Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Di la tua Senti Lettera aperta all'onorevole Paolo Cirino Pomicino

Di la tua | AntimafiaDuemila

Lettera aperta all'onorevole Paolo Cirino Pomicino

o ministrodi Enrico Fierro
Onorevole Pomicino,
ho letto con estremo interesse la sua intervista a Repubblica sulla morte di Ciro Cirillo. Non condivido neppure gli spazi bianchi, ma di una cosa posso darle atto, lei riscrive una parte della storia nera di questo Paese e lo fa a modo suo. Operazione semplice in questa Italia che se ne strafotte della verità.
“Ma no, ma quale trattativa…”, fa scrivere al suo intervistatore. Poi, parlando del defunto, verga il necrologio definitivo, tombale, che mai più potrà essere “macchiato” dalla lettura di inchieste giudiziarie, montagne di carte depositate nelle Commissioni del Parlamento italiano (Antimafia e Stragi), circostanze che sono impresse nella memoria dei sopravvissuti, da Raffaele Cutolo ai terroristi delle Br della colonna napoletana. Lei detta all’intervistatore: “Cirillo è stato un dirigente autorevole della Dc che ha sopportato la violenza delle Brigate Rosse con compostezza e riservatezza”. Fermiamoci su queste due ultime parole, “compostezza e riservatezza”, la chiave di volta per capire una vicenda piena zeppa di omissioni, depistaggi, false verità, complicità istituzionali, incestuosi rapporti tra politici, servizi segreti, camorra, Brigate rosse, pezzi della magistratura. Il memoriale che Cirillo annunciò in una intervista a Peppe D’Avanzo, forse non esiste, o forse sì. Negli ultimi anni della sua vita, Ciro Cirillo ha “giocato” con i giornalisti su questo aspetto non irrilevante. Infine, onorevole Pomicino, lei chiude la porta a doppia mandata ad una eventuale ricerca di altre verità. “Tutto quello che si doveva dire è stato detto e il chiacchiericcio di questi anni lascia il tempo che trova…”. “Chiacchiericcio” le inchieste di Carlo Alemi, un giudice che mise le mani dentro l’affare Cirillo, scoprì complicità e collusioni. Ciriaco De Mita, era il mese di luglio del 1988, da Presidente del Consiglio andò in Parlamento per bollarlo come “un giudice che si è posto al di fuori dei confini costituzionali”. Gli uomini dei servizi, i parlamentari, i ministri che andavano da Raffaele Cutolo a genuflettersi, avevano rispettato la Costituzione, quella vera, quella imposta dal sistema di potere politico-mafioso, il giudice Alemi no. Era un “eversore”, e come tale, venne messo sotto inchiesta dal ministro della Giustizia del tempo, il socialista Giuliano Vassalli e solo nel gennaio 1990 venne “assolto” dal Csm. Alemi, Libero Mancuso e gli altri giovani giudici che indagarono sui misteri della liberazione di Ciro Cirillo, erano pedinati, i loro telefoni intercettati, tutto ad opera dei servizi segreti. “Chiacchiericcio” non furono le pallottole che il 15 luglio 1982 crivellarono il capo della Mobile di Napoli Antonio Ammaturo e l’agente Pasquale Paola. “Ho mandato un dossier al Viminale, ci sono cose che faranno tremare l’Italia”, annunciò il commissario al fratello Grazio. Quel dossier non arrivò mai a Roma e Grazio Ammaturo morì qualche anno dopo in uno strano incidente d’auto in Tunisia. Pasquale Paola, giovane agente, amava il suo lavoro e scriveva poesie. “Chiacchiericcio”.
Ma lei, onorevole Pomicino, ha ragione: la storia la scrivono i vincitori. E lei ha vinto. Negli anni Ottanta diventò “’O ministro”, l’uomo che aveva in mano le leve finanziarie pubbliche che utilizzò per modernizzare il sistema di potere della Dc a Napoli e nell’intero Sud. Lei era una delle “menti raffinatissime” del grande circo andreottiano. Tutti bussavano alla sua porta, i comunisti la guardavano con ammirazione, i giornalisti la adoravano come un moderno principe e arricchivano di articoli (pagati benissimo) la sua rivista culturale, “Itinerario”. Lei ha vinto perché hanno vinto quelli come lei, una particolare e immortale specie politica oggi collocata un po’ in tutti i partiti.
"Abbiamo governato noi, governeranno i nostri figli e i figli dei nostri figli”, onorevole, certamente ricorderà questa frase di Arnaldo Forlani. Parole profetiche e vere. Avete vinto e potete riscrivere la storia come meglio vi pare. Il terreno è fertile. I sopravvissuti che ancora potrebbero raccontare la verità sul caso Cirillo, taceranno perché tutti hanno avuto la loro parte. I poliziotti “distratti” che nel corso degli anni hanno fatto brillanti carriere, i dirigenti dei servizi segreti complici, i magistrati che storcevano il naso rispetto alle inchieste dei loro colleghi, i brigatisti “premiati” con sconti di pena e Raffaele Cutolo, che dalla sua cella di un carcere speciale ha potuto godere della gioia di un figlio grazie all’inseminazione artificiale. Gli italiani sono assuefatti, qualcuno urla senza sapere, e la verità è noiosa. Non ci sono più i Francesco Rosi (“Le mani sulla città”, “Salvatore Giuliano”), i Peppe D’Avanzo, i Giorgio Bocca. I giornalisti sono distratti, il mondo corre veloce, e i registi (anche quelli napoletani) al racconto della realtà, preferiscono storie intime, cucina e tinello.
Onorevole, avete vinto, e noi facciamo volentieri a meno dell'onore delle armi.

Tratto da: facebook.com/enrifierro/posts/10155598777747628

Le recensioni di AntimafiaDuemila

UNA STRAGE SEMPLICE

UNA STRAGE SEMPLICE

by Nando dalla Chiesa

Capaci. E la sua continuazione, via D'Amelio. Una...

LA MAFIA DIMENTICATA

LA MAFIA DIMENTICATA

by Umberto Santino

I caporioni della mafia stanno sotto la salvaguardia...


IL PATTO INFAME

IL PATTO INFAME

by Luigi Grimaldi

Napoli, la mattina del 27 aprile 1982 un...

CANI SENZA PADRONE

CANI SENZA PADRONE

by Carmelo Sardo

C'è stato un tempo in cui, nella Sicilia...


1992. SULLE STRADE DI FALCONE E BORSELLINO

1992. SULLE STRADE DI FALCONE E BORSELLINO

by Alex Corlazzoli

A pochi giorni dall’anniversario dell’attentato in via D’Amelio,...

LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...


FUOCO CRIMINALE

FUOCO CRIMINALE

by Rossella Canadè

Una notte di novembre, a qualche chilometro da...

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

Il pentito della trattativa e il potente PrincipeI...


Libri in primo piano

collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI

Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano a trattare con la mafia


quarantanni-di-mafia-agg

Saverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinita
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa


apalermo-homeLuciano Mirone

A PALERMO PER MORIRE
I cento giorni che condannarono
il generale Dalla Chiesa




la-mafia-non-lascia-tempo-homeGaspare Mutolo con Anna Vinci

LA MAFIA NON LASCIA TEMPO
Vivere, uccidere, morire, dentro a Cosa Nostra. Il braccio destro di Totò Riina si racconta