Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Di la tua Senti Rapimento Moro: 40 anni di verità mancate

Di la tua | AntimafiaDuemila

Rapimento Moro: 40 anni di verità mancate

di Simona Zecchi - Video
Il 16 marzo 1978 tra le 9.02 e le 9.05 del mattino una raffica di fuoco incrociato cambia per sempre il destino dell'Italia. Le Brigate Rosse prelevano senza ferirlo il presidente della Democrazia Cristiana Aldo Moro mentre era già in viaggio con la sua scorta.

Il 16 marzo 1978. In via Mario Fani a Roma si scrive una delle pagine piu' buie della nostra storia. In un agguato le Brigate Rosse sequestrano Aldo Moro annientando i 5 uomini della sua scorta. Un rapimento che si concluderà drammaticamente dopo 55 giorni di prigionia con l'uccisione dell'allora presidente della Democrazia Cristiana.

Cinque processi, diverse Commissioni parlamentari d'inchiesta, tra cui due specifiche a indagare, e tante inchieste giudiziarie collaterali a cercare di aprire un varco nel buio dei fatti accatastati da 40 anni, nonostante la consegna della verità - cosiddetta ufficiale - sia avvenuta ormai nel lontano 1986 quando Valerio Morucci e Adriana Faranda, i due 'fuoriusciti' dal nucleo romano nato nel 1975 dopo i primi arresti, redigono il memoriale che secondo loro avrebbe dovuto chiarire tutto.

Due i latitanti che ancora non hanno scontato la pena, per Alvaro Lojacono tuttora in svizzera e Alessio Casimirri ormai cittadino del Nicaragua. Nessuna richiesta di estradizione è stata accolta. Mentre Rita Algranati, la 10 brigatista presente sulla scena del crimine viene individuata solo nel 2004 dalle forze di polizia.

L'ultima Commissione parlamentare d'inchiesta dedicata al sequestro e all'assassinio dello statista, istituita nel 2014 e i cui lavori sono terminati a fine legislatura nei primi mesi del 2018, ha fatto emergere molte novità ma ancora la prola fine, ai fatti i cui contesti internazionali sono tuttora un buco nero da riempire, non è stata scritta. Due i filoni d'indagine aperti presso la Procura di Roma a tutt'oggi e uno in collaborazione con la Procura di Reggio Calabria.

Il 40ennale andrà avanti fino al maggio del 2018 in cui si ricorderanno le note finali dell'ultimo giorno di Moro, il 9 maggio 1978.

Tratto da: it.euronews.com

Le recensioni di AntimafiaDuemila

GOTHA

GOTHA

by Claudio Cordova

Un'inchiesta che affonda le radici nella storia della...

A CASA NOSTRA

A CASA NOSTRA

by Danilo Guerretta, Monica Zornetta

"Parlare di mafia in Veneto? Ma se qui...


MAFIA NIGERIANA

MAFIA NIGERIANA

by Sergio Nazzaro

Nel dicembre 2012, dopo la denuncia di una...

MALAPUGLIA

MALAPUGLIA

edited by Andrea Leccese

Il fenomeno mafioso attecchisce in Puglia con molto...


IL PEGGIO DI ME

IL PEGGIO DI ME

by Ismaele La Vardera

Cosa succede se il candidato sindaco di Matteo...

GASPARE MUTOLO

GASPARE MUTOLO

by Anna Vinci

“Sono un sopravvissuto. Sono la memoria orale della...


LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

La confessione di Giovanni Brusca Il pentito della trattativa...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa