'interrogazione parlamentare di Giuseppe Lumia al Ministro dell'Interno del 23 marzo 2018
Al Ministro dell'Interno. - Premesso che, a quanto risulta all'interrogante: Ignazio Cutrò è un testimone di giustizia che ha denunciato in modo chiaro e netto la presenza mafiosa nel proprio territorio. L'attività processuale, successiva alla sua denuncia, sta a dimostrare il concreto contributo che ha saputo offrire alla giustizia ed il coraggio avuto nel rompere il muro di omertà, in un contesto locale ad alto rischio con una presenza mafiosa che mai aveva subito l'onta della denuncia; Ignazio Cutrò è stato un testimone antesignano dell'opzione, contenuta nella legge di riforma approvata di recente in Parlamento (disegno di legge n. 2740 del 21 dicembre 2017), di consentire ai testimoni di giustizia di rimanere nel proprio territorio dimostrando così che la scelta di legalità non arretra e, al contrario, si radica in quegli stessi territori dominati dalla presenza mafiosa, facendo così in modo che siano piuttosto gli stessi boss mafiosi a sentirsi estranei al loro contesto abituale: affaristico, politico, familistico; prima dell'approvazione della riforma antimafia, quest'opzione era priva di copertura normativa e rimaneva carente della necessaria esperienza e capacità organizzativa dello Stato di supportare i testimoni, che avevano optato di rimanere nel proprio territorio; da ciò sono scaturite spesso incomprensioni, divergenze e contrasti, anche giudiziari, che innanzitutto non fanno bene agli stessi testimoni, che vengono esposti ad ulteriori difficoltà, rispetto a quelle già subite quotidianamente, sino al punto di stremarli fisicamente e psicologicamente e far loro perdere quella carica motivazionale decisiva che li ha portati a denunciare e a diffondere positivamente i valori di legalità agli altri cittadini, che ancora vivono nella paura o sono ancora avvolti nel contesto omertoso; anche per lo stesso Stato, i conflitti con i testimoni diventano deleteri e fanno diminuire quella funzione di tutoraggio e protezione che in modo solenne lo Stato dichiara, quando incita alla scelta di denunciare. Al di là del merito delle controversie, il conflitto, nei suoi effetti sociali, rischia di diventare a "somma zero" e la lotta alla mafia di subire una considerevole battuta d'arresto; Ignazio Cutrò è stato anche una guida per l'associazione "Testimoni di giustizia". Cutrò ed altri coraggiosi testimoni infatti si sono fatti carico di capire i limiti legislativi della normativa vigente e hanno sollecitato le istituzioni ad intervenire con un programma di riforme adeguato per superare i limiti incontrati lungo gli anni di applicazione della legge. Si è arrivati così ad un testo di riforma che li ha visti protagonisti di un lavoro che prima la Commissione parlamentare antimafia e successivamente il Parlamento hanno saputo tradurre in un sistema normativo che ha trovato un consenso unanime tra le istituzioni e tra gli stessi testimoni; oggi Cutrò si trova a soccombere in una delle controversie con lo Stato su un punto delicato come la protezione personale propria e della propria famiglia, al punto tale che lo stesso Cutrò dichiara: "Prendo atto che il ricorso da me presentato al Tar Lazio contro la revoca, da parte della Commissione Centrale, delle speciali misure di protezione adottate nei miei confronti e della mia famiglia è stato rigettato. Continuerò a testimoniare gli ideali di giustizia e proseguirò il mio impegno contro le mafie ed a sostegno dei testimoni di giustizia nonostante lo Stato oggi abbia unilateralmente voltato le spalle a me, mia moglie ed i miei figli. Le ragioni della mancata proroga delle speciali misure di protezione non stanno nel venir meno del rischio di pericolo di vita né tantomeno a causa delle mie proteste. Nulla di tutto ciò! Io sono ritenuto colpevole di avere dato voce a chi, con coraggio civile, aveva affidato la propria stessa vita allo Stato ed in cambio aveva ricevuto da esso solo sofferenza e isolamento. Alquanto ridicola poi l'affermazione che la famiglia Cutrò non è esposta ad alcun concreto pericolo di vita. Forse una passeggiata per Bivona aiuterebbe la Commissione Centrale a schiarirsi meglio le idee. Sulla mia persona e sulla mia famiglia viene riversato aspro rancore per non essere scesa a più 'miti consigli' da parte di chi nelle Istituzioni mi chiedeva di farmi da parte o nella migliore delle ipotesi di farmi i fatti miei. Ora la mia vita, la mia stessa vita e quella di mia moglie Giuseppina e dei miei due amati figli, Giuseppe e Veronica, sono nelle vostre mani e in quelle di chi nelle Istituzioni credono che lo Stato debba fare la sua parte, nella lotta contro le mafie, fino in fondo senza se e senza ma. Io ho fatto tutto il possibile: non ho ceduto alle estorsioni, ho testimoniato nei processi, sono stato promotore con la mia Associazione di ben tre leggi sui testimoni di giustizia e di altrettante inchieste sui testimoni da parte della Commissione Parlamentare Antimafia. Oggi alzo le mani, non in segno di resa, ma per chiedere a ciascuno di voi di alzare alta la vostra indignazione"; alla luce della nuova normativa che immette nel rapporto tra Stato e testimone una particolare cultura di dialogo e di cooperazione in grado di camminare insieme e che richiede di eliminare alla radice le principali incomprensioni che spesso sfociano in devastanti conflitti, si chiede di sapere se il Ministro in indirizzo intenda rivedere le posizioni dei cosiddetti testimoni storici, tra cui Ignazio Cutrò, al fine di sanare i conflitti e di trovare le necessarie intese, aprendo così una stagione di dialogo e cooperazione in grado di dimostrare che lo Stato non abbandona i testimoni, ma li protegge e li supporta al meglio nel lungo e complicato percorso della denuncia e soprattutto durante la successiva e difficile vita quotidiana.

Foto © NanoPress

Tratto da: stopmafia.blogspot.it

Le recensioni di AntimafiaDuemila

L'ULTIMA NOTTE DI ALDO MORO

L'ULTIMA NOTTE DI ALDO MORO

by Paolo Cucchiarelli

'Ecco dove fu ucciso Moro'Esce 'L'ultima notte del...

LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...


CARLO ALBERTO DALLA CHIESA. UN PAPÀ CON GLI ALAMARI

CARLO ALBERTO DALLA CHIESA. UN PAPÀ CON GLI ALAMARI

by Simona dalla Chiesa

"Un papà con gli alamari" non è una...

SE TU POTESSI VEDERMI ORA

SE TU POTESSI VEDERMI ORA

by Carolina Orlandi

La sera del 6 marzo 2013 David Rossi...


LA MAFIA DOPO LE STRAGI

LA MAFIA DOPO LE STRAGI

by Attilio Bolzoni

Totò Riina è scivolato nella tomba con tutti...

LA CRIMINALITA' SERVENTE NEL CASO MORO

LA CRIMINALITA' SERVENTE NEL CASO MORO

by Simona Zecchi

A quarant’anni dal sequestro e dall’omicidio di Aldo...


B. COME BASTA!

B. COME BASTA!

by Marco Travaglio

"Tutto ciò che ha fatto, anzi ci ha...

GUERRA NUCLEARE

GUERRA NUCLEARE

by Manlio Dinucci

Sembra di vivere nel film "The day after"...


Libri in primo piano

collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI

Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia



quarantanni-di-mafia-agg
Saverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinita
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa


il ritorno del principe homeSaverio Lodato
Roberto Scarpinato


IL RITORNO DEL PRINCIPE
La criminalità dei potenti
in Italia



ho ucciso giovanni falcone homeSaverio Lodato

HO UCCISO
GIOVANNI FALCONE

La confessione
di Giovanni Brusca