Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Di la tua Senti ''Mattarella è un dolore che mi accompagna da 38 anni''

Di la tua | AntimafiaDuemila

''Mattarella è un dolore che mi accompagna da 38 anni''

mattarella copyright letizia battagliadi Franco Di Carlo
Nel leggere determinate notizie sui giornali, o nell’ascoltarle sui principali telegiornali italiani, mi viene la nausea.
Mi riferisco alla morte del presidente della Regione Sicilia, Piersanti Mattarella, come se questa tragedia fosse accaduta ieri, ora si parla, o meglio si riparla della scoperta di una nuova pista.
Apprendere che la procura riapre le indagini mi verrebbe da dire, se non conoscessi le competenze e la professionalità di quei magistrati, che non hanno capito una beneamata minchia.
So perfettamente cosa fosse Cosa Nostra in quel periodo, per poter dare credito a misteri o terroristi neri, rossi o di qualsiasi colore.
Ho spiegato mille volte negli interrogatori sostenuti, in Corte di Assise, e mi riferisco al primo processo per l’omicidio Mattarella, nel secondo processo, a seguito del quale la commissione di Cosa Nostra, la cosiddetta Cupola, è stata condannata e molti dei componenti la commissione, sono morti scontando l’ergastolo.
Ho spiegato cos’era successo dal 1978 al 79 e principio anni 80, quando si verificarono una serie di omicidi eccellenti, a cominciare dall’ex socio di Vito Ciancimino, il segretario provinciale della Democrazia Cristiana Michele Reina, poi il giudice Terranova, il giornalista Mario Francese.
Fino ad arrivare al 6 gennaio, all’assassinio del presidente Mattarella.
Si continuano a cercare i motivi e le ragioni di queste tragedie, mentre la verità storica e processuale è sotto gli occhi di tutti.
O si vuole ancora depistare, deviare l’opinione pubblica composta dai trentenni di oggi, confondere le idee, per non ammettere che per tantissimi anni, in Sicilia c’era uno Stato dentro lo Stato, che a tutti gli effetti controllava il territorio.
I responsabili di quelle tragedie e della morte di Piersanti Mattarella sono stati tutti definitivamente condannati.
Forse ci sarebbe da avviare indagini su chi ha interesse a deviare o depistare.
La ragione per cui non siano stati condannati gli esecutori materiali non è perché non si conoscano i loro nomi, perché il nostro ordinamento giudiziario, non permette di perseguire nessuno senza prove provate e specifiche, specialmente se le accuse sono mosse da un singolo collaboratore.
Ma da qui a pensare che Cosa Nostra si sia rivolta ai Nar o alle Br, o a qualsiasi altro gruppo terroristico per ingaggiare un killer, è la cosa più assurda da immaginare o da ipotizzare.
Sicuramente chi conosce Cosa Nostra, sa con quale segretezza si emetteva una sentenza di morte, neppure gli affiliati stessi potevano sapere.
E vi posso assicurare che la segretezza in merito alla tragedia di Piersanti Mattarella, fu assoluta e totale.
Come nelle dichiarazioni rese alla magistratura e riportate dopo nei miei libri, mi sono personalmente esposto in tutti i modi possibili per salvare una persona perbene, che conoscevo da tantissimo tempo, e l’ho fatto mettendo a rischio la mia stessa vita.
Non sono riuscito a salvarlo, purtroppo, è questo è un dolore che mi accompagna da trentotto anni.

Tratto da: articolotre.com

Foto © Letizia Battaglia

Le recensioni di AntimafiaDuemila

IL CORAGGIO DI DIRE NO

IL CORAGGIO DI DIRE NO

by Paolo De Chiara

È la drammatica storia di una fimmina ribelle...

ONG

ONG

by Sonia Savioli

Nel Medioevo si cercavano di unifi care territori...


CIAO, IBTISAM!

CIAO, IBTISAM!

by Serena Marotta

"Ibtisam" è la traslitterazione della parola araba che...

LA REPUBBLICA DELLE STRAGI

LA REPUBBLICA DELLE STRAGI

edited by Antonella Beccaria, Salvatore Borsellino, Federica Fabbretti, Giuseppe Lo Bianco , Stefano Mormile, Nunzia Mormile, Fabio Repici, Giovanni Spinosa

La storia occulta del nostro Paese viene scritta...


SULCIS IN FUNDO

SULCIS IN FUNDO

by Chessa Paolo Matteo

Il "giallo del pozzo" di Carbonia con l'assassinio...

MAFFIA & CO.

MAFFIA & CO.

by Andrea Leccese

Mafia è la parola italiana più famosa al...


IL VOTO DI SCAMBIO POLITICO-MAFIOSO

IL VOTO DI SCAMBIO POLITICO-MAFIOSO

by Mario Michele Giarrusso, Andrea Leccese

''La norma sul voto di scambio politico-mafioso nasce...

UNA SPECIE DI VENTO

UNA SPECIE DI VENTO

by Marco Archetti

Una storia che è un canto di vita:...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa