Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Di la tua Senti ''Non si nasconda dietro la ‘facoltà di non rispondere''

Di la tua | AntimafiaDuemila

''Non si nasconda dietro la ‘facoltà di non rispondere''

graviano lettera bongiovanniAss. Georgofili si rivolge al boss Giuseppe Graviano
di Giovanna Maggiani Chelli
Forse il 20 Ottobre l’avremo in aula a Palermo al dibattimento per stabilire una trattativa fra lo Stato e la mafia ai tempi in cui morirono i nostri figli.
Ancora una volta i nostri destini, la nostra sete di giustizia, sono nelle mani di un uomo dell’organizzazione criminale “Cosa nostra”, questa volta tocca ancora a Lei.
Il 20 ottobre prossimo ancora una volta è la ricerca della verità alla quale hanno diritto i nostri morti e i nostri invalidi ad essere in gioco e quella verità è ancora una volta legata alla formula che verrà a Lei sottoposta: se vuole può avvalersi della facoltà di non rispondere.
“Lei può avvalersi della facoltà di non rispondere”, la domanda che Le rivolgerà la Corte del giudice Montalto è la formula che regolamenta da tempo il grado di giustizia che ci spetta per diritto e che questo Paese troppo colluso con la mafia non sa darci.
Infatti ai tempi in cui verbalizzò il mafioso Giuseppe Monticciolo, non gli fu chiesto se voleva avvalersi della facoltà di non rispondere e a gennaio 2016 ci siamo ritrovati in aula il verbale del 2000 di Giuseppe Monticciolo, un verbale determinante per l’accertamento della verità, tramutato in carta straccia davanti alla Corte di Palermo, la stessa che il 20 Ottobre p.v.  ascolterà Lei.
Siamo convinti che Lei sia stanco di rimanere in carcere con un ergastolo ostativo, in regime di 41 bis sia pure ammorbidito per Lei da qualche anno, faccia ciò che è giusto che faccia, risponda alle domande del PM sulle intercettazioni che le sono attribuite, non si nasconda dietro la possibilità della “facoltà di non rispondere“ come ha consentito il sistema a Giuseppe Monticciolo per quanto lo stesso verbalizzò nel 2000.
Se poi il 20 ottobre 2017 a Palermo sapremmo che Lei sta collaborando con la giustizia, per noi sarebbe il massimo.

Giovanna Maggiani Chelli

Presidente
Associazione tra i familiari delle vittime della strage di via dei Georgofili

Le recensioni di AntimafiaDuemila

MORTE DEI PASCHI

MORTE DEI PASCHI

by Franco Fracassi, Elio Lannutti

La vicenda che ruota intorno al Monte dei...

FIUMI D'ORO

FIUMI D'ORO

by Nicola Gratteri, Antonio Nicaso

10 luglio 1973: viene rapito a Roma John...


IL CASO DAVID ROSSI

IL CASO DAVID ROSSI

by Davide Vecchi

Le ultime ore di vita di David RossiLa...

UNO SBIRRO NON LO SALVA NESSUNO

UNO SBIRRO NON LO SALVA NESSUNO

by Giacomo Cacciatore

Questo libro racconta la vera storia della scomparsa...


CARLO ALBERTO DALLA CHIESA. UN PAPÀ CON GLI ALAMARI

CARLO ALBERTO DALLA CHIESA. UN PAPÀ CON GLI ALAMARI

by Simona dalla Chiesa

"Un papà con gli alamari" non è una...

DALLA CHIESA

DALLA CHIESA

by Andrea Galli

Giovanissimo incursore durante la Seconda guerra mondiale, dopo...


UNA STRAGE SEMPLICE

UNA STRAGE SEMPLICE

by Nando dalla Chiesa

Capaci. E la sua continuazione, via D'Amelio. Una...

LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...


Libri in primo piano

collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI

Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia



quarantanni-di-mafia-agg
Saverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinita
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa


il ritorno del principe homeSaverio Lodato
Roberto Scarpinato


IL RITORNO DEL PRINCIPE
La criminalità dei potenti
in Italia



ho ucciso giovanni falcone homeSaverio Lodato

HO UCCISO
GIOVANNI FALCONE

La confessione
di Giovanni Brusca